Notebookcheck

Fractal Design svela la nuova gamma di dissipatori a liquido Celsius+

Fractal Design ha annunciato l'arrivo di una nuova gamma di dissipatori all-in-one suddivisa in due linee con sei modelli in totale. Le differenze principali tra le due serie riguardano la tipologia di ventole e di illuminazione adottate.
Luca Rocchi,

Nelle scorse ore l'azienda ha presentato le serie Celsius+ Prisma e Celsius+ Dynamic, due serie di dissipatori all-in-one compatibili con i più recenti socket di casa Intel (1150, 1151, 1155, 1156, 1366, 2011, 2011-3, 2066) e AMD (AM2, AM2+, AM3, AM3+, AM4, FM1, FM2, FM2+, TR4). Disponibili con tre differenti radiatori (240, 280 e 360 millimetri), le due serie si contraddistinguono per la tipologia di ventole adottate.

Mentre la serie Celsius+ Prisma adotta ventole Prisma ARGB, la Celsius+ Dynamic è invece sprovvista di alcun sistema di illuminazione a LED. Tutte le ventole da 120 millimetri operano con un regime di rotazione compreso tra 500 e 2000 giri al minuto, mentre quelle da 140 millimetri sono limitate ad una massima velocità di 1700 RPM. Su entrambi i dissipatori Fractal ha installato una pompa dotata di una copertura con LED ARGB personalizzabile con il software incluso nella dotazione.

Sempre sul tema della illuminazione, Fractal Design assicura piena compatibilità con i software ASUS Aura, Gigabyte Fusion, MSI Mystic Light, Razer Chroma e ASRock Polychrome. Coperti con una garanzia di cinque anni, i prezzi per i listini statunitensi indicano da 129 a 169 Dollari per i modelli Dynamic e da 149 a 199 Dollari per i Prisma. Nessuna informazione riguardante la disponibilità in Italia.

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 04 > Fractal Design svela la nuova gamma di dissipatori a liquido Celsius+
Luca Rocchi, 2020-04-10 (Update: 2020-04-10)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor - 2014 articles published on Notebookcheck since 2020
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.