Notebookcheck

CES 2020 | ASUS ROG Swift 360 è il primo display NVIDIA G-Sync da 360 Hz

ASUS ROG Swift 360
ASUS ROG Swift 360
ASUS ROG Swift 360 è uno dei nuovi display con tecnologia NVIDIA G-SYNC e frequenza di aggiornamento di 360 Hz, progettato principalmente per gli appassionati di Esports e giocatori professionisti.
Luca Rocchi,

Si tratta di un monitor da 24.5 pollici di diagonale equipaggiato con pannello AU Optronics e dotato di una risoluzione Full HD con naturalmente supporto a NVIDIA G-Sync. Al momento non ci sono maggiori dettagli riguardanti la tipologia di pannello implementata, ma crediamo che ASUS abbia utilizzato un pannello di tipologia TN. 

La platea a cui si rivolte ROG Swift 360 è naturalmente quella degli appassionati di FPS e giochi competitivi. Gli Esports e le comunità di gioco competitivo sono in forte espansione con ritmi impressionanti. Secondo NVIDIA, più del 60% degli utenti di tutto il mondo utilizzano i videogame in modo competitivo ogni mese e solo nel 2019 sono stati assegnati oltre $211 milioni come premi in denaro negli Esports. Anche il pubblico destinato a seguire questo genere di attività è in forte crescita con oltre 450 milioni di giocatori che si sono sintonizzati per assistere in live ai tornei. 

Con ROG Swift 360, ASUS offre un monitor con un frame time di 2,77 millisecondi ossia circa 1,4 millisecondi in meno di un monitor da 240 Hz. La differenza in termini di prestazioni non dovrebbe incidere in maniera marcata come accade passando da un monitor da 60 Hz ad uno da 120 Hz, tuttavia per l'azienda californiana la differenza dovrebbe garantire migliori prestazioni in diversi titoli tra cui Overwatch.

Source(s)

NVIDIA

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > ASUS ROG Swift 360 è il primo display NVIDIA G-Sync da 360 Hz
Luca Rocchi, 2020-01- 9 (Update: 2020-01- 9)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.