Notebookcheck

ASUS crea la sua prima "Mini" GeForce RTX 2070

Una immagine dell'ASUS Dual GeForce RTX 2070 Mini
Una immagine dell'ASUS Dual GeForce RTX 2070 Mini
Nelle scorse ore, ASUS ha svelato ufficialmente la sua prima GeForce RTX 2070 Mini progettata per il sistema da gioco modulare di Intel "Ghost Canyon" NUC. La scheda, come facilmente intuibile, è una versione compatta della famosa RTX 2070.
Luca Rocchi,

Al CES 2020, Intel ha presentato al pubblico il sistema Ghost Canyon ovvero un computer super compatto con volumi di ingombro molto contenuti. Ghost Canyon è equipaggiato da un processore Core i9 dotato di moltiplicatore di frequenza sbloccato verso l'alto che consente all'utente appassionato di intervenire in overclock.

Il sistema è inoltre dotato di uno slot PCI-Express e pertanto compatibile con schede video di dimensioni desktop. ASUS è una delle prime aziende a proporre una versione "Mini" compatibile con la proposta di Intel. Sebbene la scheda sia progettata per Ghost Canyon, naturalmente è possibile utilizzarla anche all'interno di sistemi destop di piccole dimensioni (SFF).

ASUS Dual GeForce RTX 2070 Mini è caratterizzata da un dissipatore dual-slot equipaggiato di due ventole coassiali di dimensioni generose. Il chip spinge la scheda ad una frequenza base di 1650 MHz e a 1680 MHz in modalità boost. 

Secondo le prime indiscrezioni, l'ASUS Dual GeForce RTX 2070 Mini sarà presto disponibile ad un prezzo consigliato di circa 525 Dollari. Nei prossimi mesi potremmo assistere all'arrivo anche delle versioni Mini della RTX 2060 e GTX 1660 Super.

Il sistema Ghost Canyon presentato al CES 2020
Il sistema Ghost Canyon presentato al CES 2020

Source(s)

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > ASUS crea la sua prima "Mini" GeForce RTX 2070
Luca Rocchi, 2020-01-14 (Update: 2020-01-14)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.