Notebookcheck

AMD Ryzen 7 4800H avvistato su Time Spy: più veloce del Core i7-9700K?

Una serie di nuovi benchmark, realizzati con l'AMD Ryzen 4800H, sono apparsi nel database di 3DMark e mostrano alcune prestazioni davvero interessanti se paragonate ai risultati ottenibili con Intel Skylake Refresh. La scoperta è stata fatta da Tum Apisak, un utente negli ultimi mesi ha scovato moltissime informazioni riguardanti questa nuova linea di prodotti.
Luca Rocchi,

Il processore Ryzen 7 4800H, il protagonista di questa news, è un modello di fascia alta che integra 8 core e 16 threads con capacità di funzionamento ad una frequenza massima di 4.2 GHz con un TDP di 45W. A giudicare dalle specifiche potremmo avere davanti un processore incredibilmente veloce. Grazie ad un avvistamento del noto leaker Tum Apisak abbiamo finalmente i primi risultati da paragonare con le attuali proposte di Intel e, naturalmente, AMD.

Secondo quanto riportato, il Ryzen 7 4800H avrebbe registrato in Time Spy l'incredibile punteggio di 8.350 punti. Se paragoniamo questo risultato con la lineup di AMD, troviamo un riscontro nel processore desktop di fascia alta Ryzen 7 2700X, con 8.600 punti, e un TDP di ben 105 Watt. Rispetto alla serie attuale da desktop, AMD 3000, il risultato del Ryzen 7 4800H sembrerebbe posizionato tra il Ryzen 7 3700X e il Ryzen 5 3600X, entrambi con TDP da 65 Watt.

Il Core i7-9700K è un processore capace di offrire ottime prestazioni in qualsiasi genere di ambito. Nel benchmark di 3DMark "Time Spy", questo processore è in grado di registrare un punteggio di circa 8.200 punti pertanto inferiore alla proposta mobile di AMD. Naturalmente si tratta di rumor e non ci rimane che attendere per maggiori informazioni.

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > AMD Ryzen 7 4800H avvistato su Time Spy: più veloce del Core i7-9700K?
Luca Rocchi, 2020-01-23 (Update: 2020-01-23)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.