Notebookcheck

iPhone 12 Pro: Modulazione della larghezza di impulso per il display OLED

iPhone 12 Pro OLED
iPhone 12 Pro OLED
Direttamente dai nostri laboratori di test: Proprio come tutti i display OLED, anche l'iPhone 12 Pro's utilizzerà la Modulazione di larghezza d'impulso per la regolazione della luminosità. Abbiamo dato un'occhiata più da vicino e vorremmo presentarvi le nostre scoperte.
Daniel Schmidt, 👁 Daniel Schmidt (traduzione a cura di G. De Luca),

La base dei display XDR Super Retina di Apple è costituita da pannelli OLED realizzati da Samsung, molto probabilmente basati sulla tecnologia Dynamic AMOLED della loro attuale generazione. Almeno questo è quanto suggeriscono le specifiche tecniche.

A 6,1 pollici il display dell'iPhone 12 Pro è leggermente più grande di quello dell'iPhone 11 Pro. Per mantenere la stessa elevata densità di pixel, la risoluzione è stata aumentata a 2532 x 1170 pixel. Oltre a visualizzare i contenuti HDR, il display supporta anche il Dolby Vision.

Proprio come tutti i pannelli OLED, anche questo è affetto da sfarfallio che spesso viene equiparato allo sfarfallio della Pulse Width Modulation, ma non è proprio lo stesso. Entrambi, tuttavia, hanno lo stesso risultato: possono portare a mal di testa.

Quando è stato esaminato, l'iPhone 12 Pro ha mostrato livelli di risposta in ampiezza diversi a seconda della luminosità del display. Alla minima luminosità, abbiamo misurato una frequenza compresa tra 117,9 e 245,1 Hz. Tra la luminosità minima e il 21 % la frequenza è rimasta abbastanza costante tra i 223 e i 250 Hz. Tra il 22 % e il 50 % di luminosità del display siamo stati in grado di attestare una frequenza di 60 Hz, e oltre che ha iniziato a fluttuare selvaggiamente tra 80 e 277,8 Hz.

La risposta in ampiezza abbastanza costante tra il 21 % dovrebbe, in teoria, rendere meno affaticato l'occhio dell'utente. In combinazione con True Tone, che sposta i colori verso la parte calda dello spettro cromatico, gli occhi dovrebbero essere confrontati con meno sforzo. Oltre il 22% l'iPhone va in modalità 60 Hz, un metodo comunemente usato anche per l'oscuramento DC. Questa luminosità massima raggiunta in questa modalità si aggira intorno ai 150 nits, il che significa che sarà più comunemente usata in ambienti interni. La luminosità aumenta poi in modo significativo, e la risposta in ampiezza diventa in qualche modo irregolare. Dato che la quantità di luce ambientale sarà abbastanza alta in questi casi lo sforzo sugli occhi dell'utente dovrebbe essere abbastanza basso anche se il sensore di luce ambientale viene utilizzato per regolare la luminosità del display.

Apple non si riferisce a questo come regolazione della luminosità del display in DC, ma piuttosto utilizza un regolatore del display molto complesso e finemente regolato per ridurre il più possibile gli effetti del PWM. Tuttavia, si può ancora verificare una certa tensione, e non possiamo dire che sarà completamente e al 100% perfetto.

Sfarfallio minimo della luminosità del pannello (117.9 - 245.1 Hz)
Sfarfallio minimo della luminosità del pannello (117.9 - 245.1 Hz)
Sfarfallio al 21 % della luminosità del pannello (223 - 250 Hz)
Sfarfallio al 21 % della luminosità del pannello (223 - 250 Hz)
Sfarfallio oltre 21 % della luminosità del pannello (60 Hz)
Sfarfallio oltre 21 % della luminosità del pannello (60 Hz)
Sfarfallio oltre il 50% della luminosità del pannello (80 - 277.8 Hz)
Sfarfallio oltre il 50% della luminosità del pannello (80 - 277.8 Hz)
Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 11 > iPhone 12 Pro: Modulazione della larghezza di impulso per il display OLED
Daniel Schmidt, 2020-11-19 (Update: 2020-11-20)