Notebookcheck

Sunny Cove o Willow Cove all'interno di Rocket Lake?

Quale architettura troveremo con Tiger Lake e Rocket Lake? (Image Source: Wccftech)
Quale architettura troveremo con Tiger Lake e Rocket Lake? (Image Source: Wccftech)
Nuovi rumor appiono in rete riguardanti i futuri processori Intel Rocket Lake e Tiger Lake, attesi entro la fine dell'anno. Sebbene al momento non sia chiaro quale core muoverà le soluzioni Rocket Lake, si vocifera l'arrivo di tali processori anche in ambito mobile.

Qualche giorno fa abbiamo riportato le prime indiscrezioni riguardanti Rocket Lake, una famiglia di processori desktop che dovrebbe giungere sul mercato in seguito alla decima generazione denominata Comet Lake, attesa forse per fine aprile con un paper launch. In base alle informazioni raccole sino ad ora, i processori Rocket Lake utilizzeranno l'ormai famoso processo produttivo a 14 nanometri, basato su una nuova architettura sia per quanto riguarda ai core x86 sia per la grafica integrata. Sappiamo che Intel adotterà la nuova grafica Xe, anche conosciuta come Gen12, la stessa che troveremo all'interno delle future GPU discrete mentre non ci sono chiare informazioni per l'architettura x86.

Secondo quanto riportato da Wccftech, Intel potrebbe affidarsi a Sunny Cove ovvero l'architettura utilizzata all'interno dei processori mobile Ice Lake. Tale teoria sarebbe anche supportata dalla presenza di una configurazione di cache compatibile con i valori dell'architettura degli attuali processori Ice Lake mobile. Al momento si tratta esclusivamente di supposizioni perchè Rocket Lake potrebbe utilizzare un design ibrido e pertanto adottare core Willow Core, come precedentemente ipotizzato.

In base alle ultime notizie, le proposte Rocket Lake dovrebbero arrivare anche in ambito mobile affiancando le soluzioni a 10 nanometri Tiger Lake. Troveremo infatti soluzioni a basso consumo (Rocket Lake-U) caratterizzati da un TDP di 15 watt, fino a 6 core e 12 thread e grafica Xe nella versione GT1. Saranno inoltre presenti modelli più performanti (Rocket Lake-H) con TDP maggiore, fino a 8 core e 16 thread e grafica Xe sempre nella versione GT1.

Le soluzioni Tiger Lake mobile attese per fine anno si suddivideranno in tre categorie: Tiger Lake-Y, Tiger Lake-U e Tiger Lake-H. La prima variante, la meno prestazionale, sarà caratterizzata da un TDP compreso tra 4,5 e 9 Watt, sino a 4 core 8 thread e GPU Xe "Gen12" in versione GT2. La gamma Tiger Lake-U sarà equipaggiata con lo stesso numero di core e thread spinti però ad una frequenza maggiore, un TDP compreso tra 15 e 28 Watt e la medesima grafica integrata. La vera novità potrebbero essere i processori della famiglia Tiger-Lake H, si tratterebbe di CPU sino a 8 core e 16 thread, per un totale di 34 MB di cache suddivisi tra 24 MB di cache L3 e 10 MB di cache L2. Il TDP potrebbe raggiungere i 45 Watt. 

Al momento non ci sono ulteriori informazioni in merito e non ci rimane che attendere. Per la fine di aprile è atteso il lancio dei processori Comet Lake-S abbinati alle schede madri di nuova generazione LGA1200. Vedremo se il lancio verrà posticipato a causa delle ripercussioni legate all'epidemia del Coronavirus.

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 03 > Sunny Cove o Willow Cove all'interno di Rocket Lake?
Luca Rocchi, 2020-03-30 (Update: 2020-03-30)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.