Notebookcheck

Buffalo presenta SSD-PSMU3: un SSD esterno portatile

Teaser
Buffalo ha svelato una nuova linea di SSD esterni miniaturizzati, i più piccoli mai prodotti dall'azienda. Progettato per resistere ai danni causati da cadute accidentali, l'SSD-PSMU3 assomiglia più ad una chiavetta USB di grandi dimensioni piuttosto che un SSD esterno.
Luca Rocchi,

Con un ingombro di 33 × 9 × 59 mm e un peso di appena 15 grammi, l'unità SSD-PSMU3 entra di diritto tra i dispositivi più piccoli fino ad ora visti sul mercato. Il disco è conforme alla certificazione militare MIL-STD-810G 516.6, che garantisce che i dati memorizzati nel dispositivo siano protetti dai danni causati da cadute e vibrazioni in movimento. I test di caduta sono stati effettuati da circa 122 centrimentri di altezza da diverse angolazioni, così da offrire uno scenario il più vicino possibile alla realtà. 

SSD-PSMU3 è disponibile in quattro varianti: 120 GB, 240 GB, 480 GB e 960 GB. La connettività è garantita da una connessione di tipo USB 3.2 Gen1 Micro-B con interfaccia USB-A, ma nella confezione viene anche incluso un adattore per i dispositivi dotati di porta USB-C. Secondo Anandtech, il dispositivo dovrebbe raggiungere circa 400 MB/s in lettura e scrittura sequenziale.

A completare l'offerta è doveroso segnalare la presenza del sistema di sicurezza Buffalo SecureLock Mobile2, in grado di codificare i dati utilizzando una chiave criptografica AES-256. SSD-PSMU3 è attualmente disponibile in Giappone (in tre colorazioni) e dovrebbe arrivare a breve anche nel mercato europeo.

Source(s)

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 03 > Buffalo presenta SSD-PSMU3: un SSD esterno portatile
Luca Rocchi, 2020-03-10 (Update: 2020-03-10)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor - 2014 articles published on Notebookcheck since 2020
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.