Notebookcheck

DxOMark | Huawei Mate 20 X testato a oltre un anno dal debutto

Rilasciato nell'Ottobre del 2018, Huawei Mate 20 X non è esattamente un phablet recente tuttavia può ancora contare su una solida fan base. I nostri colleghi di DxOMark sono riusciti finalmente a testarlo, ottenendo punteggi molto interessanti ancora oggi.
Luca Rocchi,

Il padellone di Huawei, caratterizzato da un display da 7.2 pollici, si era dimostrato parecchio interessante anche durante i nostri test effettuati su Notebookcheck.com, dove aveva ottenuto un'ottima valutazione di 84 punti percentuale. Tra i numerosi aspetti positivi di questo smartphone avevamo sottolineato la presenza di una buon comparto fotografico contraddistinto da una tripla fotocamera.

Come per il modello Mate 20 Pro, anche Mate 20 X beneficia di una lente ultra grandangolare, una grandangolare e infine un teleobiettivo. Con un punteggio complessivo di 111 punti, Huawei Mate 20 X raggiunge la 16esima posizione nella classifica dei 20 migliori smartphone in circolazione. Complessivamente la fotocamera è capace di catturare ottime immagini se utilizzata in modalità ultra grandangolare e col teleobiettivo. DxOMark precisa che alcuni dettagli potrebbero essere migliorati come il bokeh, definito troppo morbido, e il rumore, troppo sostenuto negli scatti con luce artificiale.

Di seguito potete trovare i grafici di DxOMark ma vi consigliamo di leggere anche l'articolo pubblicato in calce.

I risultati a confronto: Mate 20 X vs Mate 20 Pro
I risultati a confronto: Mate 20 X vs Mate 20 Pro
Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 02 > Huawei Mate 20 X testato a oltre un anno dal debutto
Luca Rocchi, 2020-02- 5 (Update: 2020-02- 5)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.