Notebookcheck

Samsung Galaxy S20, un minuto di video in 8K richiede 600 MB di spazio

I nuovi Samsung Galaxy S20, svelati solo alcuni giorni fa, sono in grado di registrare video ad una risoluzione di 8K a 24 fps. Naturalmente, complice l'elevato numero di pixel in gioco, è necessario un incredibile quantitativo di memoria libero per registrare anche pochi attimi.

Il comparto fotografico adottato da Samsung per la generazione Galaxy S20 permette di catturare filmati ad alta definizione in 8K con la fotocamera posteriore principale. Secondo quanto riportato da SamMobile, lo spazio richiesto da una breve registrazione di appena 1 minuto è di circa 600 MB. Pertanto i modelli con solo 128 GB di archiviazione potrebbero risultare non adeguati a questo genere di registrazioni, la soluzione migliore potrebbe essere quella di acquistare un modello con almeno 256 GB di memoria. 

Sebbene basterebbe acquistare una memoria microSD aggiuntiva per ampliare lo spazio di archiviazione, Samsung limita ugualmente la lunghezza dei filmati a 3 minuti (circa 3 GB). Non è chiara quale sia la ragione, si ipotizza che possa essere legata al calore generato dal sensore durante le fasi di ripresa.

La soluzione migliore, per girare video con Galaxy S20, sembra quella di utilizzarlo in modalità 4K o 1080p dove non son presenti limitazioni di tempo o di spazio. 

Source(s)

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 02 > Samsung Galaxy S20, un minuto di video in 8K richiede 600 MB di spazio
Luca Rocchi, 2020-02-14 (Update: 2020-02-14)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.