Notebookcheck

Crysis Remastered offrirà ray tracing anche su PlayStation 4 Pro e Xbox One X

La presentazione di Crysis Remastered è ormai alle porte e il lancio ufficiale è fissato per il 18 settembre, tra poco più di una settimana. Il titolo, in realtà, doveva giungere sul mercato già diverse settimane fa ma sul più bello qualcosa è andato storto e ha costretto gli sviluppatori a rivedere interamente il comparto grafico.
Luca Rocchi,

Durante la scorsa settimana, Crytek ha finalmente condiviso la prima immagine di gioco ad alta risoluzione di Crysis Remastered, suggerendo che sarà necessario un sistema corredato da componenti hardware di alta gamma per poter spingere il titolo al massimo. L'immagine, condivisa ad una risoluzione di 4K, mostrava una scena all'aria aperta con numerosi effetti di luce e zone constrastate.

Oggi Crysis Remastered torna a mostrarsi e stupisce nuovamente complice una serie di implementazioni per console del tutto inaspettate. In un video pubblicato su Youtube, gli esperti di Digital Foundry evidenziano come Crytek sia riuscita ad inserire il ray tracing anche su questo titolo destinato a PlayStation 4 Pro e Xbox One X. Per chi non lo sapesse, il ray tracing è una sorta di "fisica della luce" che consente l'illuminazione degli ambienti in tempo reale e una maggiore accuratezza sui riflessi delle varie superfici.

Si tratta di un risultato impressionante che è stato raggiunto con qualche compromesso; ad esempio l'acqua non sarà interessata dal ray tracing al fine di consentire un frame rate di gioco godibile. Di seguito potete trovare il video di Digital Foundry e se anche voi siete PC gamers vi consigliamo di dare uno sguardo ai requisiti consigliati.

Source(s)

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 09 > Crysis Remastered offrirà ray tracing anche su PlayStation 4 Pro e Xbox One X
Luca Rocchi, 2020-09-10 (Update: 2020-09-10)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.