Notebookcheck

L'Apple MacBook Air M1 ha il 50% in più di autonomia della batteria, ma il debole alimentatore limita le prestazioni di ricarica

Apple MacBook Air 2020
Apple MacBook Air 2020
Apple pubblicizza un'autonomia della batteria molto più ampia per il MacBook Air con il nuovo processore M1. Possiamo confermarlo dopo i nostri test iniziali con un miglioramento di oltre il 50%. Tuttavia, Apple utilizza ancora il piccolo alimentatore da 30W, che limita le prestazioni di ricarica.
Andreas Osthoff (traduzione a cura di G. De Luca), 🇺🇸 🇩🇪 ...

Abbiamo già dato un'occhiata alle prestazioni grafiche delle due diverse iGPU (7 contro 8 cores), e ora abbiamo i primi risultati per quanto riguarda l'autonomia della batteria. La capacità della batteria è invariata a 49,9 Wh, ma il nuovo chip M1 dovrebbe essere molto più efficiente. Il foglio delle specifiche ufficiali di Apple elenca 15 ore per la navigazione sul web, che è molto di più rispetto alle 10 ore del vecchio modello.

Autonomia della batteria in Wi-Fi

Il nostro test Wi-Fi viene eseguito ad una luminosità regolata di 150 nits. Pertanto, è molto importante disattivare il controllo automatico della luminosità del MacBook Air. Per arrivare ai 150 nits, abbiamo dovuto ridurre la luminosità di 7 livelli, e poi usare il controllo dettagliato (tramite Option + Shift) per ridurre la luminosità di altri due livelli.

Il vecchio MacBook Air 2020 con le CPU Intel ha raggiunto un'autonomia di 10:17 o 11 ore, rispettivamente, a seconda del processore (Core i5 o Core i3). Il nuovo MacBook Air con il chip M1 invece dura 16 ore, il che rappresenta un miglioramento tra il 45-55 %.

Prestazioni di ricarica

Apple continua a fornire il MacBook Air con il compatto alimentatore da 30W. Abbiamo anche testato le prestazioni di ricarica con l'unità più potente da 96W dell'attuale MacBook Pro 16. Le prestazioni di carica iniziali sono aumentate da 31 a circa 43 Watt per i primi 45 minuti prima di diminuire. Nel complesso, il tempo di ricarica è stato ridotto di 17 minuti a 2:23 ore. Oltre al tempo di ricarica più breve, l'alimentatore più potente offre anche un margine maggiore quando si utilizza il dispositivo durante il processo di ricarica. In questo caso, il tempo di ricarica con l'adattatore da 30W incluso sarebbe molto più alto. Il MacBook Pro 13 con il chip M1 viene comunque fornito con il più potente alimentatore da 61W.

Ricarica in Stand-by con alimentatore da 30W
Ricarica in Stand-by con alimentatore da 30W
Ricarica in Stand-by con alimentatore da 96W dell'MBP 16
Ricarica in Stand-by con alimentatore da 96W dell'MBP 16

Uno sguardo all'efficienza degli alimentatori rivela solo piccole differenze in un intervallo compreso tra 0,05-0,1W. Anche le prestazioni massime non sembrano essere limitate dall'alimentatore, perché vediamo un consumo di potenza di picco di 31W per il nuovo MacBook Air, che si abbassa a 22-25 dopo poco tempo. Questo comportamento è identico per entrambi gli alimentatori.

Il test Wi-Fi alla massima luminosità del display (che è ancora a ~400 nits) è ancora in esecuzione in questo momento. Aggiorneremo questo articolo non appena avremo i risultati.

Fonte

Notebookcheck

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 11 > L'Apple MacBook Air M1 ha il 50% in più di autonomia della batteria, ma il debole alimentatore limita le prestazioni di ricarica
Andreas Osthoff, 2020-11-28 (Update: 2020-11-28)
Andreas Osthoff
Editor of the original article: Andreas Osthoff - Managing Editor Business Notebooks