Notebookcheck

iFixit | Ecco come disassemblare Xiaomi Mi Watch

L'Apple Watch è ancora oggi lo smartwatch più venduto al mondo, nonostante i produttori cinesi, come Huami (Amazfit) e Xiaomi (Mi), stiano recuperando terreno. iFixit ha esaminato più da vicino lo Xiaomi Mi Watch riscontrando interessanti dettagli.
Luca Rocchi,

Quando si pensa ad uno smartwatch per antonomasia ci si immagina quasi sempre il prodotto di Apple commercializzato ormai da diversi anni. Le ragioni sono molteplici: dalla quantità di feature presenti fino all'elevata qualità costruttiva. Negli ultimi mesi, numerosi produttori cinesi hanno provato a realizzare un prodotto simile basato naturalmente su Android senza tuttavia ottenere grandi risultati.

Xiaomi con Mi Watch offre uno smartwatch esteticamente molto simile all'Apple Watch e con una componentistica interna rivisitata. Mi Watch utilizza la piattaforma Snapdragon Wear 3100 di Qualcomm, alimentata da una batteria da circa 2.2 Wh (560 mAh, 3.87 volt). A bordono sono presenti 8 GB di memoria LPPDR3 prodotti da Kingston. 

Nel complesso, iFixit valuta Mi Watch con un punteggio di soli 4 punti su 10 per quanto concerne la riparabilità. Purtroppo per poter accedere alla batteria è necessario smontare interamente lo smartwatch e senza i dovuti strumenti è possibile rompere fin troppo facilmente il display. Il punteggio è in ogni caso di poco inferiore a quello ottenuto dall'Apple Watch serie 4. 

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 02 > Ecco come disassemblare Xiaomi Mi Watch
Luca Rocchi, 2020-02- 7 (Update: 2020-02- 7)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.