Notebookcheck

DJI Mavic Air 2 ufficiale: maggiore autonomia, registrazioni [email protected] e OcuSync di seconda generazione. A partire da 849 Euro

Teaser
DJI aggiorna il suo drone compatto Mavic Air a distanza di oltre due anni dall'arrivo del primo modello. La versione presentata oggi, con il nome di Mavic Air 2, migliora sotto diversi aspetti come l'autonomia e il radiocomando. Cresce leggermente di dimensioni e rientra di diritto nella categoria di volo A1-C1, come il suo predecessore.
Luca Rocchi,

Con Mavic Air 2, l'azienda introduce una parziale evoluzione del suo drone posizionandolo tra l'ultraleggero Mavic Mini e il semi-professionale Mavic 2, suggerendo pertanto un probabile rinnovo del modello più costoso. DJI ha migliorato il drone sotto numerosi aspetti sia di carattere estetico sia sotto il profilo funzionale. Mavic Air 2 presenta un design molto vicino all'attuale dispositivo di fascia alta Mavic 2, con un colore predominante scuro e materiali più robusti rispetto alla precedente generazione. Inoltre sono stati apportati alcuni accorgimenti al sistema di propulsione introducendo delle pale più silenziose capci di generare un rumore meno assordante.

Mavic Air 2, sfuttando la fotocamera da 48 Megapixel stabilizzata a tre assi, è in grado di generare scatti da 12 Megapixel accorpando 4 pixel in uno tramite le tecnologia QuadBayer, adottata da numerosi smartphone di fascia alta. La fotocamera consente di registrare anche raffiche a 12 MP da 3/5/7 pose al secondo, time lapse, panorama a 180° e foto sferiche in formato JPG e RAW. I video possono essere catturati ad una risoluzione massima di 4K a 60 fps o FullHD sino a 240 fps, solo in modalità hyperlapse è possibile spingersi sino alla risoluzione di 8K. 

A livello di sensori il drone utilizza tre coppie di dispositivi di rilevazione posizionati rispettivamente sulla zona anteriore, posteriore e inferiore. In quest'ultima zona troviamo anche sensori ToF necessari per un riconoscimento in 3D del terreno sottostante. Assenti, quasi ingiustificati, i sensori laterali utili per evitare ostacoli anche durante manovre in volo. La più grande novità è Airsense Tecnology, uno strumento di comunicazione che consente di avvisare della nostra presenza in volo anche aeroplani ed elicotteri, evitando pertanto spiacevoli collissioni. Nuovo anche il telecomando che ora presenta un design completamente rivisto e del tutto inedito per la serie Mavic. Il radiocomando ora integra il sistema di comunicazione OcuSync 2.0, più preciso ed affidabile rispetto alla connessione WiFi adottata sul precedente modello. 

Mavic Air 2 sarà disponibile in Italia verso la prima metà maggio allo stesso prezzo del precedente modello: 849 Euro per la variante standard (drone, una batteria, radiocomando e cavi) e 1049 Euro per la versione Fly More Combo (pacchetto standard + borsa da spalla, filtri ND, stazione di ricarica e tre batterie).

Source(s)

DJI Press

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 04 > DJI Mavic Air 2 ufficiale: maggiore autonomia, registrazioni [email protected] e OcuSync di seconda generazione. A partire da 849 Euro
Luca Rocchi, 2020-04-28 (Update: 2020-04-28)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.