Notebookcheck

Confronto fotocamere Smartphone High-End: DxOMark non solo su smartphones per tutti i giorni

Il Software fa la differenza. Analizziamo la qualità della fotocamera dell'attuale élite di smartphones. I Google Pixel 4, Huawei Mate 30 Pro, OnePlus 7T Pro e Samsung Galaxy Note 10+ sono tutti smartphones fantastici, così come Xiaomi Mi Note 10 con la sua fotocamera principale da 108 MP posteriore. Continuate a leggere per scoprire le differenze di qualità della fotocamera tra questi cinque smartphones in questo ampio confronto tra le fotocamere.
Marcus Herbrich, 👁 Daniel Schmidt, Felicitas Krohn (traduzione a cura di G. De Luca),
Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro
Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro

In seguito al nostro test di confronto delle fotocamere effettuato all'inizio di quest'anno, abbiamo deciso di sottoporre l'attuale elite degli smartphones Android a una serie dettagliata di test sulle fotocamere. In particolare, il campione DxOMark di breve durata, il Mi Note 10, vorrebbe stabilire nuovi standard nella fotografia per smartphones con il Samsung Bright HMX, una fotocamera da 108 MP che Xiaomi ha incluso nel Mi CC9 Pro.

Vedremo più da vicino se Xiaomi è riuscita a includere una fotocamera ad alta risoluzione di questo tipo nella sua ultima ammiraglia e chi dell'attuale elite Android è in grado di offrire il miglior pacchetto complessivo. Valuteremo questo aspetto in termini di qualità della fotocamera utilizzando vari scenari e situazioni di illuminazione. Ma prima, una panoramica di ciò che i nostri dispositivi di confronto hanno da offrire.

Confronto Hardware Fotocamere

Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro
Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro
Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro
Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro
Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro
Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro
Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro
Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro
Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro
Recensione della fotocamera: confronto tra Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro

A partire dall'ultima ammiraglia di Xiaomi, il Mi Note 10 ha cinque telecamere posteriori. Il suo sensore principale, il Bright HMX, ha 108 MP come abbiamo detto prima insieme a un'apertura f/1,69. Ci sono anche due teleobiettivi, uno da 5 MP e l'altro da 12 MP, che supportano rispettivamente lo zoom ottico 5x e 2x. Inoltre, c'è un sensore macro da 2 MP e una fotocamera ultra grandangolare da 20 MP che ha un'apertura f/2,2.

Al contrario, il OnePlus 7T Pro, come il suo predecessore, utilizza la Sony IMX586 come fotocamera principale posteriore. Il sensore da 48 MP ha un'apertura f/1,6, che OnePlus completa con un obiettivo ultragrandangolare da 16 MP, insieme a un teleobiettivo da 8 MP che supporta lo zoom ottico 3x.

Nel frattempo, il Mate 30 Pro ha quattro fotocamere posteriori, anche se la sua fotocamera con sensore di profondità 3D non può essere utilizzata da sola. Le sue fotocamere principali e ultra-wide sono entrambe sensori da 40 MP, mentre il suo teleobiettivo da 8 MP supporta lo zoom ottico 3x e fino a 5x ibrido. Il suo sensore principale da 40 MP ha anche un'apertura f/1,6.

Al contrario, il Galaxy Note 10+, come la serie Galaxy S10, ha una fotocamera principale da 12 MP. Il sensore ha pixel relativamente grandi, insieme all'autofocus a doppio pixel e un'apertura variabile f/1,5-f/2,4. Come la concorrenza, anche il Galaxy Note 10+ ha sensori ultragrandangolari e teleobiettivi, che possono scattare rispettivamente fino a 16 MP e 12 MP. Quest'ultimo anche il Pixel 4 supporta lo zoom ottico fino a 2x. Ultimo, ma non meno importante, è un sensore di profondità 3D VGA.

Infine, abbiamo il Pixel 4, che ha una configurazione della fotocamera relativamente semplice. Google ha incluso solo due sensori, una fotocamera principale da 12 MP con apertura f/1,7 e un teleobiettivo da 16 MP. Si tratta di uno in più rispetto al suo predecessore, e mentre il teleobiettivo offre uno zoom ottico 2x, ha un'apertura relativamente stretta di f/2,4.

Xiaomi Mi Note 10 Google Pixel 4 OnePlus 7T Pro Samsung Galaxy Note 10 + Huawei Mate 30 Pro
Rear-facing cameras Camera 1: 108 MP, f/1.69, Samsung HMX
Camera 2: 12 MP, f/2.0
Camera 3: 20 MP, f/2.2
Camera 4: 5 MP, f/2.0
Camera 5: 2 MP, f/1.75
Camera 1: 12.2 MP, Dual-Pixel-Phase-AF, OIS, EIS, f/1.7
Camera 2: 16 MP, 1.0 μm, Phase-AF, OIS, EIS, f/2.4
Camera 1: 48 MP Sony IMX586, 1.6 μm, f/1.6, OIS
Camera 2: 8 MP Tele, 1 μm, OIS, f/2.4
Camera 3: 16 MP ultra-wide-angle, f/2.2
Triple-Autofocus: PDAF, Laser, Contrast
Camera 1: 12 MP f/​1.5-f/​2.4, Phase comparison-AF (Dual-Pixel), OIS
Camera 2: 12.0 MP, f/​2.1, Phase comparison-AF, OIS, Telephoto
Camera 3: 16.0 MP, f/​2.2, ultra-wide-angle
Camera 1: 40 MP, f/1.6, OIS
Camera 2: 40 MP ultra-wide-angle f/1.8
Camera 3: 8 MP telephoto, f/2.4
Front-facing cameras 32 MP, f/2.0, 1.6 μm, 4-in-1 super pixel 8 MP, 1.22 μm, f/2.0, Fixed focus 16 MP Sony IMX471, 1 μm, f/2.0, fixed focus, EIS, retractable 10 MP f/​2.2, Phase comparison-AF (Dual-Pixel) 32 MP, f/2.0, fixed focus
Software version 11.0.11 190821.014 10.0.4 N975FXXS1ASKB 10.0.0.161

Fotocamere posteriori: condizioni di Test

In questo confronto testeremo tutti gli smartphones con le loro fotocamere impostate in modalità pixel binning, ove possibile. Se non si ha familiarità con il binning dei pixel, allora il sensore combina almeno 2x2 pixel adiacenti per formare un unico grande pixel. Questo riduce le risoluzioni del Mi Note 10 a 27 MP, del OnePlus 7T Pro a 12 MP e del Mate 30 Pro a 10 MP, a titolo di riferimento.

Abbiamo anche usato l'AI durante i nostri confronti delle fotocamere. Abbiamo però lasciato le impostazioni della fotocamera ai valori predefiniti di fabbrica.

Immagini alla luce del giorno

Anche in buone condizioni di luce, si notano differenze nella messa a fuoco e nella gestione del colore. Il Mi Note 10 spesso manca di nitidezza rispetto alla concorrenza, ad esempio, mentre anche la sua esposizione spesso non è ottimale, facendo apparire sovraesposte le immagini scattate con il sensore da 108 MP. A causa della resa dei colori un po' troppo calda e dei dettagli ridotti, il OnePlus 7T Pro si comporta in modo simile all'ultima ammiraglia Xiaomi.

Analogamente al nostro ultimo confronto con la fotocamera, la precisione del colore e, in una certa misura, la gamma dinamica del Mate 30 Pro deludono. I toni verdi sembrano innaturali, per esempio, cosa che vale anche per il Galaxy Note 10+. Quest'ultimo, però, ha una gamma dinamica e una precisione del colore migliori rispetto al primo. Anche in questo caso, il Galaxy Note 10+ tende a riprodurre i colori in modo troppo caldo per i nostri gusti.

Nel complesso, preferiamo gli scatti alla luce del giorno del Pixel 4 a quelli dei nostri altri dispositivi di confronto. Mentre sembrano naturali, il Pixel 4 conserva bene anche i contrasti. Tuttavia, il dispositivo soffre di alcuni problemi di nitidezza dell'immagine, come anche gli altri nostri dispositivi di confronto.

Uno scenario simile si ripete in modalità ritratto. Mentre il Pixel 4 riproduce bene i contrasti e sfuoca le immagini di sfondo, i nostri dispositivi di confronto creano anche un discreto effetto bokeh. L'ulteriore profondità di campo dell'ottica aiuta in questo senso.

Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Samsung Galaxy Note 10+ | Modalità Automatica
Samsung Galaxy Note 10+ | Modalità Automatica
Huawei Mate 30 Pro | Modalità Automatica
Huawei Mate 30 Pro | Modalità Automatica
Google Pixel 4 | Modalità Automatica
Google Pixel 4 | Modalità Automatica
OnePlus 7T Pro | Modalità Automatica
OnePlus 7T Pro | Modalità Automatica
Xiaomi Mi Note 10 | Ritratto
Samsung Galaxy Note 10+ | Ritratto
Huawei Mate 30 Pro | Ritratto
Google Pixel 4 | Ritratto
OnePlus 7T Pro | Ritratto
Xiaomi Mi Note 10 | Ritratto
Samsung Galaxy Note 10+ | Ritratto
Huawei Mate 30 Pro | Ritratto
Google Pixel 4 | Ritratto
OnePlus 7T Pro | Ritratto
Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Samsung Galaxy Note 10+ | Modalità Automatica
Huawei Mate 30 Pro | Modalità Automatica
Google Pixel 4 | Modalità Automatica
OnePlus 7T Pro | Modalità Automatica
Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Samsung Galaxy Note 10+ | Modalità Automatica
Huawei Mate 30 Pro | Modalità Automatica
Google Pixel 4 | Modalità Automatica
OnePlus 7T Pro | Modalità Automatica
Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Samsung Galaxy Note 10+ | Modalità Automatica
Huawei Mate 30 Pro | Modalità Automatica
Google Pixel 4 | Modalità Automatica
OnePlus 7T Pro | Modalità Automatica
Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Samsung Galaxy Note 10+ | Modalità Automatica
Huawei Mate 30 Pro | Modalità Automatica
Google Pixel 4 | Modalità Automatica
OnePlus 7T Pro | Modalità Automatica

Passando ai teleobiettivi si ottiene una qualità d'immagine visibilmente inferiore. La gamma di zoom 3x è deludente in tutti gli smartphones rispetto alla fotocamera principale posteriore, anche se il OnePlus 7T Pro ci ha convinto di più in questo caso. Per inciso, c'è una leggera sfumatura di rosso nelle foto scattate con il Mate 30 Pro.

La qualità fotografica del Mi Note 10 è però sorprendentemente buona quando si usa lo zoom 5x. Anche i colori sono realistici, e le foto sembrano notevolmente più nitide rispetto agli altri nostri dispositivi di confronto. Uno sguardo fuori dal centro dell'immagine rivela evidenti punti deboli nella nitidezza che il OnePlus 7T Pro può catturare, cosa che vale anche per il Galaxy Note 10+, ma leggermente meno pronunciata. Anche il Pixel 4 fa fatica, nonostante il suo sofisticato software, ad avere oggetti che sembrano relativamente sfumati e privi di dettagli. Il Pixel 4 e il Galaxy Note 10+ hanno qui uno svantaggio tecnico a causa delle loro fotocamere con zoom ottico 2x native.

Xiaomi Mi Note 10 | 3x-Zoom
Xiaomi Mi Note 10 | 3x-Zoom
Samsung Galaxy Note 10+| 3x-Zoom
Samsung Galaxy Note 10+| 3x-Zoom
Huawei Mate 30 Pro | 3x-Zoom
Huawei Mate 30 Pro | 3x-Zoom
Google Pixel 4| 3x-Zoom
Google Pixel 4| 3x-Zoom
OnePlus 7T Pro | 3x-Zoom
OnePlus 7T Pro | 3x-Zoom
Xiaomi Mi Note 10 | 5x-Zoom
Samsung Galaxy Note 10+| 5x-Zoom
Huawei Mate 30 Pro | 5x-Zoom
Google Pixel 4| 5x-Zoom
OnePlus 7T Pro | 5x-Zoom
Xiaomi Mi Note 10 | 5x-Zoom
Samsung Galaxy Note 10+| 5x-Zoom
Huawei Mate 30 Pro | 5x-Zoom
Google Pixel 4| 5x-Zoom
OnePlus 7T Pro | 5x-Zoom
Xiaomi Mi Note 10 | 5x-Zoom
Samsung Galaxy Note 10+| 5x-Zoom
Huawei Mate 30 Pro | 5x-Zoom
Google Pixel 4| 5x-Zoom
OnePlus 7T Pro | 5x-Zoom

Poiché al Pixel 4 manca una fotocamera ultragrandangolare, non l'abbiamo incluso in questa sezione. A parte questo, il Galaxy Note 10+ ha qui un'eccellente accuratezza del colore, con la possibilità di scegliere bene anche i dettagli e la dinamica. Tuttavia, dobbiamo sottolineare che i livelli di nitidezza scendono ai margini delle immagini. Il Mi Note 10 e il Mate 30 Pro se la cavano molto meglio a questo proposito. Anche il OnePlus 7T Pro ci ha impressionato per il numero di dettagli che ha catturato, ma riproduce i colori in modo troppo caldo per i nostri gusti. Questo vale anche per il Mate 30 Pro.

Xiaomi Mi Note 10 | Scatto grandangolare
Xiaomi Mi Note 10 | Scatto grandangolare
Samsung Galaxy Note 10+ | Scatto grandangolare
Samsung Galaxy Note 10+ | Scatto grandangolare
Huawei Mate 30 Pro | Scatto grandangolare
Huawei Mate 30 Pro | Scatto grandangolare
OnePlus 7T Pro | Scatto grandangolare
OnePlus 7T Pro | Scatto grandangolare
Xiaomi Mi Note 10 | Scatto grandangolare
Samsung Galaxy Note 10+ | Scatto grandangolare
Huawei Mate 30 Pro | Scatto grandangolare
OnePlus 7T Pro | Scatto grandangolare

Immagini con luminosità bassa

Nel complesso, le capacità in condizioni di scarsa luminosità del Mate 30 Pro lasciano i concorrenti nella polvere. Il divario tra Huawei e gli altri OEM si è però ridotto notevolmente, perché il Mate 30 Pro ha qualche problema di messa a fuoco. Ci sono anche alcuni errori di immagine, come le strisce luminose mostrate nei primi scatti di prova qui sotto. Il Galaxy Note 10+ soffre dello stesso problema, però. In breve, gli scatti in condizioni di scarsa luminosità sembrano più oscuri e sono più sbiaditi sul Galaxy Note 10+ rispetto a quelli realizzati con il Mate 30 Pro. Il primo fa un lavoro migliore nell'abbinamento dei colori, secondo noi.

Il nuovo sensore di immagine Samsung del Mi Note 10 raggiunge i suoi limiti in condizioni di scarsa illuminazione, nonostante l'uso del binning dei pixel. Anche la sua nitidezza d'immagine non è convincente, nonostante la nostra scena stradale sia abbastanza ben illuminata.

Il Mate 30 Pro rimane il primo della classe anche quando prendiamo in considerazione la modalità notturna. Se non si ha familiarità con la modalità notturna, allora ci vogliono diversi scatti e li combina per formare la migliore immagine possibile. Il Mate 30 Pro eccelle per la precisione dei suoi livelli di esposizione. Tuttavia, il Pixel 4 utilizza qui la sua modalità Night Sight di grande effetto, con la possibilità di scegliere più dettagli e di esporre meglio una scena rispetto alla modalità automatica.

Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Samsung Galaxy Note 10+ | Modalità Automatica
Samsung Galaxy Note 10+ | Modalità Automatica
Huawei Mate 30 Pro | Modalità Automatica
Huawei Mate 30 Pro | Modalità Automatica
Google Pixel 4 | Modalità Automatica
Google Pixel 4 | Modalità Automatica
OnePlus 7T Pro | Modalità Automatica
OnePlus 7T Pro | Modalità Automatica
Xiaomi Mi Note 10 | Scatto notturno
Samsung Galaxy Note 10+ | Scatto notturno
Huawei Mate 30 Pro | Scatto notturno
Google Pixel 4 | Scatto notturno
OnePlus 7T Pro | Scatto notturno
Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Samsung Galaxy Note 10+ | Modalità Automatica
Huawei Mate 30 Pro | Modalità Automatica
Google Pixel 4 | Modalità Automatica
OnePlus 7T Pro | Modalità Automatica
Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Samsung Galaxy Note 10+ | Modalità Automatica
Google Pixel 4| Modalità Automatica
OnePlus 7T Pro | Modalità Automatica
Xiaomi Mi Note 10 | Modalità Automatica
Samsung Galaxy Note 10+| Modalità Automatica
Huawei Mate 30 Pro | Modalità Automatica
Google Pixel 4| Modalità Automatica
OnePlus 7T Pro | Modalità Automatica

Gli scatti con lo zoom in condizioni di scarsa illuminazione mostrano le differenze più evidenti tra i nostri dispositivi di confronto. Il Mi Note 10 e il Mate 30 Pro sono ad un livello diverso grazie ai loro sensori di zoom ottico 5x. Il Mi Note 10 si distingue però anche dal Mate 30 Pro, in quanto è in grado di catturare le scene in modo più nitido rispetto all'ultima ammiraglia di Huawei. Il Pixel 4, d'altra parte, non è in grado di catturare altrettanti dettagli come gli altri due, mentre c'è un notevole rumore d'immagine per i nostri scatti di prova. Anche il Galaxy Note 10+ fa fatica, con i nostri scatti di prova dominati dalla sfocatura. La sfocatura è così forte che è difficile distinguere gli oggetti l'uno dall'altro. Le aree scure sono particolarmente rumorose, mentre le strutture delle superfici sono appena visibili.

Il Mate 30 Pro ha qui gli scatti ultra-grandangolari meno rumorosi, con il suo sensore corrispondente che cattura una quantità di luce relativamente elevata, pur mantenendo abbastanza bene i dettagli dell'immagine. Il dispositivo ha anche una discreta gestione del colore. Al contrario, il Mi Note 10 fa fatica a scegliere tanti dettagli quanti ne può avere il Mate 30 Pro, con un rumore d'immagine anche molto più pronunciato. Allo stesso modo, il Mi Note 10 potrebbe fare un lavoro migliore nell'esporre le scene in condizioni di scarsa illuminazione. Il Galaxy Note 10+ fa un lavoro molto migliore a questo proposito, ma non può competere con la qualità dell'immagine che offre il Mate 30 Pro.

Xiaomi Mi Note 10 | 5x-Zoom
Xiaomi Mi Note 10 | 5x-Zoom
Samsung Galaxy Note 10+| 5x-Zoom
Samsung Galaxy Note 10+| 5x-Zoom
Huawei Mate 30 Pro | 5x-Zoom
Huawei Mate 30 Pro | 5x-Zoom
Google Pixel 4| 5x-Zoom
Google Pixel 4| 5x-Zoom
OnePlus 7T Pro | 5x-Zoom
OnePlus 7T Pro | 5x-Zoom
Xiaomi Mi Note 10 | 3x-Zoom
Samsung Galaxy Note 10+| 3x-Zoom
Huawei Mate 30 Pro | 3x-Zoom
Google Pixel 4| 3x-Zoom
OnePlus 7T Pro | 3x-Zoom
Xiaomi Mi Note 10 | 5x-Zoom
Samsung Galaxy Note 10+| 5x-Zoom
Huawei Mate 30 Pro | 5x-Zoom
Google Pixel 4| 5x-Zoom
OnePlus 7T Pro | 5x-Zoom
Xiaomi Mi Note 10 | 3x-Zoom
Samsung Galaxy Note 10+| 3x-Zoom
Huawei Mate 30 Pro | 3x-Zoom
Google Pixel 4| 3x-Zoom
OnePlus 7T Pro | 3x-Zoom
Xiaomi Mi Note 10 | Grandangolo
Samsung Galaxy Note 10+ | Grandangolo
Huawei Mate 30 Pro | Grandangolo
OnePlus 7T Pro | Grandangolo

Risultati fotocamera frontale

Anche in presenza di molta luce, livelli di nitidezza, gamma dinamica e precisione del colore variano notevolmente tra i nostri dispositivi di confronto. Il Galaxy Note 10+, per esempio, cattura gli oggetti in modo relativamente morbido, ma i livelli di esposizione e i dettagli che sceglie sono più convincenti. Lo stesso vale per il Pixel 4, anche se fornisce migliori contrasti e colori più naturali rispetto al Galaxy Note 10+. Il OnePlus 7T Pro corrisponde, a nostro avviso, al  sotto questo aspetto. Le differenze qualitative tra il Mate 30 Pro e Mi Note 10 sono però molto più evidenti. I nostri scatti di prova sembrano più sovraesposti e hanno meno contrasto rispetto ai nostri dispositivi di confronto, mentre i due dispositivi catturano anche meno dettagli.

Queste differenze diventano ancora più chiare in condizioni di luce difficili, come dimostra la seconda serie di immagini qui sotto. Le sfocature visibili e gli artefatti sono addirittura evidenti nelle foto scattate con il Pixel 4, ma il software di Google ottiene ancora le migliori dinamiche e i migliori contrasti in situazioni di scarsa illuminazione rispetto ai nostri altri dispositivi di confronto. In confronto, quelle scattate con il Mi Note 10 sembrano particolarmente sovraesposte.

Xiaomi Mi Note 10 | Ritratto
Xiaomi Mi Note 10 | Ritratto
Samsung Galaxy Note 10+ | Ritratto
Samsung Galaxy Note 10+ | Ritratto
Huawei Mate 30 Pro | Ritratto
Huawei Mate 30 Pro | Ritratto
Google Pixel 4 | Ritratto
Google Pixel 4 | Ritratto
OnePlus 7T Pro | Ritratto
OnePlus 7T Pro | Ritratto
Xiaomi Mi Note 10 | Ritratto
Samsung Galaxy Note 10+ | Ritratto
Huawei Mate 30 Pro | Ritratto
Google Pixel 4 | Ritratto
Google Pixel 4 | Ritratto

Giudizio Complessivo - 108 MP da soli non bastano per diventare i primi della classe

Lo Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro. Dispositivi di prova forniti da Samsung Germania, Google Germania e TradingShenzhen.
Lo Xiaomi Mi Note 10 vs Google Pixel 4 vs OnePlus 7T Pro vs Samsung Galaxy Note 10+ vs Huawei Mate 30 Pro. Dispositivi di prova forniti da Samsung Germania, Google Germania e TradingShenzhen.

Ancora una volta, questo confronto delle fotocamere mostra che il punteggio complessivo di DxOMark da solo non è un risultato significativo in relazione alla qualità fotografica degli smartphones. In breve, il punteggio complessivo va a vantaggio dei produttori di smartphone e delle loro campagne di marketing più di quanto non rifletta la qualità della fotocamera nell'uso quotidiano. Il Mi Note 10 ne è un esempio. Fino a poco tempo fa, il dispositivo era in cima alla classifica generale di DxOMark grazie alla sua fotocamera principale HMX Samsung HMX da 108 MP. Tuttavia, il Pixel 4, che DxOMark ha ottenuto un punteggio complessivo nettamente inferiore, in alcune aree supera nettamente il Mi Note 10. Allo stesso modo, il Pixel 4 ci ha convinto maggiormente nei test con la fotocamera frontale, sempre contrariamente al punteggio di DxOMark.
Il Pixel 4 può anche ottenere il massimo dalla sua fotocamera principale da 12 MP, soprattutto alla luce del giorno. Al contrario, Mi Note 10 non riesce a bilanciare in modo ottimale la nitidezza e i livelli di esposizione con il suo sensore da 108 MP. Dal nostro punto di vista, anche il Galaxy Note 10+ offre una migliore gamma dinamica e cattura più dettagli rispetto al Mi Note 10. Il Galaxy Note 10+ riproduce anche contrasti più belli di quelli del Mi Note 10, anche se la gestione del colore di Samsung tende ad essere un po' troppo calda per i nostri gusti. Anche il Mate 30 Pro fa fatica in alcune aree, soprattutto per quanto riguarda la precisione dei colori. Questo vale anche per il P30 Pro, quindi evidentemente Huawei non può convertire il suo impressionante hardware in foto altrettanto impressionanti alla luce del giorno. In breve, secondo noi Huawei deve ottimizzare la sua app per le fotocamere, perché il P30 Pro e il Mate 30 Pro hanno entrambi fotocamere di prima classe su carta.

    Nel complesso, l'attuale software Xiaomi limita il sensore HMX da 108 MP Samsung dal guidare il settore delle fotocamere per smartphones.

Huawei, però, recupera terreno nelle riprese in condizioni di scarsa illuminazione. Le sue ottiche ultra-grandangolari sono una classe superiore ai nostri dispositivi di confronto, ad esempio, anche se la concorrenza ora conserva più dettagli e fa un lavoro migliore nell'esporre le scene rispetto al passato. Abbiamo anche preferito la qualità fotografica del teleobiettivo ottico 5x del Mi Note 10 a quella dell'attuale ammiraglia Huawei.

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > Recensioni e prove > Recensioni e prove > Confronto fotocamere Smartphone High-End: DxOMark non solo su smartphones per tutti i giorni
Marcus Herbrich, 2019-12-27 (Update: 2019-12-29)
Alex Alderson
Editor of the original article: Alex Alderson - News Editor - @aldersonaj