Notebookcheck

Il CES 2021 di Las Vegas sarà esclusivamente online: il COVID-19 fa ancora paura

Nella giornata di ieri, la Consumer Technology Association (CTA) ha annunciato che l'edizione del prossimo anno sarà un'esperienza completamente digitale. Sebbene il CES continuerà ad essere una piattaforma per presentare prodotti ed entrare in contatto con i brand, il prossimo gennaio sarà disponibile esclusivamente online a causa del rischio di contagio di Coronavirus.
Luca Rocchi,

In una nota diramata via email e pubblicata sul sito ufficiale, Consumer Technology Association precisa che a causa delle crescenti preoccupazioni per la salute globable sulla diffusione di COVID-19, non è possibile garantire un elevato standard di sicurezza per le decine di migliaia di partecipanti attesi per l'evento. Di conseguenza CES 2021 di gennaio sarà esclusivamente in versione digitale e disponibile in streaming.

Negli ultimi mesi la tecnologia ha consentito di tamponare le limitazioni dettate dal rischio di contagio di Coronavirus, consentendo di realizzare vere e proprie conferenze live streaming su larga scala. Ricordiamo che nel corso del 2020 sono state cancellate la maggior parte di fiere e manifestazioni e, solo grazie alla tecnologia, abbiamo avuto la possibilità di assistere a keynote digitali.

Gli organizzatori hanno infine precisato le intenzioni di tornare ad uno show fisico nel corso del 2022 quando COVID-19 sarà probabilmente solo un brutto e lontano ricordo. Considerati i recenti numeri di contagio di Coronavirus registrati negli Stati Uniti, crediamo che il CES sarà purtroppo solo uno dei numerosi eventi che durante il prossimo anno visiteremo da remoto.

Source(s)

CES 

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 07 > Il CES 2021 di Las Vegas sarà esclusivamente online: il COVID-19 fa ancora paura
Luca Rocchi, 2020-07-29 (Update: 2020-07-29)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.