Notebookcheck

CES 2020 | Micron ha avviato il sampling delle memorie RDIMM DDR5

Il processo di produzione a 1znm
Il processo di produzione a 1znm
Micron Technology ha annunciato l'inizio della fase di campionamento delle prime memorie RDIMM (Registered DIMM) DDR5, realizzate con processo produttivo 1z nm. Questa tipologia di memoria è studiata per ambienti server e garantisce un aumento delle prestazioni di oltre l'85% e consumi ridotti rispetto alle attuali DDR4.
Luca Rocchi,

Al momento non sappiamo quando arriveranno in commercio i primi moduli DDR5 dedicati a sistemi desktop e portatili. Allo stato attuale nessun processore di Intel o AMD supporta questo standard e potrebbe volerci diverso tempo prima che accada. Intel ha intenzione di integrare il supporto alle memorie DDR5 nei datacenter non prima del 2021 e si presuppone che AMD seguirà la stessa strada.

I nuovi moduli DDR5 RDIMM sono costruiti utilizzando il processo di produzione a 1z nm, il quale sostanzialmente raddoppia la densità della memoria e ne migliora l'affidabilità e le prestazioni. Micron prevede che le prestazioni saranno superiori del 85% rispetto alle attuali memorie DDR4-1600/3200. Tra le caratteristiche aggiuntive troviamo una circuiteria dedicata al Duty Cycle Adjustment, memoria on-die ECC, un pin aggiuntivo per il controllo del segnale, una latenza ridotta e l'introduzione della modalità "loopback".

Naturalmente le nuove tecnologie, come tutte le ultime novità, avranno anche un prezzo elevato che al momento Micron Technology non ha fornito.

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > Micron ha avviato il sampling delle memorie RDIMM DDR5
Luca Rocchi, 2020-01- 9 (Update: 2020-01- 9)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.