Notebookcheck

Xiaomi presenta Mi Smart Compact Projector, il proiettore a LED compatto compatibile con Android TV

Il proiettore Mi Smart Compact Projector di Xiaomi è ufficialmente disponibile anche in Italia con un prezzo di listino di 599,99 euro. Il dispositivo è in grado di raggiungere sino ai 200" (consigliata 120") di proiezione con una risoluzione massima di 1920 x 1080 pixel.

Costrutito con un DMD da 0,33", Mi Smart Compact Projector si affida alla tecnologia DLP realizzata da Texas Instruments e abbinata ad una sorgente luminosa a LED. I diodi sono realizzati da Osram, il famoso produttore di lampadine, in una configurazione personalizzata da Xiaomi capace di offrire il 20% di luminosità in più, con un dato ANSI dichiarato di 500 lumen. I LED consentono un'immediata operatività e una durata stimata in circa 30.000 ore di funzionamento. 

Il gruppo ottico utilizza uno schema con rapporto 1,2:1 che permette di ottenere una proiezione compresa tra i 60 e i 120", in grado di spingersi sino ai 200". La messa fuoco è di tipo automatico e non è necessario alcun intervento da parte dell'utente. La riproduzione dell'audio è affidata a due speaker da 5 Watt posizionati ai lati del proiettore, e qualora non fossero abbastanza è possibile collegare speaker esterni utilizzando il connettore jack da 3.5mm. Presente inoltre la connettività Wi-Fi dual-band, un modulo Bluetooth, una porta HDMI e un connettore USB 3.0.

All'interno di Mi Smart Compact Projector è inserito un SoC Amlogic T962-X abbinato a 2 GB di RAM DDR3 e a 16 GB di memoria eMMC. Il sistema operativo integrato è Android TV 9.0 e nella confezione viene offerto anche un telecomando compatibile con controlli vocali. 

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 03 > Xiaomi presenta Mi Smart Compact Projector, il proiettore a LED compatto compatibile con Android TV
Luca Rocchi, 2020-03-25 (Update: 2020-03-25)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.