Notebookcheck

Spuntano i primi benchmark di Apple A14 Bionic: più veloce dello Snapdragon 865

Siete pronti al nuovo iPhone? (Image Source: gizchina)
Siete pronti al nuovo iPhone? (Image Source: gizchina)
Ci siamo, è ufficialmente iniziata la sfida annuale tra Qualcomm e Apple: in rete sono comparsi all'interno del database di Geekbench i primi risultati riguardanti il processore A14 Bionic di Apple, ossia la piattaforma che alimenterà il prossimo iPhone 12.
Luca Rocchi,

Il processore è stato testato su una versione prototipale di iPhone in versione beta e, secondo quanto riportato, A14 Bionic è stato in grado di raggiungere i 1658 punti in singole-core e 4612 punti in multi-core superando di gran lunga tutte le proposte rivali. Sebbene il valore in multi-core sia superiore ma non incredibilmente elevato, il punteggio più interessante è sicuramente quello in single-core maggiore di numerose lunghezze.

Un altro aspetto interessante riguarda la frequenza operativa del prossimo SoC A14 Bionic: si tratterebbe del primo processore di Apple in grado di superare i 3 GHz. Se le indiscrezioni venissero confermate, il SoC di Apple, prodotto con tecnologia produttiva a 5 nanometri, potrebbe pertanto essere più veloce degli attuali SoC di fascia alta come Snapdragon 865, Exynos 990 e infine HiSilicon Kirin 990.

La nuova generazione di iPhone è attesa, come di consueto, subito dopo l'estate e non dovrebbero essere particolari cambiamenti a riguardo. Apple ha già confermato che il WWDC 2020 sarà esclusivamente online quest'anno, a causa dei timori legati all'epidemia del Coronavirus.

Il risultato apparso su Geekbench
Il risultato apparso su Geekbench
Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 03 > Spuntano i primi benchmark di Apple A14 Bionic: più veloce dello Snapdragon 865
Luca Rocchi, 2020-03-16 (Update: 2020-03-16)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.