Notebookcheck

Hands-on dell'alimentatore USB-C Chargeasap Omega da 100 e 200W

I caricabatterie Omega da 100W (sinistra) e 200W (destra).
I caricabatterie Omega da 100W (sinistra) e 200W (destra).
Chargeasap ha fatto notizia quando ha lanciato il "più piccolo caricatore al mondo" da 100 e 200W al gallio-nitruro (GaN) attraverso una campagna Indiegogo. Il marchio sosteneva che questa serie Omega può caricare un MacBook Pro con alimentatore delle dimensioni di un mazzo di carte. Questi prodotti possono essere all'altezza dei loro USP superpotenti?
Deirdre O'Donnell (traduzione a cura di G. De Luca),

Chargeasap è una start-up che ha basato il suo recente successo su campagne di crowdfunded per accessori di potenza con specifiche all'avanguardia. L'ultimo esempio è il caricatore Omega GaN, che è disponibile in versioni da 100 e 200 watt (W). Entrambe dispongono di due porte USB di tipo C, con un'impressionante velocità di 100W USB-PD. Tuttavia, solo la variante più grande può caricare due dispositivi da 100W contemporaneamente.

Tuttavia, la versione più piccola può essere interessante per alcuni a causa delle sue dimensioni. La sua impronta è raffigurata come se si adattasse ad una carta di credito, anche se si dice che faccia lo stesso lavoro dell'alimentatore normale di, diciamo, un Razer Blade Stealth. Sembra che sarò in grado di testarlo con queste unità di recensione di sicuro.

Prime Impressioni

Certo, non c'è molto da valutare inizialmente, dato che mi sembra di essere stato equipaggiato con un prototipo che arrivato senza un imballaggio formale, per non parlare degli adattatori multi-regione menzionati nella sua campagna Indiegogo - o qualcosa come i marchi CE/RoHS. Posso solo sperare che la vendita al dettaglio/post-campagna vada meglio per i suoi acquirenti e sostenitori.

L'Omega da 100W è davvero all'altezza delle sue dimensioni. Nella mia esperienza, supera facilmente il suo più vicino concorrente - il RAVPOWER PD Pioneer 90W.

Alimentatori Chargeasap rispetto ad un concorrente da 90W.
Alimentatori Chargeasap rispetto ad un concorrente da 90W.

L'Omega da 200W è molto più grande, anche se è l'unico ad essere dotato di un nuovo tipo di plug-end "dual direction" come caratteristica speciale. Ciò significa che i suoi spinotti, in stile americano, possono dispiegarsi a 180 gradi anziché a 90 come al solito.

Si tratta di un design innovativo (ed esclusivo: Chargeasap afferma di essere in attesa di brevetto); tuttavia, non ne ho visto il beneficio, soprattutto per la necessità di utilizzare adattatori US to UK/ROI con entrambe le versioni in ogni caso.

Ricarica da 100W

Come ho detto, un Razer di 10° generazione Core i7-powered, con un fabbisogno di potenza fino a 100W e tutto, è al centro della valutazione degli Omega. Il collegamento della variante più piccola ha effettivamente portato ad una ricarica estremamente veloce: Ha fornito fino a circa 60W sul mio multimetro USB, toccando anche occasionalmente i 70W. Questo è stato abbastanza piacevole a prima vista, soprattutto perché il suo alimentatore di solito fornisce letture di circa 55W.

L'Omega da 100W potrebbe caricare un PC...
L'Omega da 100W potrebbe caricare un PC...
...fino a un massimo di ~70W.
...fino a un massimo di ~70W.

Questo valore insolitamente alto è sceso a 52-53W poco dopo e gradualmente è precipitato a circa 35W quando la batteria ha raggiunto il 90%. Questo potrebbe essere dovuto a efficaci circuiti di regolazione all'interno dell'alimentatore.

Ha anche iniziato ad emettere un forte odore al suo primo attacco di carica sostenuta - per non parlare del calore: Il test di temperatura dopo circa 1 ora di utilizzo ha rivelato che ha superato facilmente la soglia dei 40 °C, con punti caldi che hanno raggiunto circa 60 °C. Questo comportamento è stato il risultato di un leggero gaming (Alto’s Odyssey) durante questa sessione di ricarica.

Gli Omega hanno completato la ricarica sul Blade Stealth a circa 1,5 ore e mezza.
Gli Omega hanno completato la ricarica sul Blade Stealth a circa 1,5 ore e mezza.
 

In caso di uso ripetuto durante attività come il consumo di contenuti o la digitazione, l'odore (per fortuna) è svanito, anche se ha continuato a raggiungere quelle alte temperature. Tuttavia, si è anche raffreddato molto rapidamente dopo la carica.

L'alimentatore Chargeasap più piccolo è valutato "solo" 100W, e si è mostrato quando un Samsung Galaxy Note 10+ è collegato alla seconda porta di tipo C accanto all'ultrabook Razer. La velocità di ricarica del PC è scesa a circa 43W, mentre il telefono si è caricato a circa 24W. Il Note è rimasto a quel valore anche se era l'unico dispositivo che utilizzava l'Omega da 100W, il che è stato un po' deludente.

L'alimentatore da 200W era ugualmente in grado di produrre questi elevati valori con il Blade Stealth. Anche la sua temperatura è salita sopra i 40 °C dopo un'ora di carica, anche se nessuna parte di essa ha superato i 55 °C.

La sua capacità di sostenere questo valore con il laptop Razer è rimasto costante anche quando il Galaxy Note 10+ (che, ancora una volta, è stato caricato a un valore standard) è stato collegato alla seconda porta di tipo C può indicare che può effettivamente sostenere le sue richieste di 200W.

L'alimentatore da 200W ha anche un LED indicatore, mentre la variante da 100W no.
L'alimentatore da 200W ha anche un LED indicatore, mentre la variante da 100W no.

Conclusioni

Sulla base di questi test, non posso raccomandare il Chargeasap 100W Omega per l'uso durante attività intensive come il gaming. I risultati della termocamera FLIR di quella parte dei test sono stati a mio avviso particolarmente allarmanti (così come l'odore, anche se questo potrebbe essere dovuto al fatto che si trattava di un prototipo), soprattutto se si considera il "GaN di alta qualità", la "membrana di grafene" e il "nano dissipatore di calore" che il suo OEM ha definito come alcuni dei suoi migliori attributi.

Pertanto, a meno che questi problemi non vengano risolti in unità "al dettaglio", non è qualcosa da usare quotidianamente - o in una situazione in cui potrebbe essere l'unico alimenatore che si ha. (A proposito, se questo è il caso, non rimetterlo in borsa subito dopo l'uso).

D'altra parte, mi sento meglio all'idea di utilizzare regolarmente la versione 200W. È incredibilmente potente per qualcosa delle sue dimensioni e, con le sue quattro porte, è anche più conveniente. È un peccato, quindi, che questa versione perda i vantaggi di portabilità del suo fratello da 100W.

I consumatori che potrebbero essere in grado di convivere con questi problemi possono comunque scegliere il Chargeasap 100W e 200W Omega al prezzo di 60 dollari e 90 dollari, rispettivamente, sulla pagina Indiegogo (corretto al momento della scrittura).

Disclaimer: L'autore di questa recensione ha ricevuto gratuitamente questi articoli dall'OEM a scopo di test.

Fonte(i)

Proprietà

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > Recensioni e prove > Recensioni e prove > Hands-on dell'alimentatore USB-C Chargeasap Omega da 100 e 200W
Deirdre O'Donnell, 2020-11-17 (Update: 2020-11-17)
Deirdre O'Donnell
Editor of the original article: Deirdre O'Donnell - Editor