Notebookcheck

Le GPU NVIDIA Tesla sono previste per la prossima estate: saranno utilizzate dal Supercomputer Big Red 200

Teaser
Grazie all'Università dell'Indiana e al sito The Next Platform, possiamo farci una idea sui futuri piani di NVIDIA. Secondo quanto riportato, NVIDIA avrà a disposizione nuove schede Tesla entro la prossima estate.
Luca Rocchi,

In un articolo che definisce come avverrà l'installazione del Supercomputer Big Red 200 nell'Università dell'Indiana - ossia il primo Supercomputer Cray Shasta ad essere installato - The Next Platform riporta come verrà eseguita la procedura. Da quanto emerge, l'Università dell'Indiana sarà la prima ad avere a disposizione i prossimi acceleratori Tesla di nuova generazione. 

La dichiarazione è piuttosto importante dal momento che NVIDIA non ha ancora ufficialmente annunciato una nuova linea di acceleratori. Gli attuali modelli, Tesla V100, sono basati sulla GPU GV100 annunciata oltre due anni fa al GTC 2017. 

Il Supercomputer Big Red 200 sarebbe pertanto in funzione, attualmente, solo in modalità CPU nell'attesa di ricevere gli acceleratori da NVIDIA. Si premuse che i nuovi modelli di NVIDIA offriranno prestazioni superiori del 70 o 75% rispetto agli attuali acceleratori V100. Naturalmente non è chiaro in che ambiti possiamo aspettarci questo enorme incremento prestazionale, potrebbe significare qualsiasi cosa: dai calcoli FP32 fino alle operazioni che richiedono molta precisione.

Il prossimo GTC di NVIDIA è presvisto per metà Marzo, quindi l'azienda avrebbe tutto il tempo di presentare una nuova linea di acceleratori.

Il Supercomputer Big Red 200
Il Supercomputer Big Red 200

Source(s)

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 02 > Le GPU NVIDIA Tesla sono previste per la prossima estate: saranno utilizzate dal Supercomputer Big Red 200
Luca Rocchi, 2020-02- 1 (Update: 2020-02- 1)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.