Notebookcheck

CES 2020 | Intel Horseshoe Concept: il primo prototipo di portatile con schermo pieghevole OLED

Intel svela Horseshoe Bend
Intel svela Horseshoe Bend
I computer portatili con schermi pieghevoli rappresentano una delle novità più importanti in mostra all'edizione 2020 del CES. Intel figura essere una tra le aziende che hanno deciso di investire in questo specifico mercato.
Luca Rocchi,

Nella giornata di ieri abbiamo potuto parlare del nuovo Lenovo ThinkPad X1 Fold, basato su processore Intel Core "Lakefield" con Hybrid Technology. Intel durante la sua conferenza al CES ha presentato in anteprima un prototipo con schermo OLED pieghevole sviluppato in prima persona e con nome in codice "Horseshoe Bend".

La caratteristica principale di questo dispositivo riguarda la possibilità di piegare il display OLED da 17 pollici e ottenere così una dimensione complessiva di 12 pollici. Il pannello utilizza una risoluzione 4K con tecnologia touchscreen. La piattaforma hardware prevede l'utilizzo di un processore Tiger Lake presentato da Intel direttamente al CES. 

Simile alla linea Surface di Microsoft, nella parte posteriore è presere un kickstand che permette di mantenere lo schermo orientato così da poter visualizzare i contenuti stando, per esempio, seduti davanti ad una scrivania.

Naturalmente trattandosi di un prototipo non è possibile ipotizzare un prezzo o una data di arrivo. Al momento non ci sono ulteriori dettagli sulle caratteristiche tecniche di questo dispositivo.

Intel presenta il prototipo al pubblico
Intel presenta il prototipo al pubblico
Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > Intel Horseshoe Concept: il primo prototipo di portatile con schermo pieghevole OLED
Luca Rocchi, 2020-01- 8 (Update: 2020-01- 8)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.