Notebookcheck

Motorola Razr: primi test di JerryRigEverything

Nelle scorse ore, Zack Nelson noto come JerryRigEverything on YouTube ha torturato il nuovo dispositivo pieghevole di Motorola. Il video, con una durata di oltre 10 minuti, raccoglie tutte le più classiche torture eseguite dallo youtuber tuttavia il grado di resistenza del Razr potrebbe essere riassiunta in due sole parole: estremamente fagile.
Luca Rocchi,

Non è una novità: gli smartphone pieghevoli sono ancora molto lontani dall'essere resistenti come quelli "a saponetta" tradizionali. Nei foldable ci sono limiti evidenti come il display flessibile o lo stesso meccanismo di chiusura. A tal proposito sembra che Samsung sia riuscita a migliorare la resistenza del display adottando un vetro ultra sottile denominato "Samsung Ultra Thin Glass" in grado di assicurare maggiore protezione. Naturalmente, per testare la resistenza, sarà necessario attendere l'arrivo sul mercato.

JerryRigEverything mostra nel video come della semplice sabbia possa compromettere il sistema di cerniere presenti all'interno del nuovissimo Motorola Razr. Nonostante il terminale riesca, con qualche difficoltà, a superare alcuni test purtroppo non è in grado di completare la suite di torture proposte dallo youtuber. 

Al momento i foldable sembrano smartphone da trattare con estrema cura. Vedremo nel corso delle prossime generazioni che tipo di risultati verranno ottenuti dai produttori. 

Source(s)

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 02 > Motorola Razr: primi test di JerryRigEverything
Luca Rocchi, 2020-02-10 (Update: 2020-02-10)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.