Notebookcheck

Primi benchmark per Kirin 820 5G: veloce come Snapdragon 855

Nei giorni scorsi sono trapelati i primi dettagli tecnici relativi al futuro processore di fascia media targato Huawei e oggi, grazie ad un nuovo leak pubblicato su Weibo, abbiamo a disposizione i primi benchmark non ufficiali.

I benchmark, realizzati Geekbench, mettono a confronto il nuovo SoC di Huawei con due importanti processori attualmente in commercio: Kirin 980 e Snapdragon 855. Secondo quanto emerso, la nuova proposta di Huawei sarebbe riuscita ad ottenere un discreto piazzamento raggiungendo rispettivamente i 3490 punti in single-core e 11200 punti in multi-core, superando le soluzioni rivali. Precisiamo che il test è stato effettuato utilizzando una versione datata di Geekbench e non comparabile con l'attuale sistema di misurazione.

Kirin 820 5G dovrebbe utilizzare un processo produttivo a 7 nanometri con due core Cortex-A76 abbinati a sei core Cortex-A55. Secondo l'azienda questa nuova architettura dovrebbe consentire oltre il 40% di prestazioni in più rispetto l'attuale generazione. 

Allo stato attuale, complice il lento decorso del Coronavirus, è difficile immaginare quando vedremo i primi smartphone basati su questo SoC. La fonte cinese suggerisce che la produzione su larga scala inizierà a partire dal secondo trimestre 2020, pertanto possiamo aspettarci un suo impiego all'interno degli smartphone Huawei e Honor previsti per dopo l'estate 2020. Tra i primi dispositivi ad utilizzare Kirin 820 5G troveremo sicuramente il prossimo Honor 30S, annunciato nei giorni scorsi.

Kirin 820 e Snapdragon 855 a confronto (Source: Weibo via ITHome)
Kirin 820 e Snapdragon 855 a confronto (Source: Weibo via ITHome)
Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 03 > Primi benchmark per Kirin 820 5G: veloce come Snapdragon 855
Luca Rocchi, 2020-03-23 (Update: 2020-03-23)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.