Notebookcheck

Le prossime CPU Intel saranno prodotte da Globalfoundries?

Sebbene Intel abbia cercato in tutti i modi di far fronte alla domanda di microprocessori, cominciano a circolare voci sulla possibilità che l'azienda assegni la produzione di realizzare alcune sue CPU a terzi. Secondo una fonte di Wccftech, Intel starebbe pensando di far produrre alcuni modelli di fascia bassa a Globalfoundries.
Luca Rocchi,

Nonostante Intel abbia aumentato la produzione di processori nei propri impianti e abbia intenzione di incrementarla del 25% nel corso del 2020, le soluzioni future potrebbero richiedere maggiori sforzi da parte di Intel e per questo motivo l'azienda sembra abbia intenzione di chiedere l'intervento a Globalfoundries, l'azienda nata dallo spin-off di AMD.

Globalfoundries potrebbe dimostrarsi il partner commerciale corretto: non è un concorrente diretto, ha molta esperienza sulle linee di produzione a 14 nanometri e ha degli impianti localizzati negli Stati Uniti. Secondo Wccftech, Intel potrebbe dirottare quasi sicuramente i processori appartenenti alla serie Celeron e Pentium dal momento che non richiedono un particolare processo litografico per la produzione.

La serie Core, in particolare i modelli della famiglia i3, è improbabile che venga assegnata a Globalfoundries in quanto facente pare della serie desktop mainstream e strettamente legata al marchio Intel. 

In questo modo Intel potrebbe dedicarsi maggiormente alle linee ad alte prestazioni da 14 nanometri e alle future generazioni da 10 nanometri.

Source(s)

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > Le prossime CPU Intel saranno prodotte da Globalfoundries?
Luca Rocchi, 2020-01-28 (Update: 2020-01-28)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.