Notebookcheck

Xbox Series X: primi rumor sulla velocità del SSD

Il profilo Linkedin di Jerry Lou
Il profilo Linkedin di Jerry Lou
Sul profilo Linkedin di Jerry Lou, Software Engineer di Phison, sembrano emergere interessanti dettagli sulle possibili caratteristiche dell'unità di storage a bordo della Xbox Series X, la console Next-Gen di Microsoft.
Luca Rocchi,

Nei giorni scorsi l'ingegnere ha confermato, sul proprio profilo, di aver lavorato al controller di memoria di "Xbox Scarlett" rendendolo probabilmente compatibile con l'utilizzo di un SSD Phison PCIe di quarta generazione. Jerry Lou sarebbe l'ingegnere dietro i progetti PS5016-E16 e PS5019-E19, due controller adottati da varie unità SSD NVMe PCIe Gen4x4.

Sarebbe proprio il chip PS5019-E19T ad essere quello preferibile da utilizzare all'interno della console di nuova generazione di Microsoft. Questo chip sarebbe in grado di gestire la memoria Flash mettendola in comunicazione diretta con la CPU senza l'utilizzo ausiliario di memoria DRAM. In base a questa notizia, TweakTown ipotizza una velocità massima sequenziale di circa 3.75 GB/s, un valore di 500.000 IOPS in scrittura e 440.000 in lettura. 

Rispetto agli hard disk presenti nelle attuali console si tratta di velocità superiori di oltre 15 lunghezze. Al momento, naturalmente, sono solo speculazioni e non vi sono dettagli certi riguardanti la tipologia di SSD presente all'interno della Xbox Series X.

Vista posteriore (Source: Thurott)
Vista posteriore (Source: Thurott)
Vista anteriore (Source: Thurott)
Vista anteriore (Source: Thurott)
Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 01 > Xbox Series X: primi rumor sulla velocità del SSD
Luca Rocchi, 2020-01-23 (Update: 2020-01-23)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.