Notebookcheck

AMD Pro 500, un nuovo chipset dedicato ai sistemi compatti

(Image source: Shutterstock)
(Image source: Shutterstock)
Il sito ufficiale di AMD ha aggiunto (e successivamente anche rimosso) il chipset Pro 500 alla lista delle soluzioni dedicate ai computer con formato compatto, meglio noti come Small Form Factor. La serie Pro 500 sembra pertanto destinata ad affiancarsi alle attuali proposte AMD A300 e X300, dedicate entrambe ai sistemi con formato ridotto.
Luca Rocchi,

AMD precisa che i chipset A300 e Pro 500 sono destinati agli utenti finali e alle piccole aziende, che necessitano di una soluzione semplice e di dimensioni compatte. Il chipset X300, invece, è rivolto agli utenti appassionati che desiderano poter spingere oltre al limite i propri componenti.

I chipset AMD A300 e X300 presentano molte similitudini: entrambi supportano quattro porte USB 3.1 Gen 1, due porte SATA, due porte M.2 e la compatibilità con i sistemi RAID 0 e 1. A differenza del chipset AMD X300, la versione A300 può pilotare esclusivamente uno slot PCIe 3.0 e non permette l'overclock.

Le informazioni riguardanti il chipset Pro 500 al momento non sono complete. Secondo i nostri colleghi di tomshardware.com, è probabile che erediti parzialmente il design del chipset di fascia alta AMD X570. Alcuni sistemi desktop di Lenovo, come IdeaCentre T540 e ThinkCentre M75, sembrano essere basati su questo inedito chipset. IdeaCentre T540, ad esempio, utilizza un misterioso chipset AMD Pro 560 compatibile con processori appartenenti alla linea desktop e Pro e limitato alla frequenza DDR4-2666.

Source(s)

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > AMD Pro 500, un nuovo chipset dedicato ai sistemi compatti
Luca Rocchi, 2020-01-31 (Update: 2020-01-31)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.