Notebookcheck

Test dei migliori smartphones per i video: Tutti contro l'iPhone

Daniel Schmidt, 👁 Daniel Schmidt, Felicitas Krohn (traduzione a cura di G. De Luca), 03/03/2020

Motore...azione! Testiamo i migliori smartphones per quanto riguarda i video e li mettiamo in competizione tra loro in un confronto diretto. L'iPhone 11 Pro è considerato il dispositivo migliore in questa disciplina, ma anche la concorrenza Galaxy Note 10+, Mate 30 Pro e Xiaomi Mi Note 10 può convincere. Scoprite qual è il lo smartphone migliore.

L'iPhone ha la reputazione di essere la prima scelta per le riprese video e offre una vasta gamma di opzioni a questo proposito. La concorrenza Android è stata potenziata e ha legittime ambizioni di contestare il telefono Apple per il trono.

Huawei integra persino un sensore di immagine aggiuntivo da 40 MP, mentre Samsung utilizza un'impostazione molto simile a quella di Apple nel Galaxy Note 10 Plus. Lo Xiaomi Mi Note 10 è molto più economico, ma con un elegante sensore da 108 MP inaugura ufficialmente la soluzione più grande. Anche l'imminente serie Galaxy S20 sarebbe certamente un candidato entusiasmante perché i dispositivi possono gestire video 8K, tra le altre cose, ma purtroppo non erano ancora disponibili al momento del test.

La seguente tabella fornisce una prima panoramica.

- iPhone 11 Pro Galaxy Note10+ Mate 30 Pro Mi Note 10
Sensore Principale 12 MPix, 1/2.55", f/1.8 12 MPix, 1/2.55", f/1.5 bzw. f/2.4 40 MPix, 1/1.54", f/1.8 108 MPix, 1/1.33", f/1.69
Full HD 24/30/60 FPS 30/60 FPS 30/60 FPS 30/60 FPS
Ultra HD 24/30/60 FPS 30/60 FPS 30/60 FPS 30 FPS
Data rate UHD (30 FPS, H.264) 45 MBit/s 47 MBit/s 37 MBits/s 41 MBit/s

Funzionalità - Xiaomi con molte lenti e megapixels, ma poche opzioni di frame-rate

iPhone 11 Pro con tripla fotocamera
iPhone 11 Pro con tripla fotocamera
Note10+ con quattro fotocamere
Note10+ con quattro fotocamere
Mi Note 10 con cinque fotocamere
Mi Note 10 con cinque fotocamere
Mate 30 Pro con quattro fotocamere
Mate 30 Pro con quattro fotocamere

L'iPhone utilizza una configurazione a tripla telecamera, che oltre al grandangolo standard offre sia un ultra grandangolo che un doppio zoom ottico. Tutte e tre le ottiche hanno la massima risoluzione video in Ultra HD fino a 60 fotogrammi al secondo. È possibile passare da un obiettivo all'altro durante la registrazione. L'iPhone è anche l'unico smartphone che consente 24, 30 e 60 FPS. In condizioni di scarsa illuminazione, il frame rate può anche essere ridotto automaticamente per catturare più luce.

Il Samsung Galaxy Note10 + utilizza un'impostazione simile, ma è integrato da una fotocamera aggiuntiva per il calcolo della profondità. Questo dovrebbe consentire un notevole effetto bokeh anche in modalità video, purtroppo non è stato molto convincente durante il test. Anche se l'effetto è in qualche modo migliorato, i contorni provocano sempre errori di immagine e transizioni imprecise, anche se la persona è ferma, motivo per cui non lo utilizzeremmo. Con il Note10 + si può anche passare da un'ottica all'altra.

Lo Xiaomi Mi Note 10 ha il maggior numero di obiettivi di fotocamera, di cui il sensore principale ha una potente risoluzione di 108 MP, ma è l'unico smartphone nel gruppo di confronto che non può registrare video UHD a 60 fps. Inoltre il passaggio tra le singole fotocamere è possibile solo in misura limitata. Ad esempio, se si avvia il video con l'ultra grandangolo, è possibile utilizzare lo zoom digitale completo, ma se si inizia con un ingrandimento, non si può più tornare all'ultra grandangolo. Il sensore macro da 2 MP non ha una risoluzione sufficiente per UHD, ma supporta il sensore principale nelle riprese macro. Il Note 10 ha quindi molte opzioni, ma può richiedere un po' di tempo per abituarsi.

Huawei si mette in mostra con il Mate 30 Pro perché questo smartphone ha un proprio sensore per la videografica, riservato anche alle foto ultra grandangolari. Il sensore è relativamente grande e può catturare più luce di conseguenza; questo dovrebbe offrire vantaggi, soprattutto al buio. Il Mate 30 Pro ha anche una modalità bokeh per i video, anch'essa non convincente e deve affrontare gli stessi problemi del telefono Samsung. L'obiettivo rimanente offre uno zoom ottico triplo, che può anche essere ampliato digitalmente fino a 10 volte durante le riprese.

Tutti gli smartphones sono dotati di stabilizzazione ottica dell'immagine sia per il grandangolo che per il teleobiettivo.

Videos alla luce del giorno - iPhone e Mi Note 10 sorprendono

L'ottica principale per il video è il fulcro di tutti i test. Poiché le lenti aggiuntive spesso forniscono solo una qualità d'immagine più scadente, non ci addentreremo nei dettagli. Tutte le registrazioni durante il test sono state effettuate in Ultra HD a 30 fps.

Tutti i candidati si comportano bene alla luce del giorno, ma qui l'iPhone può prevalere con l'immagine più equilibrata. Anche il punto bianco è molto buono. I tre dispositivi Android hanno tutti problemi di sovraesposizione parziale, o mostrano anche piccole aree bruciate dell'immagine. Il Mi Note10 è particolarmente positivo in questo caso, scende nei dettagli, ma mantiene un'esposizione bilanciata.

Utilizzando il sensore ultra-grandangolare, il Mate 30 Pro propone un'immagine quasi priva di ritagli, mentre gli avversari mostrano una sezione di immagine più piccola. Anche la curvatura sui lati è qui chiaramente visibile. Chiunque creda di poter ottenere facilmente lo stesso effetto con gli obiettivi ultragrandangolari degli altri smartphones potrebbe rimanere deluso, perché con una riproduzione nativa su un grande pannello, le prestazioni più scadenti dei sensori di immagine più piccoli possono comunque essere riconosciute ed espresse da un rumore permanente; soprattutto il Mi Note 10 è negativo a questo proposito.

Se vi piace usare lo zoom nei video, Huawei e Samsung vi offrono la massima flessibilità, perché entrambi utilizzano lo zoom continuo, a partire dall'ultra grandangolare fino a un ingrandimento digitale di dieci volte. Mentre lo smartphone Galaxy utilizza i tre tradizionali pulsanti dell'obiettivo per passare da una lunghezza focale all'altra, il Mate 30 Pro utilizza un cursore per simulare il movimento della fotocamera che si sposta più velocemente quanto più è spinto dal centro. Sembra abbastanza buono, ma a volte funziona un po' troppo velocemente, quindi lo scatto di inseguimento manca spesso il bersaglio. Inoltre, c'è un cambiamento visibile nel bilanciamento del bianco quando si passa all'obiettivo successivo o si esegue solo lo zoom digitale. Questo è particolarmente evidente nel telefono cellulare Xiaomi, mentre l'iPhone affronta la transizione in modo pulito. Questi due possono zoomare digitalmente fino a sei volte.

In condizioni di luce controllata, le differenze nel bilanciamento del bianco sono immediatamente evidenti. Mentre Samsung e Apple lo gestiscono in modo del tutto naturale, i due modelli cinesi mostrano una evidente sfumatura verde. Il Galaxy Note 10+ ha l'immagine più nitida al centro, ma mostra una leggera frammentazione nelle aree colorate. Il Mate 30 Pro affronta al meglio quest'ultima, ma gli avversari sono vicini in quest'area.

Con il massimo zoom sul nostro grafico di prova, l'Apple è sorprendentemente il vantaggio. Tiene la messa a fuoco molto rapidamente e la mantiene stabile. Anche Samsung può convincere in questo senso. Gli altri due Androidi hanno molti più problemi di messa a fuoco. In generale, il Mate 30 Pro a volte ha sbagliato con l'autofocus e si è concentrato sullo sfondo invece che sul soggetto, mentre il Mi Note 10 non sempre metteva a fuoco nei punti cruciali.

Alla luce del giorno: iPhone 11 Pro
Alla luce del giorno: iPhone 11 Pro
Alla luce del giorno: Mi Note 10
Alla luce del giorno: Mi Note 10
Alla luce del giorno: Mate 30 Pro
Alla luce del giorno: Mate 30 Pro
Alla luce del giorno: Galaxy Note10+
Alla luce del giorno: Galaxy Note10+
Grafico di Test: Mi Note 10
Grafico di Test: Mi Note 10
Grafico di Test: iPhone 11 Pro
Grafico di Test: iPhone 11 Pro
Grafico di Test: Mate 30 Pro
Grafico di Test: Mate 30 Pro
Grafico di Test: Galaxy Note10+
Grafico di Test: Galaxy Note10+
Zoom massimo: Galaxy Note10+
Zoom massimo: Galaxy Note10+
Zoom massimo: Mi Note 10
Zoom massimo: Mi Note 10
Zoom massimo: iPhone 11 Pro
Zoom massimo: iPhone 11 Pro
Zoom massimo: Mate 30 Pro
Zoom massimo: Mate 30 Pro

Video con scarsa luminosità - l'Huawei trasforma la notte in giorno, ma...

Per poter valutare le prestazioni video degli smartphones in condizioni di scarsa illuminazione, abbiamo scattato delle foto in diverse condizioni di luce. Ciò che spicca immediatamente: lo Xiaomi Mi Note 10 ha qui le peggiori prestazioni in tutte le condizioni e non solo in modo scarso, ma anche molto ben visibile.

Nella prima impostazione, solo l'iPhone 11 Pro e il Mate 30 Pro riescono a catturare parte della luce dell'alba che si avvicina ed elaborano correttamente i contorni. Quest'ultimo aspetto è migliore sull'iPhone, mentre il gioco di colori nel cielo si può notare solo sull'Huawei.

Circa un'ora dopo, è già visibilmente più luminoso. Qui l'ottica sembra alzare molto il tiro e raccoglie molta luce sul sensore. Ma come risultato, c'è solo molto disturbo dell'immagine e soggetti troppo luminosi. Il Mate 30 Pro cattura lo scenario in modo più naturale, ma lo scatto più equilibrato è fornito dall'iPhone.

In condizioni di illuminazione controllata, testiamo prima di tutto tutti gli smartphones a 3 lux, che equivale all'incirca a un'illuminazione fioca di una cantina. Anche in questo caso, Apple sceglie un piacevole equilibrio tra luminosità e nitidezza, e l'autofocus dell'iPhone funziona in modo più affidabile in queste condizioni di illuminazione. Il Mate 30 Pro raccoglie molta luce e il soggetto è ben illuminato, ma mostra molti punti deboli nei dettagli, soprattutto verso i bordi. Anche Samsung si affida completamente alla luminosità, ma ciò va visibilmente a scapito della qualità.

A 0,5 lux è piuttosto buio. Con queste condizioni, il Mi Note 10 si mostra come un totale fallimento e anche gli altri smartphones raggiungono i loro limiti. L'iPhone e il Mate 30 Pro catturano ancora la maggior parte della luce qui, e riescono ancora a generare un'immagine ragionevolmente utilizzabile, ma il telefono Huawei non lo fa con il sensore video, ma con il grandangolo standard. Inoltre, l'AIS del Mate 30 Pro ha problemi visibili in condizioni di scarsa illuminazione per compensare i movimenti, che possono causare un'immagine vibrante nel sensore video. 

Con scarsa luminosità: Mi Note 10
Con scarsa luminosità: Mi Note 10
Con scarsa luminosità: Galaxy Note10+
Con scarsa luminosità: Galaxy Note10+
Con scarsa luminosità: iPhone 11 Pro
Con scarsa luminosità: iPhone 11 Pro
Con scarsa luminosità: Mate 30 Pro
Con scarsa luminosità: Mate 30 Pro
All'alba: Mate 30 Pro
All'alba: Mate 30 Pro
All'alba: iPhone 11 Pro
All'alba: iPhone 11 Pro
All'alba: Mi Note 10
All'alba: Mi Note 10
All'alba: Galaxy Note10+
All'alba: Galaxy Note10+
Grafico di Test @ 3 Lux: Mi Note 10
Grafico di Test @ 3 Lux: Mi Note 10
Grafico di Test @ 3 Lux: Mate 30 Pro
Grafico di Test @ 3 Lux: Mate 30 Pro
Grafico di Test @ 3 Lux: iPhone 11 Pro
Grafico di Test @ 3 Lux: iPhone 11 Pro
Grafico di Test @ 3 Lux: Galaxy Note10+
Grafico di Test @ 3 Lux: Galaxy Note10+
Grafico di Test @ 0.5 Lux: Galaxy Note10+
Grafico di Test @ 0.5 Lux: Galaxy Note10+
Grafico di Test @ 0.5 Lux: Mi Note 10
Grafico di Test @ 0.5 Lux: Mi Note 10
Grafico di Test @ 0.5 Lux: iPhone 11 Pro
Grafico di Test @ 0.5 Lux: iPhone 11 Pro
Grafico di Test @ 0.5 Lux: Mate 30 Pro (ultra wide)
Grafico di Test @ 0.5 Lux: Mate 30 Pro (ultra wide)
Grafico di Test @ 0.5 Lux: Mate 30 Pro (wide)
Grafico di Test @ 0.5 Lux: Mate 30 Pro (wide)

Audio

Ci sono grandi differenze nei microfoni. All'esterno, nei giorni ventosi, l'iPhone e il Mi Note 10 sono particolarmente sensibili al rumore del vento, mentre il Galaxy Note 10 + li filtra il più possibile, in modo da poterli percepire solo come un leggero sussurro in sottofondo. Huawei sceglie il percorso più difficile: Cerca di sopprimere il rumore del vento, ma registra invece un vento stranamente distorto. Le leggere raffiche di vento possono essere tutte compensate in modo abbastanza affidabile.

In ambienti tranquilli, il microfono del cellulare Samsung è particolarmente sensibile e registra anche le voci silenziose in modo chiaro e semplice. Il Mate 30 Pro offre anche una registrazione audio a basso rumore, ma è accompagnata da un leggero ronzio. L'iPhone filtra anche i rumori ambientali silenziosi e offre un'ottima registrazione del suono.

Solo lo smartphone Xiaomi mostra dei punti deboli, perché il suo tono è relativamente silenzioso ed è accompagnato da un rumore udibile.

Giudizio Complessivo - Apple offre la soluzione più bilanciata

Dispositivi di test forniti da Samsung Germany e
Dispositivi di test forniti da Samsung Germany e

Con l'iPhone 11 Pro, Apple è all'altezza della sua reputazione di avere il miglior smartphone per i video. Tuttavia, non è assolutamente al top in tutti i settori. Tutti gli smartphones offrono risultati da buoni a molto buoni alla luce del giorno. In confronto, Huawei è forte come al solito, mentre Samsung e Xiaomi non si illuminano in modo armonioso come Apple. Il Mi Note 10 deve inoltre fare qualche piccola modifica nei dettagli.

In condizioni di scarsa illuminazione ambientale, la grande differenza di prezzo è evidente nonostante il moderno sensore di immagine del Mi Note 10. Il telefono Xiaomi cattura meno luce e il rumore dell'immagine è visibile prima rispetto ai suoi concorrenti più costosi. Il tracciamento della messa a fuoco non è sempre pulito o deve essere avviato manualmente, e la fotocamera dello smartphone mostra anche problemi di transizione tra le singole ottiche.

Xiaomi sorprende con una buona performance, anche se il Mi Note 10 non costa nemmeno la metà dei concorrenti più costosi.

Huawei mostra anche problemi con l'autofocus, ma soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione il Mate 30 Pro flette i muscoli. Tuttavia, questo spesso avviene a scapito dei dettagli. Anche la mancanza di stabilizzazione dell'immagine ottica per il sensore video ha un impatto negativo, soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione, dove l'AIS a volte può essere stabilizzato o regolato in modo errato. Soprattutto, Apple fa molte cose giuste e sceglie un percorso di successo tra la luminosità dell'immagine e il livello di dettaglio.

In definitiva, l'iPhone può superare la concorrenza, soprattutto nel campo della registrazione del suono, e solo il Galaxy Note10 + può tenere il passo ed ha anche un audio migliore in presenza di vento.

Pricecompare

Pricecompare

Pricecompare

Pricecompare

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > Recensioni e prove > Recensioni e prove > Test dei migliori smartphones per i video: Tutti contro l'iPhone
Daniel Schmidt, 2020-03- 3 (Update: 2020-03- 3)
Christian Hintze
Editor of the original article: Christian Hintze - Editor