Notebookcheck

Smartphone Asus ZenFone 5Z — Prime impressioni e prove pratiche

Vaidyanathan Subramaniam, 👁 J. Simon Leitner (traduzione a cura di Andrea Molteni), 09/30/2018

Un vero Telefono Zen. Dopo aver infilato una serie di insuccessi nelle vendite di ZenFone, Asus ha lanciato a luglio di quest'anno lo ZenFone 5Z, puntando ad utenti che apprezzano prestazioni di punta a un prezzo accessibile. Lo ZenFone 5Z si contrappone direttamente al campione in carica di questa fascia di prodotti, lo OnePlus 6, e offre un set di funzionalità simili ad un prezzo piu' economico. Lo ZenFone 5Z ha tutto quello che serve per essere un degno contendente di OnePlus 6 oppure Asus ha limato troppo sulle caratteristiche per rientrare nell'offerta proposta? Scopriamolo in questa dettagliata recensione.

Il 2018 si sta rivelando non solo l'anno dei telefoni con cornici sottili ma anche quello dei dispositivi top class accessibili. Telefoni che sfoggiano gli ultimi SoC, con abbondanti quantita' di RAM e di spazio di archiviazione, con le migliori fotocamere della linea hanno iniziato a raggiungere (e talvolta addirittura a superare) il limite dei 1.000 $, lasciando praticamente tutti gli utenti 'medi' che non vogliono rinunciare troppo alle prestazioni, a bocca asciutta. La serie OnePlus e' stata la portabandiera di questa community ed in particolare lo OnePlus 6 e' stato un precursore per coloro che cercano prestazioni di prima classe senza doversi sobbarcare il peso economico di alcuni componenti aggiuntivi presenti in altri dispositivi premium di Samsung, LG, e simili. Asus identifica del potenziale in questo mercato e si presenta quindi con lo ZenFone 5Z. La precedente generazione di ZenFones Asus era dotata di dispositivi abbastanza potenti, ma l'alto prezzo iniziale ha impedito al prodotto di trovare una breccia sopratutto nei mercati asiatici, molto sensibili sul versante dei prezzi.

Insomma, con il suo nuovo ZenFone 5Z, Asus spera di ritagliarsi la sua fetta in questo mercato competitivo. Per la prima volta, la societa' ha annunciato un dispositivo di prima classe senza troppi compromessi ad un prezzo molto competitivo rispetto allo OnePlus 6. Quindi, sara' in grado, lo ZenFone 5Z, di rispettare le affermazioni di Asus che pubblicizzano l'offerta di una grande esperienza smartphone a livello top class pur rimanendo nella categoria di prezzi fino a 500 $ (negli Stati Uniti)? Questo e' cio' che scopriremo in questa recensione pratica.

Nota — Vorremmo ringraziare Asus India per averci inviato la variante indiana dello ZenFone 5Z. Dal momento che dobbiamo ancora ricevere la versione europea nei nostri laboratori, questa e' una versione parziale rispetto alla tipica recensione di smartphone a cui siete abituati su Notebookcheck. Abbiamo incorporato la maggior parte dei soliti benchmark delle prestazioni, ma abbiamo omesso alcune misurazioni critiche per la nostra valutazione finale per mantenere la comparabilita' con altri smartphone in prova. Pertanto, ci riserviamo di assegnare una valutazione finale nel momento in cui riceveremo tutti le valutazioni complete. Speriamo che i nostri lettori ne prendano atto. Tutti i test sono stati effettuati sull'ultima versione del software 80.30.96.80 rilasciata il 24 agosto. I risultati delle prestazioni con e senza AI Boost sono stati chiaramente specificati in ogni tabella.

Asus ZenFone 5Z ZS620KL (Zenfone Serie)
Scheda grafica
Memoria
6144 MB 
Schermo
6.2 pollici 19:9, 2246 x 1080 pixel 402 PPI, SuperIPS LCD
Harddisk
64 GB UFS 2.1 Flash, 64 GB 
Dimensioni
altezza x larghezza x profondità (in mm): 7.9 x 153 x 75.7
Sistema Operativo
Android 8.0 Oreo
Altre caratteristiche
ZenUI 5, 12 Mesi Garanzia
Peso
155 gr
Prezzo
500 Euro
Note: The manufacturer may use components from different suppliers including display panels, drives or memory sticks with similar specifications.

 

Design - Un'esperienza Premium tutto vetro

Nella confezione troviamo lo ZenFone 5Z stesso, un caricabatterie da 18 W compatibile QuickCharge 3.0, un cavo adattatore da USB Type-C a USB Type-A, auricolari ZenEar Pro Hi-Res, una custodia in TPU, uno strumento per l'estrazione della SIM e le solite carte informative. Nonostante il suo prezzo economico, lo ZenFone 5Z ha un bell'aspetto e si tiene confortevolmente tra le mani. Il telefono ha il Corning Gorilla Glass 2,5D curvo sia sul davanti che sul retro e, seppur attraente, lo rende pero' facilmente incline a crepe e fratture se lasciato cadere da altezze consistenti. Il dispositivo inoltre, a causa del vetro e del telaio in alluminio sabbiato, potrebbe scivolare facilmente in mani umide, quindi e' sicuramente una buona cosa l'aver incluso la custodia in TPU nella confezione. Con circa 155 g (senza custodia), lo ZenFone 5Z si presenta molto leggero e confortevole all'atto pratico, ma la superficie scivolosa non e' per niente rassicurante.

Sarebbe stato bello se Asus avesse equipaggiato il telefono anche con la ricarica wireless dato il retro in vetro, ma a questo prezzo non possiamo lamentarci. La manifattura in generale e' buona ma rimane comunque fragile. Non e' dotato di classificazione IP per la protezione dalla polvere o dall'acqua, quindi, per non correre rischi, non usate il telefono sotto la pioggia.

Il lato superiore del telefono e' pulito, tranne un paio di linee d'antenna messe a filo con il resto del dispositivo e un microfono dotato di cancellazione del rumore di fondo. Sulla sinistra, abbiamo un altro microfono dotato di soppressione del rumore e un vassoio SIM ibrido che puo' ospitare sia due schede SIM nano 4G, sia una scheda SIM e una scheda microSD con capacita' fino a 2 TB. In basso, abbiamo un jack per cuffie da 3,5 mm (kudos, Asus), una porta USB Type-C, un microfono e la griglia dell'altoparlante. Infine, a destra, abbiamo il controllo del volume e il tasto di accensione. I tasti sono robusti e reattivi e offrono un buon feedback.

La parte posteriore ha un look elegante grazie alla finitura in vetro, in alto a sinistra abbiamo la doppia fotocamera (di cui parleremo diffusamente piu' avanti) insieme a un flash LED. Il sensore di impronte digitali e' dove ci si aspetta di trovarlo, in alto al centro, e' molto reattivo e non avrete nessun problema a raggiungerlo con l'indice. Quando la luce illumina il retro con un angolo appropriato, il caratteristico motivo circolare delle finiture Asus si espande proprio a partire dal sensore di impronte digitali, il che aggiunge un po' di grinta al design. Essendo il retro di vetro, tuttavia, le impronte digitali copriranno rapidamente la superficie.

Seguendo le tendenze del 2018, il display FHD + da 6.2 pollici dello ZenFone 5Z e' quasi senza cornice. Il vetro si fonde perfettamente con il telaio, ma si riesce comunque ancora a percepire il confine di separazione. Il controverso Notch superiore ospita la fotocamera da 8 MP per i selfie, un auricolare che funge anche da secondo altoparlante, il sensore di prossimita', la luce di notifica a LED e il sensore di luce ambientale. La cornice inferiore del display rimane piu' pronunciata delle altre, ma niente di troppo fastidioso.

Nel complesso, la qualita' costruttiva e il design dello ZenFone 5Z sono fantastici e siamo lieti che Asus non abbia lesinato sulle queste caratteristiche. Il telefono e' uno schianto, non fare errori.

Pannello frontale
Pannello frontale
Coperchio posteriore col sensore d'impronte digitali
Lato inferiore: Jack cuffie, porta USB type-C, microfono, Altoparlante
Lato sinistro: slot SIM ibrido, microfono con soppressione rumore di fondo
Lato destro: Tasto di accensione, volume
Lato superiore: linee antenna, microfono con soppressione rumore di fondo

Confronto Dimensioni

Caratteristiche e Specifiche - prezzo piu' che giustificato

ZenFone 5Z possiede la maggior parte delle funzionalita' che ti aspetteresti da uno smartphone moderno. Il fiore all'occhiello e' il SoC Qualcomm Snapdragon 845 che, insieme con la sua GPU Adreno 630, assicura prestazioni di altissimo livello per quasi tutto cio' che si prova. Asus offre due varianti di colore (Meteor Silver e Midnight Blue) per lo ZenFone 5Z, e tre opzioni di archiviazione: 6 GB di RAM e 64 GB di memoria (quella che stiamo testando), 6 GB di RAM e 128 GB di memoria e 8 GB di RAM e 256 GB di spazio di archiviazione. A differenza di OnePlus 6, lo storage puo' essere espanso tramite schede microSD fino a 2 TB.

Il telefono e' completamente attrezzato per quanto riguarda la connettivita'. Il vassoietto SIM puo' contenere due SIM con doppio supporto VoLTE e il telefono e' compatibile con entrambe le bande di rete FDD-LTE e TD-LTE insieme al supporto per dual-SIM dual-standby (DSDS). Sono presenti il set standard di radio, tra cui Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac, GPS, Bluetooth 5 con aptX HD-streaming audio, Wi-Fi Direct, NFC con Google Pay e radio FM. La presa USB del telefono e' di tipo C con supporto OTG ma funziona pero' a velocita' USB 2.0. Abbiamo inoltre una completa gamma di sensori presenti tra cui prossimita', luce ambientale, impronta digitale, RGB, bussola, accelerometro e giroscopio. La doppia fotocamera posteriore e' costituita da un sensore CMOS da 12 MP coadiuvato da un altro sensore da 8 MP con obiettivo grandangolare e infine un flash LED.

Per quanto riguarda la sicurezza, il telefono supporta l'impronta digitale e lo sblocco tramite riconoscimento facciale. Non ci sono illuminatori IR quindi lo sblocco facciale non funziona al buio. Il sensore di impronte digitali e' altamente reattivo e, facoltativamente, puo' essere utilizzato anche per scorrere verso il basso l'area notifiche.

Il telefono e' dotato di due diffusori a 5 magneti con due amplificatori NXP intelligenti che forniscono un suono stereo tramite l'auricolare che si trasforma nel secondo altoparlante. La disponibilita' di tre microfoni aiuta a ridurre il rumore di fondo durante le chiamate e il telefono puo' registrare tracce audio ad alta risoluzione a 192 kHz/24 bit. L'ultimo aggiornamento FOTA aggiunge anche la possibilita' di registrare audio stereo a 192 kbps di bitrate. Cuffie DTS: e' presente il supporto X e il software AudioWizard incluso aiuta a rifinire l'output per il tipo di cuffie collegate. Il telefono e' dotato di una batteria da 3.300 mAh, che dovrebbe consentire un'autonomia di un tipico giorno lavorativo, sebbene un uso intenso porterebbe ovviamente a durate piu' brevi del previsto.

Software - Android Oreo 8.0, ZenUI 5 e una buona dose di 'AI'

ZenFone 5Z viene fornito con ZenUI 5, Elaborato da Asus a partire da Android 8.0 Oreo. Ci saremmo aspettati piuttosto Android 8.1 Oreo, ma a quanto pare Asus vuole fare direttamente il salto ad Android 9.0 Pie. Negli due mesi successivi al lancio ci sono stati almeno tre importanti aggiornamenti software, dando l'impressione che Asus si sia davvero impegnata a perfezionare l'esperienza software del dispositivo. Come accennato in precedenza, stiamo attualmente testando la Build 80.30.96.80 che offre diverse nuove funzionalita', tra cui sblocco lift-to-face e le gestures stile Android Pie. Quest'ultimo aggiornamento porta anche molti miglioramenti relativi alla fotocamera, dei quali ci occuperemo dettagliatamente nel relativo capitolo.

La descrizione di tutte le funzionalita' del software ZenUI genererebbe un intero articolo a se stante, pertanto, ci limitiamo a descrivere solo i piu' importanti. Nonostante sia cosi' ricco di funzionalita', ZenUI non ha praticamente alcun bloatware preinstallato. Infatti, la maggior parte delle app preinstallate, come la piccola serie di app di Asus, le app di Google, Facebook, Messenger, Instagram, ecc., Sono tutte effettivamente utili. Sebbene non sia possibile disinstallare le app precaricate, si possono comunque disabilitare nella gestione applicazioni. E' possibile trovare tutte le funzionalita' previste di una ROM OEM, inclusi il gemellaggio delle app per quelle che lo supportano, app isolate e altro.

Andando alle opzioni Avanzate nel menu Impostazioni si accede ad una serie di funzioni 'AI'. Asus ha letteralmente riempito di intelligenza artificiale tutto lo ZenUI, anche se la maggior parte di queste app non puo' essere definita AI nel vero e proprio senso del termine. Alcune caratteristiche AI ​​importanti includono OptiFlex e Suggest Apps che accelera l'accesso alle app usate di frequente o anche a quelle specificate. Analizzeremo altre funzioni AI nelle sezioni pertinenti.

Alcune altre caratteristiche di ZenUI includono Game Genie, BeautyLive, ZeniMoji, Safeguard, Page Marker e Kids Mode / Easy Mode insieme al supporto per i temi. Non sono semplici temi aggiuntivi ma implementa una revisione dell'interfaccia utente in maniera ordinata.

ZenUI e' inoltre dotato di un'app Mobile Manager che consente di gestire gran parte degli aspetti del telefono come il controllo della RAM, l'utilizzo dei dati, l'archiviazione e la batteria, gestire la sicurezza e le autorizzazioni, ripulire la memoria e altro. Coloro che utilizzano frequentemente screenshot di app e siti Web troveranno le agevolazioni proposte da ZenUI molto utili. L'editor di foto integrato offre una miriade di effetti, filtri e utili funzioni di trasformazione.

Come affermato in precedenza, la dotazione software e' decisamente ampia. Complessivamente, Asus ha cercato di fare in modo che ZenUI si rivolga alla maggior parte possibile degli utenti, da quelli di base a quelli piu' esperti. Asus ha lavorato sulla gestione della RAM e la relativa visualizzazione. Non abbiamo mai osservato incertezze nell'interfaccia utente, anche durante un uso intensivo. Se siete alla ricerca di un'interfaccia utente ricca di funzionalita' e anche altamente reattiva, ZenUI si adatta perfettamente al vostro scopo.

Informazioni sul telefono
Informazioni sul telefono
Multitasking
Multitasking
Tendina Notifiche
Tendina Notifiche
Aggiornamento all'ultimo firmware
App Asus preinstallate
App Mobile Manager
Ottimizzazione memoria
App Selfie Master
Opzioni sfondo
Impostazioni Gesture
Impostazioni schermata Home
App OptiFlex nella riga inferiore delle app
Editor galleria
File manager

Telefonia, Reti e GPS

ZenFone 5Z si comporta bene, partendo proprio dalle caratterische di base. La qualita' delle chiamate e' rimasta buona anche nelle aree con ricezione scadente. Dual SIM e dual VoLTE vengono supportate immediatamente. Tuttavia, occorre anche verificare con il proprio operatore mobile se VoLTE sia operativo nella vostra area di copertura. L'ultimo aggiornamento FOTA imposta in automatico il supporto 4G per la SIM1 e 3G per la SIM2, ma si puo' comunque forzare manualmente il 4G su entrambe le SIM, se lo desiderate. I microfoni con soppressione del rumore di fondo si sono comportati bene. Il vostro interlocutore riesce sentirvi chiaramente anche in un ambiente rumoroso. Durante la chiamata non e' stata rilevata alcuna latenza o perdita di qualita' audio. Entrambe le voci sono chiare e il telefono fa sempre del suo meglio per agganciare il miglior segnale possibile. Non abbiamo trovato un'opzione per abilitare il passaggio intelligente tra Wi-Fi e LTE, come avviene nei piu' evoluti telefoni Samsung. Questa caratteristica potrebbe essere parte integrante del firmware oppure potrebbe essere rilasciato un aggiornamento futuro che la abilita. Contatteremmo Asus in merito a questo particolare e aggiorneremo l'articolo di conseguenza se otterremo una risposta.

La connettivita' Wi-Fi funziona come pubblicizzato. e' possibile ottenere sia il supporto della banda a 2,4 GHz che a 5 GHz e il telefono potrebbe raggiungere il limite di download e upload a 50 Mbps del piano a banda larga utilizzato. Non ci sono state interruzioni nella trasmissione dei dati durante le chiamate. Asus non ha indicato alcun limite di velocita' di download LTE, quindi se la vostra rete consente il Gigabit LTE in teoria dovrebbe essere possibile ottenere tali velocita', tuttavia in pratica le velocita' LTE raggiungono a malapena i 40 Mbps anche in aree con una buona copertura.

Il GPS ha funzionato bene in quasi tutte le circostanze. Tuttavia, il telefono ha avuto qualche problema nell'ottenere una localizzazione al chiuso con tutte le porte chiuse e alcune finestre aperte. All'aperto invece non ci sono stati problemi con una localizzazione quasi immediata. Con il supporto per piu' reti satellitari, non ci saranno problemi a tracciare la rotta in molte parti del mondo. Il consumo della batteria durante l'utilizzo del GPS e' rimasto nei parametri standard.

Dialer UI
Dialer UI
Registrazione chiamata UI
Registrazione chiamata UI
Impostazione connessioni
Impostazione connessioni
Impostazione reti mobili
Impostazioni Wi-Fi
GPS al chiuso
GPS all' aperto

Display - Uno dei migliori pannelli Super IPS disponibile

Impostazione colori
Impostazione colori
Modalita' DCI-P3, sRGB, e personalizzato
Modalita' DCI-P3, sRGB, e personalizzato
Supporto Widevine CDM L1
Supporto Widevine CDM L1

Lo ZenFone 5Z supera lo OnePlus 6 sotto molti punti di vista e uno dei motivi per cui e' in grado di farlo puo' essere attribuito al display. Asus utilizza un display Super IPS anziche' l'Optic OLED di cui lo OnePlus 6 e' dotato. Questo e' uno dei migliori display IPS che abbiamo visto su uno smartphone finora. I neri sono quasi simili a un inchiostro (non a livello dei pannelli OLED, ovviamente) e il display mostra un contrasto e un colore eccezionali. Con una luminosita' nominale di 550 nit, il display e' anche sufficientemente luminoso sia all'interno che all'esterno. Inutile dire che il sensore di luce ambientale puo' regolare automaticamente il livello di luminosita' per una migliore esperienza visiva a seconda della luce disponibile. Non abbiamo notato ne lags ne ghosting durante la riproduzione di giochi intensivi a 60 fps nella risoluzione nativa, quindi i tempi di risposta dovrebbero essere buoni. Il touchscreen rimane sensibile anche indossando i guanti e puo' essere ridimensionato anche all' uso con una sola mano se il raggiungimento dei bordi dello schermo risultasse problematico.

La tacca (o notch dall'inglese) non e' molto invasiva e puo' essere mascherata nelle Impostazioni. Poiche' questo non e' un pannello OLED, il contorno della tacca rimane ancora visibile se visto di lato, ma niente di preoccupante. La parte migliore e' che l'ultimo aggiornamento produce angoli piu' arrotondati quando la tacca e' nascosta per imitare l'aspetto del bordo inferiore. Sono cambiamenti minori, ma fanno la differenza quando si tiene la tacca sempre nascosta. ZenUI offre anche un pulsante di ridimensionamento del display per applicazioni come Skype che non si adattano perfettamente alla piena altezza dello schermo 19: 9 e il risultato e' buono.

Il display offre una gamma di colori DCI-P3 ampia. e' anche possibile impostarlo su sRGB o personalizzare la tonalita' e la saturazione utilizzando l'app Splendid nelle impostazioni dello schermo. L'app Splendid offre anche un filtro blu-chiaro per ridurre le emissioni di lunghezza d'onda blu durante l'uso notturno. Siamo contenti di vedere che ZenFone 5Z supporta il livello di sicurezza L1 per il Widevine Content Decryption Module, che in parole povere significa che si possono ricevere contenuti Netflix e Amazon Prime a 720p ed oltre.

Ci riserviamo di fornire i numeri esatti del display come la distribuzione della luminosita', i tempi di risposta, la precisione del colore e PWM in un aggiornamento successivo a questa recensione. Basti dire che non abbiamo assolutamente riscontrato problemi con il display nell'uso quotidiano sia per messaggi di testo, giochi o multimediali.

Display all'aperto con luminosita' automatica
Display all'aperto con luminosita' automatica
Display all'aperto con luminosita' al massimo
Display all'aperto con luminosita' al massimo
Display al chiuso con luminosita' automatica
Display al chiuso con luminosita' automatica

Fotocamere - Buone prestazioni con spazi per qualche miglioramento

ZenFone 5Z e' dotato di una configurazione a doppia fotocamera. A differenza della maggior parte dei telefoni a doppia fotocamera in questa fascia di prezzo, quello che abbiamo qui e' un obiettivo grandangolare in aggiunta al sensore principale da 12 MP. L'app fotocamera e' generalmente ben progettata. Anche i nuovi utenti si troveranno a loro agio con tale layout. Al momento del lancio, il software della fotocamera aveva alcune limitazioni: non era possibile scattare foto panoramiche o regolare le impostazioni EIS / OIS. Tuttavia, con gli aggiornamenti successivi, ZenFone 5Z e' stato notevolmente migliorato nel reparto di imaging. In effetti, la maggior parte delle nuove funzionalita' di questi aggiornamenti riguardava proprio la fotocamera. Alcune delle aggiunte degne di nota nell'ultimo aggiornamento FOTA includono supporto RAW, filtri attivi, anti-sfarfallio automatico, passaggio automatico tra EIS e OIS e rilevamento del surriscaldamento durante la registrazione video. Inoltre e' stato aggiunto anche il supporto per l'acquisizione audio stereo a 192 kbps.

Opzioni fotocamera
Opzioni fotocamera
Modalita' auto
Modalita' auto
Modalita' pro
Modalita' pro
Filtri live
Filtri live

Fotocamera posteriore

Diamo prima un'occhiata alle fotocamere posteriori. La fotocamera principale da 12 MP produce ottimi risultati alla luce del giorno. Si basa su un sensore IMX363 Sony con apertura f/1.8 e una lunghezza focale di 24 mm. Le immagini hanno una nitidezza adeguata e i colori vengono riprodotti accuratamente. L'isolamento del soggetto dallo sfondo e' molto buono e la fotocamera rileva automaticamente la scena e regola le impostazioni della fotocamera in modalita' Auto. Tuttavia, non e' possibile disattivare il riconoscimento della scena AI in modalita' normale, per poterlo fare e' necessario passare alla modalita' Pro, acquisendo anche un controllo piu' fine della app.

La modalita' Pro offre un'interfaccia intuitiva per la regolazione dei vari parametri della fotocamera e funziona anche con l'obiettivo grandangolare. Abbiamo trovato due cose degne di nota sulla fotocamera principale: buoni effetti bokeh con poca o nessuna perdita di informazioni ai bordi (a meno che non siano completamente ingranditi) e riproduzione dei colori abbastanza accurata senza eccessiva saturazione grazie al sensore di correzione del colore RGB. In condizioni di scarsa luminosita', la fotocamera principale da 12 MP produce buoni scatti, ma nulla fuori dall'ordinario. Spesso abbiamo dovuto ridurre i valori di esposizione per ottenere una rappresentazione piu' accurata della scena al buio, poiche' la fotocamera tende a consentire piu' luce del necessario. Un buon aspetto della fotocamera principale e' che supporta sia EIS che OIS e puo' passare da uno all'altro a seconda della scena.

Lo ZenFone 5Z ha anche una fotocamera grandangolare a 8 MP con apertura di 120 gradi. Ci sono pero' alcune limitazioni con la fotocamera grandangolare. Mentre funziona alla luce del giorno, la debolezza dell'obiettivo grandangolare diventa molto evidente in condizioni di scarsa illuminazione. C'e' molto rumore nelle foto, uno smorzamento eccessivo e una perdita generale di dettagli. Che Asus sia in grado di mettere a punto l'obiettivo grandangolare tramite degli aggiornamenti del software e' piuttosto dubbio in quanto queste limitazioni sembrano essere piu' dovute all'hardware che al software stesso. Tuttavia, e' una buona mossa di Asus fornire una fotocamera secondaria funzionale invece di un piccolo sensore da 2 MP che e' utile solo per effetti bokeh. Detto questo, vorremmo vedere Asus perfezionare ulteriormente gli effetti bokeh e mettere a punto le potenzialita' dell'obiettivo grandangolare nella massima misura possibile.

HDR off
HDR off
Macro bokeh
Fotocamera grandangolare
Portrait bokeh
Fotocamera principale con luce scarsa

Fotocamera frontale

Foto fatta con la fotocamera frontale
Foto fatta con la fotocamera frontale

La fotocamera frontale da 8 MP f/2.0 dello ZenFone 5Z non vanta tanti pixel quanto quelli dei telefoni Xiaomi o Oppo, ma compie il suo lavoro in modo decente. Questa fotocamera supporta EIS per foto e video e si affida molto piu' al software per produrre buone immagini. Dal momento che non ci sono flash LED soft sul frontale, gli scatti notturni notte non hanno nulla particolare da menzionare. Le foto diurne vanno ugualmente bene. La modalita' Ritratto da buoni risultati e c'e' una buona separazione del soggetto dallo sfondo. Nel complesso la fotocamera anteriore e' passabile, anche se risulta essere un po' carente nel reparto hardware, senza avere quindi la pretesa di essere l'ultimo ritrovato in fatto di selfie.

Tuttavia, Asus compensa queste carenze con una corposa dotazione software. C'e' un'app Selfie Master che offre alcune opzioni di abbellimento insieme a un creatore di slide-show e animazioni di ZeniMoji. Nell'applicazione fotocamera principale, c'e' una modalita' Bellezza che consente di modificare alcuni aspetti di un ritratto del viso come la tonalita' della pelle, la luminosita', i miglioramenti degli occhi, l'assottigliamento della guancia ecc. Non e' all' altezza di una chirurgia plastica, ma svolge il suo lavoro egregiamente e i risultati possono variare da faccia a faccia.

Ora parliamo di video. ZenFone 5Z offre registrazioni a 4K fino a 60 fps, ma a questa risoluzione sono disattivate le funzioni di stabilizzazione video. EIS / OIS possono essere invece abilitati se si scende a 4K 30fps o inferiori. La qualita' del video e' buona e la fotocamera non sembra aver avuto troppa difficolta' a bloccare la messa a fuoco mentre si muoveva l'obbiettivo sulla scena. I colori non sono molto vividi ma sono accurati e tutti i dettagli sono ben presentati. Un'ottima caratteristica e' la possibilita' di registrare audio stereo ad un bitrate di 192 kbps. Il tracciamento stereo e la separazione dei canali sono davvero ben fatti. A differenza di OnePlus 6, non ci sono limiti al tempo di registrazione a 4K60, ma il telefono avvisa che si sta surriscaldando dopo riprese prolungate. I video al rallentatore a 240 fps nelle risoluzioni HD e FHD sono supportati, ma non aspettatevi prestazioni ai livelli di Galaxy S9 +.

Prestazioni - Consistenti, regolari e senza rallentamenti

Il SoC Snapdragon 845 dello ZenFone 5Z assicura prestazioni fluide senza ritardi percepibili anche nelle applicazioni e nei giochi piu' impegnativi. ZenUI offre una modalita' 'AI Boost' che assegna diligentemente le risorse alle app o al gioco in primo piano per garantire un funzionamento fluido. La RAM da 6 GB permette di avere spazio sufficiente per archiviare le app in memoria senza doverle riavviare ogni volta. La gestione della memoria di ZenUI sembra funzionare bene: con cinque schede aperte in Chrome, PUBG e Shadow Fight 3 aperte, e alcune app IM in esecuzione in background, il telefono non ha quasi mai mostrato rallentamenti. e' possibile cancellare manualmente la memoria dalla barra di notifica oppure lasciare che il telefono faccia il lavoro da solo. Anche nei momenti in cui il gestore della memoria mostrava solo circa 1 GB di RAM libera, non c'erano praticamente ritardi. Il nostro suggerimento e' semplicemente di lasciare che il telefono faccia il lavoro sporco in background. Coloro che acquistano la versione da 8 GB potrebbero avere meno problemi in futuro, ma per la maggior parte degli scopi odierni, 6 GB di RAM dovrebbero essere piu' che sufficienti.

Prestazioni CPU e GPU

Abbiamo eseguito tutti i benchmark con e senza AI Boost per vedere se c'e' qualche differenza percettibile nei punteggi. Le differenze nei punteggi sono comprese nell'intervallo del 5% nella maggior parte dei benchmark. AnTuTu e Geekbench Compute hanno mostrato una differenza di numeri tra il 5 e il 6%, ma il resto non ha mostrato alcun aumento apprezzabile dei valori con AI Boost On. Asus dovrebbe essere elogiata per aver adottato un comportamento trasparente nel non attivare di nasccosto AI Boost ogni volta che vengono eseguiti dei benchmark; al contrario, si riceve la richiesta di attivare AI Boost ogni volta che il telefono rileva l'esecuzione di un'applicazione di benchmark. e' interessante notare che, al contrario, il prompt non viene visualizzato durante l'apertura dei giochi.

Lo ZenFone 5Z riesce anche a ottenere punteggi, nei test di CPU e GPU, piu' alti o alla pari con la maggior parte dei portabandiera di quest'ultima generazione tra cui il Samsung Galaxy S9+, lo OnePlus 6, l'LG G7 ThinQ e simili. Questo puo' essere attribuito ad una riuscita combinazione di abilita' intrinseche di Snapdragon 845 insieme alle ottimizzazioni portate nella scheda di Asus. L'utilizzo della CPU supera appena il limite del 55% anche durante la riproduzione di PUBG anche per lunghi periodi di tempo. Vi sono ancora margini di miglioramento poiche' Asus continua ad ottimizzare ZenUI, quindi aspettatevi alcuni aggiornamenti anche su questo punto.

AnTuTu v7 - Total Score
Vivo Nex Ultimate
286241 Points ∼100% +5%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
272546 Points ∼95%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
266374 Points ∼93% -2%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (246366 - 290397, n=14)
268351 Points ∼94% -2%
Sony Xperia XZ2
266981 Points ∼93% -2%
OnePlus 6
266686 Points ∼93% -2%
LG G7 ThinQ
256276 Points ∼90% -6%
Samsung Galaxy S9 Plus
250577 Points ∼88% -8%
Sony Xperia XZ2 Premium
246366 Points ∼86% -10%
OnePlus 5T
214815 Points ∼75% -21%
Honor 10
205297 Points ∼72% -25%
Honor Play
152773 Points ∼53% -44%
Media della classe Smartphone (17073 - 348178, n=144)
110567 Points ∼39% -59%
PCMark for Android
Work 2.0 performance score
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
8430 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
8365 Points ∼99% -1%
OnePlus 6
8282 Points ∼98% -2%
Sony Xperia XZ2 Premium
8178 Points ∼97% -3%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (7360 - 8601, n=14)
8107 Points ∼96% -4%
Sony Xperia XZ2
8069 Points ∼96% -4%
LG G7 ThinQ
7717 Points ∼92% -8%
Vivo Nex Ultimate
7580 Points ∼90% -10%
Honor 10
7046 Points ∼84% -16%
OnePlus 5T
6595 Points ∼78% -22%
Honor Play
6293 Points ∼75% -25%
Samsung Galaxy S9 Plus
5319 Points ∼63% -37%
Media della classe Smartphone (6998 - 8601, n=231)
4395 Points ∼52% -48%
Work performance score
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
10571 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
9971 Points ∼94% -6%
Sony Xperia XZ2 Premium
9858 Points ∼93% -7%
OnePlus 6
9630 Points ∼91% -9%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (7998 - 10571, n=12)
9542 Points ∼90% -10%
LG G7 ThinQ
9503 Points ∼90% -10%
Honor Play
9326 Points ∼88% -12%
Sony Xperia XZ2
9319 Points ∼88% -12%
Honor 10
8530 Points ∼81% -19%
Vivo Nex Ultimate
7998 Points ∼76% -24%
OnePlus 5T
7739 Points ∼73% -27%
Samsung Galaxy S9 Plus
5822 Points ∼55% -45%
Media della classe Smartphone (4147 - 10571, n=394)
4760 Points ∼45% -55%
BaseMark OS II
Web
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
1613 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
1606 Points ∼100% 0%
Sony Xperia XZ2 Premium
1400 Points ∼87% -13%
OnePlus 6
1386 Points ∼86% -14%
LG G7 ThinQ
1374 Points ∼85% -15%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (1009 - 1613, n=13)
1356 Points ∼84% -16%
Sony Xperia XZ2
1346 Points ∼83% -17%
OnePlus 5T
1329 Points ∼82% -18%
Honor 10
1316 Points ∼82% -18%
Samsung Galaxy S9 Plus
1109 Points ∼69% -31%
Honor Play
1091 Points ∼68% -32%
Vivo Nex Ultimate
1009 Points ∼63% -37%
Media della classe Smartphone (7 - 1731, n=471)
680 Points ∼42% -58%
Graphics
OnePlus 6
7949 Points ∼100% +1%
LG G7 ThinQ
7906 Points ∼99% +1%
Vivo Nex Ultimate
7887 Points ∼99% 0%
Sony Xperia XZ2
7868 Points ∼99% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
7860 Points ∼99%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
7777 Points ∼98% -1%
Sony Xperia XZ2 Premium
7743 Points ∼97% -1%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (5846 - 7965, n=13)
7736 Points ∼97% -2%
Samsung Galaxy S9 Plus
6370 Points ∼80% -19%
OnePlus 5T
6100 Points ∼77% -22%
Honor 10
4397 Points ∼55% -44%
Honor Play
2231 Points ∼28% -72%
Media della classe Smartphone (18 - 15875, n=471)
1622 Points ∼20% -79%
Memory
Vivo Nex Ultimate
4798 Points ∼100% +22%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
3924 Points ∼82%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
3762 Points ∼78% -4%
OnePlus 5T
3845 Points ∼80% -2%
Honor 10
3808 Points ∼79% -3%
OnePlus 6
3799 Points ∼79% -3%
LG G7 ThinQ
3744 Points ∼78% -5%
Sony Xperia XZ2 Premium
3704 Points ∼77% -6%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (2193 - 4798, n=13)
3442 Points ∼72% -12%
Samsung Galaxy S9 Plus
2625 Points ∼55% -33%
Honor Play
2417 Points ∼50% -38%
Sony Xperia XZ2
2193 Points ∼46% -44%
Media della classe Smartphone (21 - 4798, n=471)
1171 Points ∼24% -70%
System
Sony Xperia XZ2 Premium
8418 Points ∼100% +4%
Sony Xperia XZ2
8402 Points ∼100% +4%
Vivo Nex Ultimate
8252 Points ∼98% +2%
OnePlus 6
8228 Points ∼98% +2%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
8081 Points ∼96%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
8023 Points ∼95% -1%
LG G7 ThinQ
8070 Points ∼96% 0%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (5792 - 8435, n=13)
7672 Points ∼91% -5%
Samsung Galaxy S9 Plus
6413 Points ∼76% -21%
Honor 10
5882 Points ∼70% -27%
OnePlus 5T
5872 Points ∼70% -27%
Honor Play
3795 Points ∼45% -53%
Media della classe Smartphone (369 - 12202, n=471)
2367 Points ∼28% -71%
Overall
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
4478 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
4406 Points ∼98% -2%
OnePlus 6
4308 Points ∼96% -4%
Sony Xperia XZ2 Premium
4288 Points ∼96% -4%
LG G7 ThinQ
4257 Points ∼95% -5%
Vivo Nex Ultimate
4213 Points ∼94% -6%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (3489 - 4478, n=13)
4056 Points ∼91% -9%
Sony Xperia XZ2
3738 Points ∼83% -17%
OnePlus 5T
3678 Points ∼82% -18%
Honor 10
3374 Points ∼75% -25%
Samsung Galaxy S9 Plus
3302 Points ∼74% -26%
Honor Play
2174 Points ∼49% -51%
Media della classe Smartphone (150 - 6097, n=475)
1185 Points ∼26% -74%
Geekbench 4.1/4.2
Compute RenderScript Score
Sony Xperia XZ2 Premium
14417 Points ∼100% +2%
Sony Xperia XZ2
14362 Points ∼100% +1%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
14160 Points ∼98%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
13496 Points ∼94% -5%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (12493 - 14417, n=11)
13859 Points ∼96% -2%
Vivo Nex Ultimate
13666 Points ∼95% -3%
LG G7 ThinQ
13497 Points ∼94% -5%
Honor 10
8634 Points ∼60% -39%
Honor Play
8454 Points ∼59% -40%
OnePlus 5T
8000 Points ∼55% -44%
Samsung Galaxy S9 Plus
6202 Points ∼43% -56%
Media della classe Smartphone (836 - 14417, n=169)
4129 Points ∼29% -71%
64 Bit Multi-Core Score
Vivo Nex Ultimate
9136 Points ∼100% +1%
LG G7 ThinQ
9029 Points ∼99% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
9014 Points ∼99%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
8849 Points ∼97% -2%
Samsung Galaxy S9 Plus
8963 Points ∼98% -1%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (8437 - 9182, n=13)
8763 Points ∼96% -3%
Sony Xperia XZ2 Premium
8522 Points ∼93% -5%
Sony Xperia XZ2
8510 Points ∼93% -6%
Honor Play
6673 Points ∼73% -26%
OnePlus 5T
6670 Points ∼73% -26%
Honor 10
6610 Points ∼72% -27%
Media della classe Smartphone (1099 - 11598, n=219)
4145 Points ∼45% -54%
64 Bit Single-Core Score
Samsung Galaxy S9 Plus
3776 Points ∼100% +54%
Sony Xperia XZ2
2464 Points ∼65% 0%
Vivo Nex Ultimate
2464 Points ∼65% 0%
Sony Xperia XZ2 Premium
2457 Points ∼65% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
2457 Points ∼65%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
2425 Points ∼64% -1%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (2425 - 2468, n=13)
2449 Points ∼65% 0%
LG G7 ThinQ
2448 Points ∼65% 0%
OnePlus 5T
1962 Points ∼52% -20%
Honor Play
1904 Points ∼50% -23%
Honor 10
1890 Points ∼50% -23%
Media della classe Smartphone (394 - 4824, n=220)
1224 Points ∼32% -50%
3DMark
2560x1440 Sling Shot Extreme (ES 3.1) Unlimited Physics
OnePlus 6
3566 Points ∼100% +1%
Sony Xperia XZ2
3537 Points ∼99% +1%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
3515 Points ∼99%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
3512 Points ∼98% 0%
LG G7 ThinQ
3416 Points ∼96% -3%
OnePlus 5T
3161 Points ∼89% -10%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (2223 - 3577, n=14)
2990 Points ∼84% -15%
Sony Xperia XZ2 Premium
2713 Points ∼76% -23%
Honor Play
2702 Points ∼76% -23%
Vivo Nex Ultimate
2577 Points ∼72% -27%
Samsung Galaxy S9 Plus
2546 Points ∼71% -28%
Honor 10
2533 Points ∼71% -28%
Media della classe Smartphone (611 - 3577, n=248)
1635 Points ∼46% -53%
2560x1440 Sling Shot Extreme (ES 3.1) Unlimited Graphics
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
5747 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
5641 Points ∼98% -2%
Sony Xperia XZ2
5690 Points ∼99% -1%
Vivo Nex Ultimate
5689 Points ∼99% -1%
Sony Xperia XZ2 Premium
5651 Points ∼98% -2%
OnePlus 6
5547 Points ∼97% -3%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (4209 - 8206, n=14)
5489 Points ∼96% -4%
LG G7 ThinQ
5322 Points ∼93% -7%
OnePlus 5T
4347 Points ∼76% -24%
Samsung Galaxy S9 Plus
3792 Points ∼66% -34%
Honor Play
3041 Points ∼53% -47%
Honor 10
2963 Points ∼52% -48%
Media della classe Smartphone (75 - 8206, n=248)
1363 Points ∼24% -76%
2560x1440 Sling Shot Extreme (ES 3.1) Unlimited
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
5036 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
4971 Points ∼99% -1%
Sony Xperia XZ2
5012 Points ∼100% 0%
OnePlus 6
4937 Points ∼98% -2%
LG G7 ThinQ
4735 Points ∼94% -6%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (3512 - 5135, n=14)
4569 Points ∼91% -9%
Sony Xperia XZ2 Premium
4555 Points ∼90% -10%
Vivo Nex Ultimate
4485 Points ∼89% -11%
OnePlus 5T
4012 Points ∼80% -20%
Samsung Galaxy S9 Plus
3420 Points ∼68% -32%
Honor Play
2959 Points ∼59% -41%
Honor 10
2855 Points ∼57% -43%
Media della classe Smartphone (93 - 5135, n=251)
1266 Points ∼25% -75%
2560x1440 Sling Shot OpenGL ES 3.0 Unlimited Physics
OnePlus 6
3555 Points ∼100% +2%
Sony Xperia XZ2
3540 Points ∼100% +2%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
3486 Points ∼98%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
3148 Points ∼89% -10%
OnePlus 5T
3157 Points ∼89% -9%
LG G7 ThinQ
3109 Points ∼87% -11%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (2110 - 3570, n=13)
2940 Points ∼83% -16%
Honor Play
2885 Points ∼81% -17%
Sony Xperia XZ2 Premium
2721 Points ∼77% -22%
Honor 10
2706 Points ∼76% -22%
Samsung Galaxy S9 Plus
2561 Points ∼72% -27%
Vivo Nex Ultimate
2110 Points ∼59% -39%
Media della classe Smartphone (530 - 3570, n=262)
1616 Points ∼45% -54%
2560x1440 Sling Shot OpenGL ES 3.0 Unlimited Graphics
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
8352 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
8291 Points ∼99% -1%
Sony Xperia XZ2
8233 Points ∼99% -1%
OnePlus 6
8014 Points ∼96% -4%
LG G7 ThinQ
7882 Points ∼94% -6%
Vivo Nex Ultimate
7823 Points ∼94% -6%
Sony Xperia XZ2 Premium
7609 Points ∼91% -9%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (5228 - 8451, n=13)
7480 Points ∼90% -10%
OnePlus 5T
6056 Points ∼73% -27%
Samsung Galaxy S9 Plus
4797 Points ∼57% -43%
Honor Play
4040 Points ∼48% -52%
Honor 10
3682 Points ∼44% -56%
Media della classe Smartphone (131 - 14951, n=262)
1895 Points ∼23% -77%
2560x1440 Sling Shot OpenGL ES 3.0 Unlimited
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
6375 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
6083 Points ∼95% -5%
Sony Xperia XZ2
6359 Points ∼100% 0%
OnePlus 6
6267 Points ∼98% -2%
LG G7 ThinQ
5877 Points ∼92% -8%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (4054 - 6482, n=13)
5547 Points ∼87% -13%
Sony Xperia XZ2 Premium
5438 Points ∼85% -15%
OnePlus 5T
5030 Points ∼79% -21%
Vivo Nex Ultimate
4884 Points ∼77% -23%
Samsung Galaxy S9 Plus
4018 Points ∼63% -37%
Honor Play
3710 Points ∼58% -42%
Honor 10
3409 Points ∼53% -47%
Media della classe Smartphone (159 - 7856, n=263)
1604 Points ∼25% -75%
2560x1440 Sling Shot Extreme (ES 3.1) Physics
Sony Xperia XZ2
3630 Points ∼100% +5%
Sony Xperia XZ2 Premium
3620 Points ∼100% +4%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
3473 Points ∼96%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
3399 Points ∼94% -2%
OnePlus 6
3432 Points ∼95% -1%
Vivo Nex Ultimate
3271 Points ∼90% -6%
LG G7 ThinQ
3255 Points ∼90% -6%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (2118 - 3669, n=13)
3200 Points ∼88% -8%
OnePlus 5T
3068 Points ∼85% -12%
Honor Play
2827 Points ∼78% -19%
Honor 10
2582 Points ∼71% -26%
Samsung Galaxy S9 Plus
2469 Points ∼68% -29%
Media della classe Smartphone (549 - 3669, n=323)
1575 Points ∼43% -55%
2560x1440 Sling Shot Extreme (ES 3.1) Graphics
OnePlus 6
5212 Points ∼100% +1%
Sony Xperia XZ2 Premium
5190 Points ∼100% +1%
Vivo Nex Ultimate
5171 Points ∼99% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
5158 Points ∼99%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
5144 Points ∼99% 0%
Sony Xperia XZ2
5122 Points ∼98% -1%
LG G7 ThinQ
5006 Points ∼96% -3%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (3488 - 5220, n=13)
4888 Points ∼94% -5%
OnePlus 5T
4016 Points ∼77% -22%
Samsung Galaxy S9 Plus
3582 Points ∼69% -31%
Honor Play
3018 Points ∼58% -41%
Honor 10
2993 Points ∼57% -42%
Media della classe Smartphone (69 - 5220, n=323)
1102 Points ∼21% -79%
2560x1440 Sling Shot Extreme (ES 3.1)
Sony Xperia XZ2 Premium
4734 Points ∼100% +2%
Sony Xperia XZ2
4693 Points ∼99% +1%
OnePlus 6
4673 Points ∼99% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
4656 Points ∼98%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
4617 Points ∼98% -1%
Vivo Nex Ultimate
4580 Points ∼97% -2%
LG G7 ThinQ
4471 Points ∼94% -4%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (3197 - 4734, n=13)
4358 Points ∼92% -6%
OnePlus 5T
3758 Points ∼79% -19%
Samsung Galaxy S9 Plus
3256 Points ∼69% -30%
Honor Play
2973 Points ∼63% -36%
Honor 10
2891 Points ∼61% -38%
Media della classe Smartphone (86 - 4734, n=331)
1055 Points ∼22% -77%
2560x1440 Sling Shot OpenGL ES 3.0 Physics
Sony Xperia XZ2
3642 Points ∼100% +5%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
3482 Points ∼96%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
3392 Points ∼93% -3%
OnePlus 6
3452 Points ∼95% -1%
LG G7 ThinQ
3150 Points ∼86% -10%
OnePlus 5T
3031 Points ∼83% -13%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (2159 - 3642, n=13)
2986 Points ∼82% -14%
Honor Play
2832 Points ∼78% -19%
Vivo Nex Ultimate
2806 Points ∼77% -19%
Honor 10
2773 Points ∼76% -20%
Sony Xperia XZ2 Premium
2541 Points ∼70% -27%
Samsung Galaxy S9 Plus
2496 Points ∼69% -28%
Media della classe Smartphone (532 - 3642, n=354)
1472 Points ∼40% -58%
2560x1440 Sling Shot OpenGL ES 3.0 Graphics
OnePlus 6
8252 Points ∼100% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
8236 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
8179 Points ∼99% -1%
Sony Xperia XZ2 Premium
8219 Points ∼100% 0%
Vivo Nex Ultimate
8203 Points ∼99% 0%
Sony Xperia XZ2
8122 Points ∼98% -1%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (5637 - 8312, n=13)
7720 Points ∼94% -6%
LG G7 ThinQ
7633 Points ∼92% -7%
OnePlus 5T
5791 Points ∼70% -30%
Samsung Galaxy S9 Plus
4637 Points ∼56% -44%
Honor Play
3734 Points ∼45% -55%
Honor 10
3573 Points ∼43% -57%
Media della classe Smartphone (104 - 8312, n=354)
1498 Points ∼18% -82%
2560x1440 Sling Shot OpenGL ES 3.0
Sony Xperia XZ2
6378 Points ∼100% +1%
OnePlus 6
6304 Points ∼99% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
6293 Points ∼99%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
6252 Points ∼98% -1%
LG G7 ThinQ
5799 Points ∼91% -8%
Vivo Nex Ultimate
5747 Points ∼90% -9%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (4529 - 6378, n=13)
5683 Points ∼89% -10%
Sony Xperia XZ2 Premium
5492 Points ∼86% -13%
OnePlus 5T
4816 Points ∼76% -23%
Samsung Galaxy S9 Plus
3895 Points ∼61% -38%
Honor Play
3487 Points ∼55% -45%
Honor 10
3358 Points ∼53% -47%
Media della classe Smartphone (127 - 6378, n=362)
1281 Points ∼20% -80%
1280x720 offscreen Ice Storm Unlimited Physics
Sony Xperia XZ2 Premium
36762 Points ∼100% +4%
Sony Xperia XZ2
35856 Points ∼98% +2%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
35290 Points ∼96%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
34665 Points ∼94% -2%
Vivo Nex Ultimate
34800 Points ∼95% -1%
OnePlus 6
34191 Points ∼93% -3%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (27817 - 36762, n=13)
33616 Points ∼91% -5%
LG G7 ThinQ
27817 Points ∼76% -21%
Samsung Galaxy S9 Plus
26226 Points ∼71% -26%
OnePlus 5T
21348 Points ∼58% -40%
Honor 10
21070 Points ∼57% -40%
Honor Play
20035 Points ∼54% -43%
Media della classe Smartphone (7095 - 36762, n=509)
12424 Points ∼34% -65%
1280x720 offscreen Ice Storm Unlimited Graphics Score
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
84681 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
80166 Points ∼95% -5%
Sony Xperia XZ2 Premium
81502 Points ∼96% -4%
OnePlus 6
81269 Points ∼96% -4%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (76078 - 84681, n=13)
80584 Points ∼95% -5%
LG G7 ThinQ
80534 Points ∼95% -5%
Sony Xperia XZ2
80233 Points ∼95% -5%
Vivo Nex Ultimate
80183 Points ∼95% -5%
OnePlus 5T
58097 Points ∼69% -31%
Samsung Galaxy S9 Plus
46610 Points ∼55% -45%
Honor Play
34836 Points ∼41% -59%
Honor 10
32674 Points ∼39% -61%
Media della classe Smartphone (2465 - 160199, n=509)
16693 Points ∼20% -80%
1280x720 offscreen Ice Storm Unlimited Score
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
64592 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
62063 Points ∼96% -4%
Sony Xperia XZ2 Premium
64152 Points ∼99% -1%
Sony Xperia XZ2
62926 Points ∼97% -3%
OnePlus 6
62241 Points ∼96% -4%
Vivo Nex Ultimate
62167 Points ∼96% -4%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (56669 - 64592, n=13)
61413 Points ∼95% -5%
LG G7 ThinQ
56669 Points ∼88% -12%
OnePlus 5T
42022 Points ∼65% -35%
Samsung Galaxy S9 Plus
39745 Points ∼62% -38%
Honor Play
29924 Points ∼46% -54%
Honor 10
29111 Points ∼45% -55%
Media della classe Smartphone (2915 - 77599, n=510)
14167 Points ∼22% -78%
GFXBench (DX / GLBenchmark) 2.7
1920x1080 T-Rex HD Offscreen C24Z16
Vivo Nex Ultimate
151 fps ∼100% +1%
Sony Xperia XZ2
150 fps ∼99% 0%
OnePlus 6
150 fps ∼99% 0%
Sony Xperia XZ2 Premium
150 fps ∼99% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
150 fps ∼99%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
149 fps ∼99% -1%
Samsung Galaxy S9 Plus
147 fps ∼97% -2%
LG G7 ThinQ
144 fps ∼95% -4%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (98 - 151, n=14)
143 fps ∼95% -5%
Honor 10
124 fps ∼82% -17%
Honor Play
115 fps ∼76% -23%
OnePlus 5T
113 fps ∼75% -25%
Media della classe Smartphone (4.1 - 251, n=536)
29.3 fps ∼19% -80%
T-Rex HD Onscreen C24Z16
OnePlus 5T
60 fps ∼100% 0%
Samsung Galaxy S9 Plus
60 fps ∼100% 0%
Sony Xperia XZ2
60 fps ∼100% 0%
OnePlus 6
60 fps ∼100% 0%
LG G7 ThinQ
60 fps ∼100% 0%
Sony Xperia XZ2 Premium
60 fps ∼100% 0%
Vivo Nex Ultimate
60 fps ∼100% 0%
Honor Play
60 fps ∼100% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
60 fps ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
60 fps ∼100% 0%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (58 - 60, n=13)
59.8 fps ∼100% 0%
Honor 10
59 fps ∼98% -2%
Media della classe Smartphone (6.9 - 120, n=539)
24.2 fps ∼40% -60%
GFXBench 3.0
off screen Manhattan Offscreen OGL
Vivo Nex Ultimate
83 fps ∼100% +1%
Sony Xperia XZ2
82 fps ∼99% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
82 fps ∼99%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
80 fps ∼96% -2%
Samsung Galaxy S9 Plus
74 fps ∼89% -10%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (54 - 83, n=13)
73.5 fps ∼89% -10%
Sony Xperia XZ2 Premium
71 fps ∼86% -13%
OnePlus 6
66 fps ∼80% -20%
LG G7 ThinQ
63 fps ∼76% -23%
Honor Play
62 fps ∼75% -24%
OnePlus 5T
60 fps ∼72% -27%
Honor 10
59 fps ∼71% -28%
Media della classe Smartphone (2.2 - 115, n=458)
15.6 fps ∼19% -81%
on screen Manhattan Onscreen OGL
Sony Xperia XZ2
59 fps ∼100% 0%
Vivo Nex Ultimate
59 fps ∼100% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
59 fps ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
55 fps ∼93% -7%
OnePlus 6
58 fps ∼98% -2%
Sony Xperia XZ2 Premium
58 fps ∼98% -2%
Honor Play
55 fps ∼93% -7%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (35 - 59, n=13)
54.6 fps ∼93% -7%
OnePlus 5T
53 fps ∼90% -10%
Honor 10
50 fps ∼85% -15%
Samsung Galaxy S9 Plus
45 fps ∼76% -24%
LG G7 ThinQ
41 fps ∼69% -31%
Media della classe Smartphone (4.1 - 115, n=461)
15.2 fps ∼26% -74%
GFXBench 3.1
off screen Manhattan ES 3.1 Offscreen
Sony Xperia XZ2
60 fps ∼100% 0%
Vivo Nex Ultimate
60 fps ∼100% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
60 fps ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
59 fps ∼98% -2%
Sony Xperia XZ2 Premium
58 fps ∼97% -3%
OnePlus 6
56 fps ∼93% -7%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (32 - 60.9, n=14)
53.6 fps ∼89% -11%
LG G7 ThinQ
51 fps ∼85% -15%
Samsung Galaxy S9 Plus
47 fps ∼78% -22%
OnePlus 5T
41 fps ∼68% -32%
Honor 10
39 fps ∼65% -35%
Honor Play
39 fps ∼65% -35%
Media della classe Smartphone (1.3 - 69.3, n=323)
13.3 fps ∼22% -78%
on screen Manhattan ES 3.1 Onscreen
Sony Xperia XZ2 Premium
56 fps ∼100% +6%
Sony Xperia XZ2
55 fps ∼98% +4%
Vivo Nex Ultimate
55 fps ∼98% +4%
OnePlus 6
54 fps ∼96% +2%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
53 fps ∼95%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
51 fps ∼91% -4%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (26 - 56, n=13)
48.2 fps ∼86% -9%
OnePlus 5T
37 fps ∼66% -30%
Honor 10
34 fps ∼61% -36%
Honor Play
31 fps ∼55% -42%
LG G7 ThinQ
26 fps ∼46% -51%
Samsung Galaxy S9 Plus
24 fps ∼43% -55%
Media della classe Smartphone (2.6 - 110, n=325)
13.2 fps ∼24% -75%
GFXBench
off screen Car Chase Offscreen
Sony Xperia XZ2
35 fps ∼100% 0%
OnePlus 6
35 fps ∼100% 0%
Sony Xperia XZ2 Premium
35 fps ∼100% 0%
Vivo Nex Ultimate
35 fps ∼100% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
35 fps ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
35 fps ∼100% 0%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (25 - 35, n=13)
34.1 fps ∼97% -3%
LG G7 ThinQ
33 fps ∼94% -6%
Samsung Galaxy S9 Plus
28 fps ∼80% -20%
OnePlus 5T
25 fps ∼71% -29%
Honor 10
23 fps ∼66% -34%
Honor Play
20 fps ∼57% -43%
Media della classe Smartphone (0.72 - 40, n=253)
9.21 fps ∼26% -74%
on screen Car Chase Onscreen
Sony Xperia XZ2 Premium
37 fps ∼100% +19%
Sony Xperia XZ2
33 fps ∼89% +6%
Vivo Nex Ultimate
33 fps ∼89% +6%
OnePlus 6
32 fps ∼86% +3%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
31 fps ∼84%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
31 fps ∼84% 0%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (17 - 37, n=13)
29.9 fps ∼81% -4%
OnePlus 5T
23 fps ∼62% -26%
Honor 10
20 fps ∼54% -35%
Honor Play
19 fps ∼51% -39%
LG G7 ThinQ
17 fps ∼46% -45%
Samsung Galaxy S9 Plus
14 fps ∼38% -55%
Media della classe Smartphone (1.1 - 50, n=256)
8.36 fps ∼23% -73%
Basemark ES 3.1 / Metal - offscreen Overall Score
Samsung Galaxy S9 Plus (26.2 fps offscreen)
1481 Points ∼100% +26%
LG G7 ThinQ (20.8 offscreen)
1176 Points ∼79% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (AI Boost ON)
1176 Points ∼79%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL
1174 Points ∼79% 0%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (1169 - 1176, n=4)
1174 Points ∼79% 0%
OnePlus 6
1169 Points ∼79% -1%
Media della classe Smartphone (36.3 - 2606, n=69)
666 Points ∼45% -43%

Legenda

 
Asus ZenFone 5Z ZS620KL Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 64 GB UFS 2.1 Flash
 
Vivo Nex Ultimate Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 256 GB UFS 2.1 Flash
 
LG G7 ThinQ Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 64 GB UFS 2.1 Flash
 
OnePlus 6 Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 128 GB UFS 2.1 Flash
 
Samsung Galaxy S9 Plus Samsung Exynos 9810, ARM Mali-G72 MP18, 64 GB UFS 2.1 Flash
 
OnePlus 5T Qualcomm Snapdragon 835 (8998), Qualcomm Adreno 540, 128 GB UFS 2.1 Flash
 
Honor Play HiSilicon Kirin 970, ARM Mali-G72 MP12, 64 GB UFS 2.1 Flash
 
Honor 10 HiSilicon Kirin 970, ARM Mali-G72 MP12, 128 GB UFS 2.1 Flash
 
Sony Xperia XZ2 Premium Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 64 GB UFS 2.1 Flash
 
Sony Xperia XZ2 Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 64 GB UFS 2.1 Flash

Un aspetto molto spesso ignorato nei test sugli smartphone e' il rallentamento della CPU in condizioni di stress. Le alte temperature spesso determinano l'abbassamento dei clock della CPU, impedendo in tal modo prestazioni elevate dovute ai picchi di carico. Nella realta', nessuna delle app utilizzava piu' del 50% della potenza della CPU, quindi le temperature erano molto inferiori a 40 °C anche quando il dispositivo era completamente impegnato nella riproduzione di PUBG. Abbiamo voluto mettere alla prova il telefono tramite test forzatamente impegnativi per registrare quanta limitazione si verifica e a quali temperature. Abbiamo dunque eseguito due test GFXBench per periodi prolungati: uno con ES 3.1 (Manhattan) e l'altro con ES 2.0 (T-Rex) per circa 30 iterazioni. Manhattan 3.1 e' il piu' stressante dei due. Il telefono e' stato lasciato raffreddare ed e' stato riavviato tra i due test. Abbiamo controllato le prestazioni in entrambe le modalita' AI Boost ON e OFF.

Con AI Boost OFF, Long Term Manhattan 3.1 mostrava in effetti dei rallentamenti (o cali di frequenza di clock) proprio a partire dalla decima iterazione e fino alla 14a. A partire dalla 15a iterazione in poi, vediamo le prestazioni risalire ma comunque a livelli inferiori agli iniziali, a circa 3.260 fotogrammi, per poi ricominciare a calare ed infine terminare a 3.150 fotogrammi. Cio' e' evidente anche nel grafico della velocita' di clock della CPU in cui le massime velocita' di clock iniziano a precipitare a 1.500 MHz dopo circa 17 minuti, per poi livellarsi a circa 1.300 MHz. Si tratta di un calo significativo rispetto al clock di picco da 2,8 GHz dello Snapdragon 845. La temperatura alla fine di questo test era di circa 52 °C. Pertanto, si prevede un calo significativo delle prestazioni una volta che il telefono supera i 45 °C.

T-Rex a lungo termine è stato più indulgente. Continuiamo a vedere cali di prestazioni dopo circa otto iterazioni, ma non sono così drastiche come nel primo caso. Abbiamo osservato dei picchi a causa dell'aumento delle temperature, ma il clock della CPU e' rimasto a 1.750 MHz per un periodo di tempo più lungo, poiché le temperature massime si aggiravano intorno al valore di 38 °C. Notiamo un singolo picco a 2.808 MHz ma questo punto più alto non è mai piu' stato raggiunto una seconda volta.

Valori della temperatura CPU in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost OFF)
Valori della temperatura CPU in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost OFF)
Calo delle prestazioni dopo 10 iterazioni in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost OFF)
Calo delle prestazioni dopo 10 iterazioni in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost OFF)
Frequenze di clock della CPU in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost OFF)
Frequenze di clock della CPU in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost OFF)
Valori della temperatura CPU in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost OFF)
Valori della temperatura CPU in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost OFF)
Calo delle prestazioni dopo 8 iterazioni in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost OFF)
Calo delle prestazioni dopo 8 iterazioni in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost OFF)
Frequenze di clock della CPU in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost OFF)
Frequenze di clock della CPU in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost OFF)

Con AI Boost ON, sono stati osservati risultati simili a lungo termine in Manhattan ES 3.1 ma sono state osservate alcune differenze rispetto al modo in cui il telefono e' riuscito a recuperare dopo il calo di prestazioni. Vediamo un netto calo delle prestazioni nell'ottava iterazione, ma a differenza di prima, la CPU riesce a recuperare le prestazioni entro la decima iterazione e segue una curva piu' prevedibile da li' in poi. Vediamo anche che il clock a 1.750 MHz e' tenuto piu' a lungo rispetto a AI Boost OFF, prima di scendere a circa 1.260 MHz. La temperatura massima raggiunta era di circa 53 °C. Nel T-Rex ES 2.0 a lungo termine, sono stati osservati risultati simili a AI Boost OFF, ma l'aumento dei valori nelle iterazioni successive e' stato notevolmente inferiore. Il clock della CPU si e' assestato stabilmente intorno al valore di 1.750 MHz.

Valori della temperatura CPU in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost ON)
Valori della temperatura CPU in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost ON)
Calo delle prestazioni dopo 8 iterazioni in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost ON)
Calo delle prestazioni dopo 8 iterazioni in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost ON)
Frequenze di clock della CPU in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost ON)
Frequenze di clock della CPU in GFXBench Long Term Manhattan ES 3.1 (AI Boost ON)
Valori della temperatura CPU in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost ON)
Valori della temperatura CPU in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost ON)
Prestazioni altalenanti ad ogni iterazione in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost ON)
Prestazioni altalenanti ad ogni iterazione in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost ON)
Frequenze di clock della CPU in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost ON)
Frequenze di clock della CPU in GFXBench Long Term T-Rex ES 2.0 (AI Boost ON)

Da questi test, possiamo dedurre due cose :

1. Il rallentamento delle prestazioni interviene quando le temperature superano i 45 °C.

2. AI Boost non riduce il rallentamento ma offre una prestazione sostenuta piu' costante e per periodi di tempo piu' lunghi prima che, verso la fine del test, cessi di avere alcun effetto.

Asus non implementa alcuna forma di raffreddamento heat-pipe oltre ai cuscinetti di raffreddamento in carbonio. Anche se cio' riduce la limitazione in larga misura, non e' ancora sufficiente quando si utilizza la CPU al 100% per lunghi periodi.

Prestazioni Web

Estensione Page Marker in Chrome
Estensione Page Marker in Chrome

Lo ZenFone 5Z si e' comportato egregiamente anche nei benchmark dei browser, superando la maggior parte degli altri smartphone concorrenti e arrivando quasi alla pari con il Sony Xperia XZ2. Navigare sul Web su ZenFone 5Z e' un piacere. L'app Page Marker inclusa consente di salvare facilmente le pagine per una visualizzazione successiva. E' possibile anche sincronizzare i salvataggi di Page Marker con Chrome sul desktop. Sia Chrome che Edge non hanno presentato problemi nel caricamento di pagine grafiche pesanti e nella riproduzione di video HD. Abbiamo anche giocato a Interland in Chrome e l'abbiamo trovato fluido e reattivo. 

JetStream 1.1 - 1.1 Total Score
Sony Xperia XZ2 (Chrome 65)
89.54 Points ∼100% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (Chrome 68; AI Boost ON)
89.313 Points ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (Chrome 68)
88.562 Points ∼99% -1%
LG G7 ThinQ (Chrome 66)
88.081 Points ∼98% -1%
OnePlus 6 (Chrome 66)
87.695 Points ∼98% -2%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (22.5 - 89.5, n=14)
73.2 Points ∼82% -18%
Sony Xperia XZ2 Premium (Chrome 68)
71.172 Points ∼79% -20%
Samsung Galaxy S9 Plus (Samsung Browser 7.0)
69.59 Points ∼78% -22%
OnePlus 5T (Chrome 63)
66.477 Points ∼74% -26%
Honor 10 (Chrome 66)
56.506 Points ∼63% -37%
Media della classe Smartphone (10.8 - 273, n=392)
35.1 Points ∼39% -61%
Honor Play (Chrome 68)
33.094 Points ∼37% -63%
Vivo Nex Ultimate (Chrome 67)
22.509 Points ∼25% -75%
Octane V2 - Total Score
OnePlus 6 (Chrome 66)
17026 Points ∼100% +2%
Sony Xperia XZ2 (Chrome 65)
16774 Points ∼99% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (Chrome 68, AI Boost ON)
16728 Points ∼98%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (Chrome 68)
16635 Points ∼98% -1%
LG G7 ThinQ (Chrome 66)
16720 Points ∼98% 0%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (3991 - 17131, n=14)
14849 Points ∼87% -11%
Samsung Galaxy S9 Plus (Samsung Browser 7.0)
14760 Points ∼87% -12%
Sony Xperia XZ2 Premium (Chrome 68)
13360 Points ∼78% -20%
OnePlus 5T (Chrome 63)
12509 Points ∼73% -25%
Honor 10 (Chrome 66)
10965 Points ∼64% -34%
Honor Play (Chrome 68)
6692 Points ∼39% -60%
Media della classe Smartphone (1506 - 43280, n=528)
5255 Points ∼31% -69%
Vivo Nex Ultimate (Chrome 67)
3991 Points ∼23% -76%
Mozilla Kraken 1.1 - Total Score
Media della classe Smartphone (603 - 59466, n=547)
11743 ms * ∼100% -416%
Vivo Nex Ultimate (Chrome 67)
11203.6 ms * ∼95% -392%
Honor Play (Chrome 68)
6220.7 ms * ∼53% -173%
Honor 10 (Chrome 66)
3899 ms * ∼33% -71%
Sony Xperia XZ2 Premium (Chrome 68)
3179 ms * ∼27% -40%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (2264 - 11204, n=14)
3120 ms * ∼27% -37%
OnePlus 5T (Chrome 63)
3096 ms * ∼26% -36%
LG G7 ThinQ (Chrome 66)
2484.1 ms * ∼21% -9%
OnePlus 6 (Chrome 66)
2445 ms * ∼21% -7%
Sony Xperia XZ2 (Chrome 65)
2394.3 ms * ∼20% -5%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (Chrome 68, AI Boost ON)
2277 ms * ∼19%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (Chrome 68)
2264 ms * ∼19% +1%
Samsung Galaxy S9 Plus (Samsung Browser 7.0)
2059.7 ms * ∼18% +10%
WebXPRT 2015 - Overall Score
Sony Xperia XZ2 (Chrome 65)
262 Points ∼100% +2%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (Chrome 68)
256 Points ∼98%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (Chrome 68, AI Boost ON)
253 Points ∼97% -1%
OnePlus 6 (Chrome 66)
252 Points ∼96% -2%
LG G7 ThinQ (Chrome 66)
252 Points ∼96% -2%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (96 - 291, n=14)
237 Points ∼90% -7%
Sony Xperia XZ2 Premium (Chrome 68)
211 Points ∼81% -18%
Honor 10 (Chrome 66)
182 Points ∼69% -29%
OnePlus 5T (Chrome 63)
181 Points ∼69% -29%
Samsung Galaxy S9 Plus (Samsung Browser 7.0)
164 Points ∼63% -36%
Honor Play (Chrome 68)
119 Points ∼45% -54%
Media della classe Smartphone (27 - 362, n=263)
105 Points ∼40% -59%
Vivo Nex Ultimate (Chrome 67)
96 Points ∼37% -62%

Legenda

 
Asus ZenFone 5Z ZS620KL Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 64 GB UFS 2.1 Flash
 
Vivo Nex Ultimate Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 256 GB UFS 2.1 Flash
 
LG G7 ThinQ Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 64 GB UFS 2.1 Flash
 
OnePlus 6 Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 128 GB UFS 2.1 Flash
 
Samsung Galaxy S9 Plus Samsung Exynos 9810, ARM Mali-G72 MP18, 64 GB UFS 2.1 Flash
 
OnePlus 5T Qualcomm Snapdragon 835 (8998), Qualcomm Adreno 540, 128 GB UFS 2.1 Flash
 
Honor Play HiSilicon Kirin 970, ARM Mali-G72 MP12, 64 GB UFS 2.1 Flash
 
Honor 10 HiSilicon Kirin 970, ARM Mali-G72 MP12, 128 GB UFS 2.1 Flash
 
Sony Xperia XZ2 Premium Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 64 GB UFS 2.1 Flash
 
Sony Xperia XZ2 Qualcomm Snapdragon 845, Qualcomm Adreno 630, 64 GB UFS 2.1 Flash

* ... Meglio usare valori piccoli

Prestazioni delle Memorie di massa

L'archiviazione in RAM UFS 2.1 di ZenFone 5Z si comporta come ci si aspetterebbe. Rispetto ad altri smartphone con memoria simile, ZenFone 5Z registra impressionanti velocita' di scrittura sequenziali, ma e' in ritardo rispetto agli altri nelle letture sequenziali. Sia l'Honor 10 che l'Honor Play hanno ottenuto risultati migliori rispetto allo ZenFone 5Z quando si tratta di numeri grezzi ma, come sempre, la differenza nell'utilizzo quotidiano rimane poco evidente a meno che non si abbia a che fare con file di grandi dimensioni spostati continuamente. L'effetto delle basse velocita' di lettura puo' essere osservato durante il caricamento di giochi pesanti come PUBG ma, di nuovo, e' necessario confrontarlo con un altro telefono per notare effettivamente la differenza. La SIM ibrida puo' contenere una scheda microSD fino a 2 TB, ma le app vanno comunque installate nella memoria interna.

Asus ZenFone 5Z ZS620KLVivo Nex UltimateLG G7 ThinQOnePlus 6Samsung Galaxy S9 PlusOnePlus 5THonor PlayHonor 10Sony Xperia XZ2 PremiumSony Xperia XZ2Media 64 GB UFS 2.1 FlashMedia della classe Smartphone
AndroBench 3-5
-16%
-25%
-16%
-13%
-17%
24%
25%
-19%
-16%
-11%
-72%
Sequential Write 256KB SDCard
62.67 (Toshiba Exceria Pro M501)
67.18 (Toshiba Exceria Pro M501)
71.86 (Toshiba Exceria Pro M501)
30.23 (Toshiba Exceria Pro M501)
30.12 (Toshiba Exceria Pro M501)
50.5 (17.1 - 71.9, n=23)
44.5 (3.4 - 87.1, n=299)
Sequential Read 256KB SDCard
84.72 (Toshiba Exceria Pro M501)
79.22 (Toshiba Exceria Pro M501)
82.8 (Toshiba Exceria Pro M501)
34.18 (Toshiba Exceria Pro M501)
34.25 (Toshiba Exceria Pro M501)
66.9 (18 - 85.3, n=23)
62.9 (8.2 - 96.5, n=299)
Random Write 4KB
96.6
22.1
-77%
23.26
-76%
21.8
-77%
22.74
-76%
20
-79%
155.5
61%
163
69%
21.75
-77%
17
-82%
46.8 (8.77 - 156, n=30)
-52%
14.8 (0.14 - 164, n=579)
-85%
Random Read 4KB
124.05
126.7
2%
110.46
-11%
137
10%
129.68
5%
138.1
11%
142.4
15%
145.88
18%
135.99
10%
149.4
20%
134 (78.2 - 173, n=30)
8%
36.2 (1.59 - 173, n=579)
-71%
Sequential Write 256KB
193.18
228.4
18%
176.45
-9%
201.4
4%
204.94
6%
203.4
5%
188.3
-3%
192.12
-1%
170.98
-11%
198.7
3%
191 (133 - 214, n=30)
-1%
75.6 (2.99 - 242, n=579)
-61%
Sequential Read 256KB
721
687.2
-5%
695.15
-4%
725.6
1%
818.69
14%
698.7
-3%
894.5
24%
827.69
15%
748.59
4%
679.2
-6%
730 (529 - 895, n=30)
1%
221 (12.1 - 895, n=579)
-69%

Giochi - 60 fps fluidi nei giochi supportati

Il gioco sullo ZenFone 5Z e' un'esperienza altamente gratificante. Durante la riproduzione di PUBG, Arena of Valor o Shadow Fight 3 (abilitando l'impostazione grafica piu' alta) non abbiamo mai riscontrato arresti anomali o immagini irregolari. Oltre a questi soliti giochi usati per i benchmark, abbiamo osservato prestazioni fluide e reattive anche in altri titoli come Sdorica, Dead Trigger 2, FIFA Mobile, Modern Combat 5, Asphalt 8, Shadowgun Legends e Warhammer 40,000: Freeblade. Asphalt 9 non e' ancora disponibile per questo dispositivo, quindi abbiamo dovuto ripiegare sulla precedente versione 8. I giochi specifici delle API Vulkan come Need for Speed: No Limits, Heroes of Incredible Tales, Vainglory e Mount Olympus sono stati un piacere da giocare, con Vainglory che tocca 60 fps massimi senza nemmeno affaticarsi. Quando si lanciano i giochi, Game Genie viene lanciato automaticamente e reso disponibile nella barra di navigazione. e' possibile utilizzare Game Genie per liberare RAM, tacitare le notifiche, registrare e trasmettere il gameplay a Twitch o YouTube, nonche' registrare e utilizzare macro per azioni di gioco comuni. Il telefono non ha mai mostrato alcun segno di riscaldamento anche durante il gameplay esteso, ma si e' riscaldato leggermente durante la ricarica della batteria il gioco allo stesso tempo.

Con o senza AI Boost, PUBG ha mostrato un valore costante di 40 fps, con impostazioni HDR High. Abbassando leggermente le impostazioni si raggiungono facilmente i 60 fps senza alcun significativo sacrificio nella qualita' dell'immagine. Arena of Valor e Shadow Fight 3 hanno toccato facilmente 60 fps gia' con le impostazioni massime. I controlli di gioco sono facili da manovrare e non ci sono stati errori durante l'esecuzione delle azioni sullo schermo. Abbiamo anche ricevuto un invito all'open beta di Fortnite per Android e, nonostante il gioco abbia funzionato bene alle impostazioni massime, la frequenza fotogrammi era limitata a 30 fps in tutte le modalita'.

PUBG 40 fps (High)
PUBG 40 fps (High)
PUBG 60 fps (Medium)
PUBG 60 fps (Medium)
Shadow Fight 3 60 fps (Medium)
Shadow Fight 3 60 fps (Medium)
Fortnite Beta 30 fps
Sdorica 60 fps
Heroes of Incredible Tales (Vulkan) 30 fps
Vainglory (Vulkan) 60 fps
Mount Olympus (Vulkan) 30 fps
NFS: No Limits (Vulkan) 30 fps
App Game Genie
PUBG Mobile - HD
Sony Xperia XZ2 Premium (0.7.5)
40 (min: 29, max: 41) fps ∼100% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (0.8.0)
40 (min: 1, max: 42) fps ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (0.8.0 AI Boost ON)
40 (min: 1, max: 52) fps ∼100% 0%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (30 - 40, n=8)
35.6 fps ∼89% -11%
LG G7 ThinQ (0.5.0)
35 (min: 28, max: 42) fps ∼88% -12%
Media della classe Smartphone (28 - 40, n=17)
34.3 fps ∼86% -14%
Honor 10 (0.5.0)
32 (min: 20, max: 42) fps ∼80% -20%
Honor Play (0.7.0)
32 (min: 22, max: 33) fps ∼80% -20%
OnePlus 6 (0.5.0)
30 (min: 27, max: 31) fps ∼75% -25%
Arena of Valor - high HD
Samsung Galaxy S9 Plus
60 fps ∼100% 0%
Sony Xperia XZ2
60 (min: 56, max: 61) fps ∼100% 0%
OnePlus 6 (1.22.1.2)
60 (min: 50, max: 60) fps ∼100% 0%
Vivo Nex Ultimate (1.23.1.2)
60 (min: 58, max: 60) fps ∼100% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (1.24.1.2 (AI Boost ON))
60 (min: 1, max: 60) fps ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (1.24.1.2)
59 (min: 2, max: 60) fps ∼98% -2%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (44 - 60, n=10)
58.3 fps ∼97% -3%
Honor 10 (1.21.1.3)
58 (min: 2, max: 60) fps ∼97% -3%
Honor Play (1.24.1.2)
54 (min: 21, max: 61) fps ∼90% -10%
Media della classe Smartphone (26 - 61, n=41)
45.2 fps ∼75% -25%
LG G7 ThinQ (1.22.1.2)
44 (min: 27, max: 61) fps ∼73% -27%
Shadow Fight 3 - high
Samsung Galaxy S9 Plus
60 fps ∼100% 0%
Sony Xperia XZ2
60 (min: 53, max: 61) fps ∼100% 0%
OnePlus 6 (1.10.0)
60 (min: 1, max: 60) fps ∼100% 0%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (1.13.0)
60 (min: 1, max: 60) fps ∼100%
Asus ZenFone 5Z ZS620KL (1.13.0 (AI Boost ON))
60 (min: 1, max: 60) fps ∼100% 0%
Media Qualcomm Snapdragon 845 (60 - 60, n=5)
60 fps ∼100% 0%
Media della classe Smartphone (30 - 60, n=22)
54.5 fps ∼91% -9%
Arena of Valor
 SettaggiValore
 high HD59 fps
 high HD60 fps
  Your browser does not support the canvas element!
Shadow Fight 3
 SettaggiValore
 high60 fps
 high60 fps
  Your browser does not support the canvas element!
PUBG Mobile
 SettaggiValore
 HD40 fps
 HD40 fps
  Your browser does not support the canvas element!

Emissioni - Basse temperature e buoni altoparlanti

Temperature

Come gia' accennato in precedenza, le temperature durante l'uso normale si aggirano intorno al limite dei 35 °C. Giocare a giochi come PUBG per lunghi periodi porta la temperatura a circa 42 °C, misurati sul retro. Tuttavia, il pannello frontale e i lati rimangono relativamente freschi e non ponevano alcun problema durante l'utilizzo. Solo durante intense prove di stress della CPU abbiamo osservato temperature superiori a 45 °C, a quel punto la CPU il clock inizia a scendere. Durante lo stress test GFXBench a lungo termine Manhattan ES 3.1, la temperatura massima ha raggiunto i 53 °C e il telefono e' risultato troppo caldo per essere maneggiato. Sara' nostra cura aggiornare questa recensione anche con le misurazioni FLIR a breve. Le conclusioni sono comunque che il telefono raramente si surriscalda e, per temperature inferiori a 45 °C, le pastiglie di raffreddamento in carbonio di Asus fanno un buon lavoro di dissipazione del calore.

Altoparlanti

ZenFone 5Z vanta una sezione audio davvero impressionante. Oltre all'altoparlante principale, l'auricolare telefonico si presta anche all'utilizzo come secondo altoparlante. Tuttavia, il volume dell'altoparlante dell'auricolare rimane molto piu' basso rispetto all'altoparlante principale. Pertanto, l'effetto stereo non e' perfetto, ma riesce comunque a creare un buon effetto spaziale. Ascoltare la musica con gli altoparlanti incorporati di questo telefono rimane comunque un'esperienza migliore rispetto ad altri telefoni di questa stessa fascia di prezzo. Le capacita' audio del dispositivo migliorano ulteriormente se abbinate a cuffie di qualita'. Asus fornisce gli auricolari ZenEar Pro Hi-Res nella confezione ma la loro qualita' non e' eccelsa. Tuttavia, apprezziamo il fatto che Asus fornisca auricolari tutto sommato abbastanza buoni per il suo ZenFone 5Z.

Il telefono supporta l'audio per cuffie DTS:X e offre molteplici modalita' a seconda che le cuffie siano collegate o meno. L'app Audiowizard include molte impostazioni pre-ottimizzate per le marche di cuffie popolari, ma si puo' anche configurare un profilo audio personalizzato in base alle cuffie utilizzate per un'esperienza di ascolto piu' gratificante. Per coloro che preferiscono la riproduzione audio tramite Bluetooth, c'e' anche il supporto per i codec aptX HD e LDAC.

Durante l'utilizzo degli auricolari SoundMagic E10 e dopo la sintonizzazione con Audiowizard, il suono complessivo e' risultato abbastanza equilibrato, anche se avremmo preferito un basso un po 'piu' incisivo. Questo e' comunque piu' un limite degli auricolari che dell'audio del telefono stesso. Abbiamo anche collegato il telefono a un diffusore Creative Inspire 5.1 5200 configurato in modalita' stereo e l'uscita audio e' risultata eccellente, con bassi ben definiti, medi chiari e quasi nessuna distorsione a volumi elevati. Detto questo, questo telefono non e' un LG V20 quindi non ci si puo' aspettare quel livello di prestazioni DAC. Ci sono stati reports che il telefono ha problemi nel pilotare le cuffie ad alta impedenza dato che la tensione della presa delle cuffie e' di soli 0.252 V. Rimangono comunque differenze apprezzabili solo su un vero apparato audiofilo, quindi per la maggior parte degli utenti lo ZenFone 5Z risultera' sicuramente un ottimo telefono, anche migliore rispetto alla maggior parte dei telefoni della sua categoria.

Audiowizard UI
Audiowizard UI
Effetti audio
Effetti audio
DTS Soundstage per le cuffie
DTS Soundstage per le cuffie
Correzione del profilo audio per le cuffie
Correzione del profilo audio per le cuffie

Durata della batteria - Sufficiente energia per reggere un tipico giorno lavorativo

Infine, arriviamo ad uno degli aspetti piu' importanti di qualsiasi dispositivo mobile: l'autonomia della batteria. La capacita' della batteria da 3.300 mAh non e' enorme, ma lo ZenFone 5Z offre alcuni miglioramenti per ottenere da essa la massima durata possibile. L'app PowerMaster inclusa offre un punto di riferimento unico per tutto cio' che riguarda la batteria. Mostra la temperatura corrente della batteria, consente di modificare le modalita' di alimentazione, aiuta a configurare app che funzionano all'avvio, controlla se la protezione corrente e tensione e' attiva, aiuta a mantenere una scheda sulla salute della batteria, e altro ancora. Nel nostro uso quotidiano, la batteria reggeva facilmente piu' di un giorno di uso moderato. Il telefono puo' permettersi una accensione continua dello schermo vicina a 6,5 ​​ore, che e' un valore di tutto rispetto.

Il consumo della batteria nel funzionamento al minimo e' moderato. Abbiamo osservato un diminuzione del 34% dopo 8 ore con la luminosita' piu' bassa possibile e la connessione cellulare disattivata, il che equivale approssimativamente a 24 ore prima che la batteria si scarichi. Questa e' una cifra molto buona ma c'e' ancora spazio per Asus per migliorare le prestazioni della batteria in ulteriori aggiornamenti. Sotto carico, con utilizzo della CPU al 75%, luminosita' al massimo e tutte le connessioni attive, abbiamo osservato una durata di circa 2 ore e 17 minuti prima dello spegnimento. Questo e' inferiore a quanto fatto registrare da OnePlus 6 (4 h 6 m), ma questo consumo limite e' evidente solo sotto carico. Ricordiamo che queste sono osservazioni preliminari e non vediamo l'ora di postare a breve le misure effettive.

Il telefono offre anche una modalita' di risparmio energetico e una super-risparmio energetico per conservare ogni possibile goccia di energia una volta che il livello della batteria scende al di sotto di una soglia definita. Per ripristinare la carica, il caricabatterie Qualcomm QuickCharge 3.0 in dotazione puo' effettuare una ricarica della batteria dallo 0 a 100% in circa 1 ora e 10 minuti. Asus usa anche l'intelligenza artificiale per mantenere la batteria al massimo e il telefono impara le vostre abitudini di ricarica mentre lo usate. Supponiamo che si decida di utilizzare la ricarica AI invece della modalita' di ricarica standard per la ricarica notturna. In questo modo la batteria si carichera' rapidamente fino al 90% e da li' in poi lentamente fino a raggiungere il 100%. In questo modo si prolunga la vita utile della batteria ed e' in realta' una delle piu' utili implementazioni di intelligenza artificiale di questo telefono.

Impostazioni Batteria
Impostazioni Batteria
App PowerMaster
App PowerMaster
Indicatore stato Batteria
Indicatore stato Batteria
modalita' Batteria
opzioni risparmio energetico
Panoramica Power-safe

Pro

+ Design Leggero ed elegante con un ottimo rapporto Display / Case
+ Sensore d'ipronte e sblocco tramite riconoscimento facciale rapidi
+ Microfoni con soppressione del rumore di fondo e altoparlanti stereo
+ DAC di qualita' con supporto cuffie DTS:X
+ Pannello IPS molto luminoso con ampi angoli di visualizzazione
+ Supporto per Widevine CDM L1
+ Prestazioni di prima classe con con buona gestione della RAM
+ Buona fluidita' nei Giochi anche a 60 fps e con impostazione grafiche alte
+ Buone prestazioni della fotocamera principale con scarsa illuminazione e autofocus OIS/EIS
+ Lenti grandangolari
+ Video in 4K60 e registrazione audio stereo a 192 kbps
+ Ottime prestazioni Telefoniche, Wi-Fi e GPS
+ SO ZenUI 5 quasi senza Bloat Software e moltissime opzioni di personalizzazione
+ Supporto per Qualcomm QuickCharge 3.0
+ Consumo della batteria moderato in condizioni di utilizzo normale
+ Buon rapporto Prestazioni / Prezzo

Contro

- Costruzione fragile
- Non e' impermeabile
- Non c'e' la ricarica wireless
- Non c'e' la IR camera per il riconoscimento facciale con scarsa illuminazione
- La fotocamera frontale necessita di miglioramenti in conzioni di scarsa illuminazione
- Scarsi risultati con poca luce per le lenti grandangolari
- Slow-motion incerto a 240 fps
- La porta USB Type-C opera a velocita' USB 2.0
- Velocita' di lettura piu' lente dei sui competitori
- Versione Android ancora alla 8.0
- Sbloccare il Bootloader invalida la garanzia

Giudizio Complessivo - Non potete sbagliare con lo ZenFone 5Z

Asus ZenFone 5Z. Unita in prova cortesemente fornita da Asus India.
Asus ZenFone 5Z. Unita in prova cortesemente fornita da Asus India.

L'autore ha utilizzato Asus ZenFone 5Z come aiutante quotidiano per quasi un mese, e in questo periodo non c'e' stato un singolo incidente di prestazioni mediocri offerto dallo smartphone. Che si tratti di benchmark sintetici o di prestazioni reali, lo ZenFone 5Z e' stato un efficiente compagno sotto quasi tutti gli aspetti. In termini di design, Asus e' sicuramente un vincitore col suo design interamente in vetro. Il display e' eccezionale e produce immagini nitide con colori accurati. Abbiamo avuto alcune riserve iniziali su ZenUI ma Asus e' riuscita a mettere a tacere la maggior parte delle critiche. L'interfaccia utente offre troppe opzioni di personalizzazione e puo' imparare le tue abitudini col tempo. Detto questo, il rooting del dispositivo per l'installazione di ROM personalizzate o il recupero invalida la garanzia, quindi chi sta cercando un dispositivo da personalizzare profondamente dovrebbe guardare altrove.

Le prestazioni sono all'altezza di qualsiasi altro telefono basato su Snapdragon 845, e in alcuni test ZenFone 5Z riesce anche a battere alcune delle ammiraglie piu' famose in circolazione. Dobbiamo registrare alcuni problemi di throttling quando la CPU e' stressata al limite, ma gli utenti normali non raggiungeranno quasi mai il massimo dell'utilizzo della CPU per notare questa limitazione. Asus ha rilasciato numerosi aggiornamenti FOTA per ZenFone 5Z dal rilascio e ogni aggiornamento si e' concentrato in modo particolare sulle fotocamere. Con l'ultimo aggiornamento, le prestazioni della fotocamera sono migliorate notevolmente e l'obbiettivo principale e' tra i migliori che abbiamo visto finora in questa fascia di prezzo. Il sensore grandangolare invece, sebbene molto utile, ha ancora bisogno di un po 'di lavoro, specialmente in condizioni di scarsa illuminazione. La fotocamera frontale funziona bene ma scarseggia in condizioni di bassa illuminazione. Questo non e' un telefono selfie-centric, ma Asus fornisce abbastanza filtri e ritocchi software per aiutarti a fare scatti migliori.

Il gioco e' il settore in cui lo ZenFone 5Z si e' comportato al meglio e ha gestito la maggior parte dei giochi che abbiamo usato con le impostazioni piu' alte e con i frame rate massimi possibili. Il Game Genie incluso e' un'aggiunta eccellente per coloro che desiderano una soluzione nativa per lo streaming e l'acquisizione di sessioni di gioco in corso. Gli altoparlanti suonano ottimamente e l'uso delle cuffie offre un'esperienza uditiva notevolmente migliorata rispetto alla maggior parte degli altri telefoni in questa fascia di prezzo.

Con ZenFone 5Z, l'Asus e' riuscita a portare concorrenza nella categoria 'ammazza-ammiraglia' e lo fa con brio. Il prezzo di lancio e' quasi meno della meta' del prezzo dei piu' costosi Samsung, LG e Sony dotati dello stesso Snapdragon 845 e offre ancora tutte le esperienze essenziali che ci si attende da un top class nel 2018.

Quindi, l'Asus ZenFone 5Z e' un degno contendente del OnePlus 6? Indubbiamente si. In effetti, ZenFone 5Z ha alcune caratteristiche migliori rispetto a OnePlus 6, come migliori funzionalita' audio, un utile obiettivo grandangolare secondario, possibilita' di registrare video a 4K60 e una buona dotazione di funzionalita' AI. Nonostante lo ZenFone 5Z risparmi in alcuni aspetti, come quello di non avere un display OLED, la mancata valutazione IP per la protezione dell'acqua, o l'accesso agli ultimi aggiornamenti di Android appena rilasciati, uguaglia o supera lo OnePlus 6 nel resto dei parametri. Ma non sara' una vita agevole per Asus visto che lo Xiaomi Poco F1 e' stato recentemente lanciato ad un prezzo ancora piu' allettante. Una cosa e' certa pero', i Flagship-killers sono qui per restare, e mentre ci dirigiamo a grandi passi verso il 2019 ci si possono aspettare i fuochi d'artificio in questa fascia di prezzo.

Pricecompare

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > Recensioni e prove > Recensioni e prove > Smartphone Asus ZenFone 5Z — Prime impressioni e prove pratiche
Vaidyanathan Subramaniam, 2018-09-30 (Update: 2018-09-30)