Notebookcheck Logo

Recensione del Samsung Odyssey Neo G7: un monitor gaming a tutto tondo

Curvatura al massimo per una maggiore immersione. Tanta diagonale, tanti hertz, tanta risoluzione e soprattutto tanto contrasto. Il figlio da 32 pollici della divisione Odyssey Gaming Display di Samsung offre molto... almeno sulla carta.

Solo pochi anni fa, i monitor 4K con elevate frequenze di aggiornamento erano difficili da giustificare o persino da consigliare, sia dal punto di vista economico che tecnico. Tuttavia, con il lancio dell'attuale generazione di GPU, sia di Nvidia che di AMD, l'alta risoluzione e l'alta frequenza di aggiornamento si sono avvicinate notevolmente o addirittura vanno di pari passo nei modelli di punta. Pertanto, monitor come l'Odyssey Neo G7, con oltre 4 milioni di pixel e una frequenza di aggiornamento fino a 165 Hz, hanno perfettamente senso. Samsung non solo racchiude in questo display di fascia alta una serie di utili funzioni, ma si suppone che il pannello VA sia particolarmente luminoso e offra livelli di nero profondi grazie alla retroilluminazione mini-LED. La curvatura molto aggressiva di 1000R dovrebbe garantire un'immersione assoluta nei videogiochi attuali.

Abbiamo utilizzato il monitor per i giochi e per l'editing di foto e video e abbiamo descritto le nostre esperienze e i risultati in una recensione.

Potenziali concorrenti a confronto

Punteggio
Data
Modello
Peso
Altezza
Dimensione
Risoluzione
Miglior Prezzo
08/2023
Samsung Odyssey Neo G7
,
32.00"3840x2160
04/2023
Philips Evnia 34M2C8600
,
34.00"3440x1440
02/2023
KTC KTC G42P5 OLED
,
42.00"3840x2160
07/2023
Philips 45B1U6900C
,
x
12/2022
MSI Optix MAG274QRX
R9 5950X, NVIDIA GeForce RTX 4090
6.4 kg369.3 mm27.00"2560x1400

Il Neo G7 in dettaglio


Caratteristiche Samsung Odyssey Gaming Monitor Neo G7
Dimensioni 32 pollici
Pannello VA MiniLED 1000R curvo
Risoluzione 3.840 × 2.160P @165Hz
Luminosità 350 nits; HDR 800 nits
Rivestimento Opaco
Contrasto 1.000.000:1
Profondità colore 10 bit
Spazio colore 133% sRGB, 99% DCI-P3, 99% AdobeRGB
Tempo di risposta 1 ms (GTG)
Adaptive Sync compatibile con AMD FreeSync Premium Pro e G-Sync
Connessioni 2x HDMI 2.1, DP 1.4, uscita cuffie, USB-A 3.0 (up stream), 2x USB-A 3.0 (down stream)
HDR HDR 10
VESA 100 x 100 mm
Peso 8,6 kg
Accessori Cavo di alimentazione, cavo Displayport
Prezzo 1.060 euro (RRP: 1.389 euro)
Pagina del produttore Samsung

Custodia - Sottile, nonostante l'RGB

A prima vista, l'Odyssey G7 Neo si presenta in un semplice case nero opaco e solo a un'analisi più attenta si riconosce chiaramente il target dei progettisti: le due luci RGB posizionate sul bordo inferiore dello schermo e l'anello di plastica colorata sul retro dell'alloggiamento attirano l'attenzione.

Sebbene un display di queste dimensioni e soprattutto con una curvatura così pronunciata non sembri necessariamente sottile, il G7 Neo può anche stare sulla scrivania senza sensi di colpa come giocatore occasionale. Il retro del case, che ovviamente è molto più a fuoco a causa del pannello curvo, è anch'esso in plastica nera ed è sottile con alcuni elementi di design discreti.

Il supporto per il monitor è piuttosto ampio in base alla diagonale del display, ma fa anche a meno di ulteriori accenti visivi.

Montaggio: un gioco da ragazzi

L'installazione del monitor è semplice e veloce e, oltre al display, sono inclusi anche tutti i cavi necessari. È stato pensato anche un supporto VESA nel caso in cui si voglia montare il monitor a parete o su un braccio per monitor di terze parti. Tutti i potenziali possessori del G7 Neo dovrebbero assolutamente tenere a mente questa opzione.

Il supporto per monitor in due pezzi diventa un pezzo unico con una sola vite e, sebbene il montaggio del display non avvenga completamente senza strumenti aggiuntivi, il serraggio di quattro viti è assolutamente sopportabile. Il display da gioco trova così posto sulla scrivania dell'utente in pochi minuti. Sebbene non ci sia nulla di cui lamentarsi in termini di ergonomia, con sufficiente spazio per muoversi in altezza, inclinazione e rotazione, è la stabilità di tutto ciò che fa slittare un po' il voto B in questo caso. Il monitor si appoggia saldamente al supporto, ma purtroppo il collegamento tra il monitor e la base è apparentemente sovraccaricato dal pannello di grandi dimensioni e ogni minimo movimento sulla scrivania è accompagnato da un display "traballante".

Collegamenti - Tariffa standard

In termini di connettività, il Neo è tipico della sua categoria e offre due ingressi HDMI 2.1, un ingresso Display Port 1.4, una porta USB 3.0 upstream e due porte USB-A 3.0 per le periferiche. Il tutto è completato da una porta jack audio. Anche se non abbiamo nulla da criticare, la concorrenza offre spesso USB-C con Power Delivery per una connessione facile e veloce dei notebook. Questo aspetto manca nel modello Samsung.

L'OSD - Centro di controllo ordinato

Samsung non ha motivo di criticare l'implementazione del menu delle impostazioni. Il funzionamento tramite il pulsante di accensione, ben nascosto ma altrettanto facilmente accessibile, e i quattro tasti direzionali è rapido e tutte le opzioni possono essere trovate velocemente, mentre le informazioni più importanti, ad esempio sulla frequenza di aggiornamento e sull'Adaptive Sync, sono costantemente visualizzate sul bordo superiore del menu. Alcune opzioni, come la funzionalità del Black Equalizer o il Local Dimming (spegnimento di singoli LED di sfondo o di intere aree per una migliore riproduzione del contrasto), sono persino corredate da un breve testo esplicativo. In questo modo, anche i neofiti del monitor possono regolare in modo semplice e veloce lo schermo in base alle proprie preferenze!

Display - un sacco di ombra ...

Prima di dare un'occhiata all'Odyssey Neo G7 nell'uso quotidiano del gioco (e del creatore), abbiamo misurato i parametri del pannello VA. Mentre la luminosità media SDR di circa 335 nits è abbastanza vicina ai 350 nits dichiarati dal produttore, e anche il contrasto è impressionante grazie alla tecnologia del pannello e alla retroilluminazione mini-LED, le prestazioni HDR del monitor da gioco sono un po' inferiori alle aspettative.

Siamo stati in grado di misurare 440 nits su una superficie bianca oltre il 50% della diagonale dello schermo e ancora un solido 796 nits al 10%, mentre Samsung parla di "Quantum HDR 2000" sul suo sito web. Quindi questo sembra essere più un discorso di marketing per il Quantum Layer per una migliore riproduzione dei colori piuttosto che una specifica per la luminosità massima.
Anche se le prestazioni generali di luminosità del monitor sono ok - dopo tutto, i monitor desktop non dipendono dalla flessibilità aggiuntiva in condizioni di luce mutevoli come i notebook, per esempio - la concorrenza non dorme e pubblicizza la luminosità massima ben oltre i 1000 nits.

331.3
cd/m²
340.4
cd/m²
340.32
cd/m²
332.78
cd/m²
338.36
cd/m²
352.89
cd/m²
326.09
cd/m²
312.86
cd/m²
344.53
cd/m²
Distribuzione della luminosità
tested with X-Rite i1Pro 2
Massima: 352.89 cd/m² (Nits) Media: 335.5 cd/m² Minimum: 14.17 cd/m²
Distribuzione della luminosità: 89 %
Contrasto: ∞:1 (Nero: 0 cd/m²)
ΔE Color 3.8 | 0.5-29.43 Ø4.99, calibrated: 1.5
ΔE Greyscale 4.7 | 0.57-98 Ø5.2
Gamma: 2.43
Samsung Odyssey Neo G7
VA, 3840x2160, 32.00
Philips Evnia 34M2C8600
QD OLED, 3440x1440, 34.00
KTC KTC G42P5 OLED
3840x2160, 42.00
Philips 45B1U6900C
x,
MSI Optix MAG274QRX
IPS, 2560x1400, 27.00
Display
Display P3 Coverage
98.4
95.5
83.3
87.5
sRGB Coverage
99.9
100
100
99.9
AdobeRGB 1998 Coverage
93.9
88.8
80.9
96.3
Response Times
Response Time Grey 50% / Grey 80% *
1.4 ?(0.6, 0.8)
0.6 ?(0.3, 0.3)
13.9 ?(4.5, 9.4)
6.23 ?(2.83, 3.4)
Response Time Black / White *
1.4 ?(0.6, 0.8)
1 ?(0.4, 0.6)
6.4 ?(2.7, 3.7)
5.83 ?(2.85, 2.98)
PWM Frequency
175
60
Screen
4%
-28%
15%
-64%
Brightness middle
338.36
231
-32%
448
32%
489
45%
351
4%
Brightness
336
210
-37%
436
30%
329
-2%
Brightness Distribution
89
85
-4%
76
-15%
89
0%
Black Level *
0.1
0.001
0.16
0.33
Colorchecker dE 2000 *
3.8
2.02
47%
4.08
-7%
3.17
17%
7.28
-92%
Colorchecker dE 2000 max. *
8.1
5.12
37%
10.09
-25%
7.74
4%
16.15
-99%
Colorchecker dE 2000 calibrated *
1.5
2.02
-35%
3.3
-120%
1.11
26%
3.61
-141%
Greyscale dE 2000 *
4.7
2.11
55%
5.63
-20%
4.94
-5%
10.3
-119%
Gamma
2.43 91%
2.49 88%
2.38 92%
2.41 91%
2.15 102%
CCT
6583 99%
6229 104%
7094 92%
7020 93%
9378 69%
Contrast
2310
448000
3056
1064
Media totale (Programma / Settaggio)
4% / 4%
-28% / -28%
15% / 15%
-64% / -64%

* ... Meglio usare valori piccoli

Almeno i Quantum Dots sembrano fare il loro lavoro brillantemente, e la copertura dello spazio colore e la riproduzione dei colori fanno sembrare il Neo abbastanza adatto per applicazioni che vanno oltre la prossima sessione di gioco.
Nel suo stato di fornitura, il gamer curvo manca appena l'importantissimo DeltaE di 3 (la differenza di colore misurata qui descritta, per cui un DeltaE inferiore a 3 può essere percepito solo da utenti molto esperti), ma abbiamo potuto migliorare questo valore a un ottimo 1,5 con la nostra calibrazione manuale. Pertanto, il G7 è adatto anche per l'editing fotografico, almeno semi-professionale. Se siete più a vostro agio nel campo dei video, sarete soddisfatti anche del profilo sRGB.

L'Odyssey Neo G7 nei giochi e nella vita di tutti i giorni

Ora che abbiamo affrontato gli aspetti tecnici, rimane da chiedersi come si comporta il monitor nei giochi e in tutte le altre applicazioni classiche del monitor.
Una cosa in anticipo: Sebbene i pannelli VA godano del vantaggio di una gamma di contrasto molto più elevata rispetto ai display IPS standard, ciò va a scapito della separazione dei colori, soprattutto nelle aree scure dell'immagine. Il contenuto dello schermo semplicemente non appare così differenziato come sui pannelli IPS, o anche sulla concorrenza OLED. Tuttavia, si tratta di una percezione piuttosto soggettiva e dovrete decidere voi stessi se si tratta di uno svantaggio.

A parte questo, l'Odyssey sa come soddisfare molti generi. Gli sparatutto veloci traggono vantaggio dall'elevata frequenza di aggiornamento e dai brevi tempi di risposta (presupponendo una scheda grafica potente), e soprattutto i giochi di storia in HDR vengono visualizzati con molti dettagli grazie all'elevata risoluzione.
Tutti i giochi brillano grazie all'enorme gamma di contrasto, e anche se la luminosità massima potrebbe non essere del tutto convincente nelle aree luminose più grandi, le luci, le esplosioni e gli effetti vengono visualizzati in modo impressionante.
Come per tutti i monitor mini-LED, il blooming (un'irradiazione eccessiva delle sorgenti luminose più piccole nelle aree dell'immagine vicine) è sicuramente un problema, ma con oltre 1000 zone di oscuramento, l'effetto è solo debolmente pronunciato sul Neo G7 e non interferisce affatto con il gioco.
Anche la forte curvatura viene rapidamente dimenticata nella foga del momento, e si ha effettivamente la sensazione di essere nel gioco piuttosto che seduti di fronte ad esso!

Se si lasciano le zone di oscuramento in modalità "Auto", la retroilluminazione del desktop si comporta come una classica variante a zona singola e quindi gli aloni intorno ai menu o ai bordi a forte contrasto non sono un problema.
Possiamo raccomandare solo in modo condizionato il Neo G7 per i creatori di contenuti, nonostante la buona riproduzione dei colori. Soprattutto per le foto, il già citato problema della riproduzione del contrasto nei pannelli VA impedisce un uso professionale. Per le applicazioni critiche dal punto di vista del colore, è quindi consigliabile affidarsi a un secondo monitor con illuminazione IPS o OLED.

Verdetto - Gioco di lusso

Naturalmente, un monitor da 32 pollici con risoluzione 4K e tutte le caratteristiche e specialità che l'Odyssey Neo G7 ha da offrire non è un prodotto economico. Sebbene il prezzo di listino superi di gran lunga i 1.000 euro, il monitor Samsung è ora disponibile per molto meno nei negozi.

Come monitor mini-LED di fascia alta, non si può sbagliare con il Neo G7 per avere un'esperienza di gioco ottimale.

Per poco più di 900 euro si ottiene una tecnologia assolutamente all'avanguardia, che non ha praticamente alcun punto debole, se non le peculiarità del pannello VA e del supporto un po' traballante. Considerando che un modello di questa classe richiede anche un sistema altrettanto potente e quindi costoso, l'utente più incline sarà probabilmente più disposto a scavare un po' di più nelle sue tasche per il monitor.

Prezzo e disponibilità

Sulla homepage di Samsung, il Neo G7 è stato nel frattempo sostituito dalla generazione G8, che è abbastanza simile al nostro esemplare di prova, a parte la maggiore frequenza di aggiornamento di 240 Hz, e costa 1.160 euro. L'esemplare da noi recensito, tuttavia, è ancora disponibile e attualmente costa circa 1.075 dollari su Amazon.

Transparency

The present review sample was made available to the author as a loan by the manufacturer or a shop for the purposes of review. The lender had no influence on this review, nor did the manufacturer receive a copy of this review before publication. There was no obligation to publish this review.

Pricecompare

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > Recensioni e prove > Recensioni e prove > Recensione del Samsung Odyssey Neo G7: un monitor gaming a tutto tondo
Alexander Wätzel, 2023-08- 2 (Update: 2023-08- 2)