Notebookcheck

Crysis Remastered: il trailer delude i fan, uscita rinviata

Nella giornata di ieri, Crytek ha rilasciato le prime immagini di gioco e il trailer di presentazione della nuova versione Remastered tuttavia le reazioni della rete non sono state positive, tanto da indurre il produttore a posticipare l'uscita a data da destinarsi.
Luca Rocchi,

Il primo titolo della trilogia, rilasciato nel 2007, ha rappresentato una importante novità sia per le dinamiche di gioco sia per la qualità grafica che poteva raggiungere con le impostazioni ai massimi livelli. Crysis 1 è stato utilizzato per anni come un vero e proprio benchmark di sistema, capace di definire le potenzialità di una determinata configurazione. Gli elevati requisiti grafici erano così estremi da essere difficili da soddisfare per qualsiasi sistema in commercio all'epoca.

Il lavoro svolto da Crytek con la versione Remastered sembrerebbe essere piuttosto sottotono e quindi lontano dalle elevate aspettative dei videogiocatori. Si tratta di un caso più unico che raro, Crysis è senza dubbio diventato famoso per le sue doti grafiche e non particolarmente per la storia o le modalità di gioco. Per questo motivo Crytek ha preso la decisione di posticipare l'uscita del gioco a data da destinarsi, con la promessa di sfruttare il tempo addizionale per impreziosire il titolo.

I pre-ordini attesi per PC Windows, Xbox One e PlayStation 4 non saranno quindi disponibili e solo in futuro saremo in grado di capire le modifiche apportare dagli sviluppatori per incontrare il gusto degli appassionati della saga. Ci auguriamo che l'aumento dei requisiti di sistema venga commisurato ad un effettivo miglioramento della grafica del gioco.

Source(s)

Crytek

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 07 > Crysis Remastered: il trailer delude i fan, uscita rinviata
Luca Rocchi, 2020-07- 2 (Update: 2020-07- 2)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.