Notebookcheck

Samsung Galaxy S20 Ultra avvistato nel database di Geekbench

Samsung dovrebbe presentare la nuova famiglia Galaxy S20 il prossimo 11 Febbraio insieme al successore del Galaxy Fold. Nelle scorse ore, uno dei modelli attesi il prossimo mese è stato avvistato sul database del noto benchmark Geekbench.

Il modello apparso sul database si presenta con la sigla SM-G986U che dovrebbe rappresentare il Galaxy S20 Ultra 5G. Il dispositivo, equipaggiato da un SoC Qualcomm Snapdragon 865 abbinato a 12 GB di memoria, ha ottenuto 923 punti in single core e 3267 punti in multi core. Il punteggio al momento è molto lontano dagli attuali top di gamma capaci di sfondare il muro dei 10 mila punti in multi core. 

Evidentemente il software non è ancora in grado di spremere a fondo le potenzialità del nuovo dispositivo della casa coreana. In Europa tuttavia arriverà solamente la versione basata sul processore Exynos 990, accoppiato a 12 GB di RAM e con fino a 512 GB di spazio di archiviazione.

Entrambi i dispositivi utilizzeranno un comparto grafico di elevata qualità dotato di quattro moduli fotografici posizionati nella zona posteriore e abbinati ad un flash LED e un microfono. Al momento le specifiche tecniche del settore fotografico sono solo rumor non verificati pertanto vi raccomandiamo di prenderle con le dovute cautele.

A giudicare dagli ultimi rumor, Samsung dovrebbe presentare fino a cinque modelli: Galaxy S20, Galaxy S20 5G, Galaxy S20+, Galaxy S20+ 5G e Galaxy S20 Ultra 5G. Durante la stessa giornata potremmo anche avere maggiori informazioni del futuro -e non confermato- Galaxy Z Flip.

Risultati ottenuti dal Samsung SM-G986U
Risultati ottenuti dal Samsung SM-G986U
Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > Samsung Galaxy S20 Ultra avvistato nel database di Geekbench
Luca Rocchi, 2020-01-13 (Update: 2020-01-13)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.