Notebookcheck

EVGA utilizza un chip TU104 sulla serie GeForce RTX 2060 KO

La GeForce RTX 2060 KO presentata al CES
La GeForce RTX 2060 KO presentata al CES
Allo scorso CES 2020, EVGA ha presentato le schede video GeForce RTX 2060 KO proponendole ad un prezzo iniziale di 279 Dollari. Attualmente le schede sono disponibili per 299 Dollari, ossia il nuvo MSRP ufficiale per tutti i modelli RTX 2060 non SUPER.
Luca Rocchi,

Dopo una prima analisi di GamerNexus è emerso che le schede video utilizzano un chip diverso dalle proposte rivali. EVGA, per mantenere il costo di produzione il più basso possibile, ha adottato un chip TU104-150 invece del più classico TU106. 

Il chip scelto da EVGA è sostanzialmente una versione difettosa del TU104 utilizzato sulle proposte di fascia alta come GeForce RTX 2070 Super e RTX 2080. Al suo interno pertanto ci potrebbero essere dei CUDA cluster danneggiati, non in grado di operare correttamente su una RTX 2070 Super ma ugualmente capaci di offrire le prestazioni richieste per una GeForce RTX 2060. NVIDIA infatti necessita di appena il 62% dei CUDA cluster presenti all'interno del TU104 per creare una GeForce RTX 2060.

Dalla recensione di GamerNexus è emerso come le schede video equipaggiate del chip grafico difettoso siano più prestazionali di quelle dotate del più comune chip TU106. EVGA al momento ha commercializzato la serie GeForce RTX 2060 KO con entrambi i chip grafici: allo stato attuale non è possibile conoscere anticipatamente quale chip sia a bordo della propria scheda. 

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > EVGA utilizza un chip TU104 sulla serie GeForce RTX 2060 KO
Luca Rocchi, 2020-01-24 (Update: 2020-01-24)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.