Notebookcheck

CES 2020 | Samsung mostra al CES un SSD portatile con lettore di impronte digitali

Samsung T7 Touch sarà disponibile in due colorazioni
Samsung T7 Touch sarà disponibile in due colorazioni
L'azienda ha presentato un nuovo SSD portatile appartenente alla serie di prodotti marchiata "T". Con il nuovo T7 Touch, Samsung offre un dispositivo di archiviazione esterna caratterizzato da un lettore di impronte digitali, elevate prestazioni di scrittura e lettura, e una portabilità estrema.
Luca Rocchi,

Samsung T7 Touch è indirizzato agli utenti occasionali e anche ai professionisti. Il dispositivo è equipaggiato di una porta USB 3.2 Gen 2 che assicura un trasferimento dati rapidissimo. Come da tradizione, la scocca è realizzata in alluminio spazzolato e le dimensioni lo rendono uno degli SSD esterni più versatili e tascabili sul mercato.

Come anticipato, la peculiarità di questo SSD risiede nella presenza di un lettore di impronte digitali che permette di implementare la crittografia hardware AES-256 per mettere al sicuro dati sensibili ed evitare che estranei possano accedere ai nostri file. Un LED, integrato nel lettore di impronte digitali, permette di capire quale tipo di operazioni l'unità stia eseguendo. La velocità di lettura dichiarata dall'azienda è di 1050 MB/s, mentre quella in scrittura si ferma a 1000 MB/s. 

Al lancio sarà previsto con capienza di 500 GB, 1 TB e 2 TB; nella confezione troverete incluso un cavo USB Type C-to-C e USB Type C-to-A. La disponibilità è prevista per la fine di Gennaio con prezzi a partire da 178.79 Euro.

Samsung T7 Touch
Samsung T7 Touch

Source(s)

Samsung Press

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > Samsung mostra al CES un SSD portatile con lettore di impronte digitali
Luca Rocchi, 2020-01- 9 (Update: 2020-01- 9)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.