Notebookcheck

Anticipati tutti i dettagli del display da 120 Hz di OnePlus 8 Pro

Immagine di presentazione del nuovo pannello (Source: Hwupgrade)
Immagine di presentazione del nuovo pannello (Source: Hwupgrade)
Si è appena concluso a Shenzhen l'evento denominato "2020 Screen Technology Communication Meeting" in cui OnePlus, come anticipato nei giorni scorsi, ha svelato l'inedita tecnologia su cui saranno basati i futuri smartphone. OnePlus 8 Pro potrebbe essere il primo prodotto dell'azienda a beneficiare di questa tecnologia.
Luca Rocchi,

Il messaggio è forte e chiaro: nel 2019 abbiamo visto numerosi terminali equipaggiati da un display da 90 Hz, il 2020 sarà caratterizzato da smartphone dotati di pannelli "Fluid Display" da 120 Hz. Il display è stato progettato in collaborazione con Samsung ed utilizza un pannello AMOLED da 6.7 pollici. Si seguito riportiamo le principali caratteristiche:

  • Refresh rate fino a 120 Hz
  • AMOLED con risoluzione 2K+
  • Luminosità massima di 1000 nits
  • Frequenza di campionamento di 240 Hz
  • Regolazione automatica luminosità su 4096 livelli
  • Calibrazione automatica colore
  • Chip indipendente per la riduzione del motion blur
  • Supporto ai colori 10-bit con 1024 sfumature

Secondo l'azienda, il nuovo display offrirà "fluidità, precisione e comfort" pertanto è chiaro l'intento della azienda nell'offrire un nuovo punto di riferimento per il gaming e l'intrattenimento. Avvistato nei giorni scorsi su Geekbench, OnePlus 8 Pro sarà equipaggiato da un SoC Qualcomm Snapdragon 865 abbinato a 12 GB di memoria. 

Il lancio della nuova serie 8 è prevista per il prossimo mese e forse proprio in concomitanza del lancio ufficiale di Samsung.

Source(s)

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > Anticipati tutti i dettagli del display da 120 Hz di OnePlus 8 Pro
Luca Rocchi, 2020-01-14 (Update: 2020-01-14)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.