Notebookcheck

CES 2020 | ASUS Hyper M.2 X16 Gen 4, una storage card con molto potenziale

ASUS Hyper M.2 X16 Gen 4 compatibile con quattro SSD di ultima generazione
ASUS Hyper M.2 X16 Gen 4 compatibile con quattro SSD di ultima generazione
ASUS ha presentato al CES 2020 una storage card in grado di sfruttare il connettore fisico PCIe X16 Gen 4 presente sulle più recenti schede madri. La scheda è in grado di ospitare al suo interno fino a quattro SSD PCIe di quarta generazione. Grazie alla larghezza di banda doppia rispetto al PCIe Gen 3, questa scheda ha un potenziale veramente notevole.

ASUS Hyper M.2 X16 Gen 4 è una scheda particolare in grado di offrire velocità stratosferiche in abbinamento ad SSD PCIe di ultima generazione. I nostri lettori più appassionati avranno sicuramente già capito che questa scheda è al momento solo utilizzabile con le ultime piattaforme AMD che hanno introdotto questa tecnologia sul mercato. Hyper M.2 X16 integra al suo interno quattro slot M.2 in cui installare altrettanti SSD nei formati: M.2 2242, 2260, 2280 e 22110. 

Utilizzando una scheda madre AMD con chipset X570 si può sfruttare completamente il potenziale di questa scheda raggiungendo velocità teoriche in RAID0 mai ottenute fino ad ora. Per assicurare il corretto funzionamento delle unità e mantenere una temperatura di esercizio adeguata, ASUS ha installato all'interno una ventola radiale di raffreddamento chiamata a creare un discreto flusso d'aria. 

L'unità è tuttavia compatibile anche con slot PCIe X16 di terza generazione con un notevole compromesso in materia di velocità raggiungibili.

ASUS Hyper M.2 X16 Gen 4
ASUS Hyper M.2 X16 Gen 4

Source(s)

ASUS Press Release

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > ASUS Hyper M.2 X16 Gen 4, una storage card con molto potenziale
Luca Rocchi, 2020-01- 7 (Update: 2020-01- 7)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.