Notebookcheck

Intel Core i9-10900K: cosa possiamo aspettarci?

Il debutto dei processori della famiglia Comet Lake-S, destinati ai sistemi desktop ad alte prestazioni, sembra essere sempre più vicino. Un nuovo risultato è stato pubblicato su 3DMark e finalmente possiamo farci una idea delle specifiche tecniche del modello di punta.
Luca Rocchi,

Il risultato inserito su 3DMark conferma la presenza di 10 core abbinati a 20 thread, e la frequenza superiore ai 5 GHz di cui si è tanto discusso. Più in dettaglio, il Core i9-10900K sarà caratterizzato da una frequenza base di 3.7 GHz seguita da un Turbo Boost (versione 3.0) di 5.2 GHz. Grazie alla tecnoglogia Thermal Velocity Boost, a bordo di questo processore, sarà possibile sfiorare anche i 5.3 GHz in determinate condizioni.

Si presume che il TDP del Core i9-10900K sarà di 125 Watt ma al momento non è chiaro quale sarà il consumo reale una volta azionato il Turbo Boost e raggiunta la massima frequenza. Il consumo in questo caso potrebbe superare anche i 200 Watt. Secondo una analisi di Intel, scovata dall'utente mebiuw diverse settimane fa, il nuovo modello di punta potrebbe essere 1.30x volte più veloce dell'attuale Core i9-9900K

I nuovi processori della famiglia Comet Lake-S sono attesi per la prossima primavera e richiederanno l'utilizzo delle future schede madri dotate di socket LGA 1200. Nello stesso periodo potremmo assistere anche all'arrivo di ulteriori soluzioni Comet Lake-H destinate ai portatili di fascia alta. Crediamo che la nuova piattaforma verrà ufficialmente presentata in concomitanza del prossimo Computex 2020 di Giugno.

Il risultato trovato da _rogame
Il risultato trovato da _rogame
La slide pubblicata da mebiuw
La slide pubblicata da mebiuw

Source(s)

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 02 > Intel Core i9-10900K: cosa possiamo aspettarci?
Luca Rocchi, 2020-02- 2 (Update: 2020-02- 2)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.