Notebookcheck

Consigli su come migliorare l'esperienza di utilizzo del Galaxy Z Flip? Ecco tre video da Samsung

Samsung Galaxy Z Flip è probabilmente lo smartphone pieghevole più popolare al momento, complice un prezzo di commercializzazione decisamente più inferiore rispetto al Galaxy Fold, il primo pieghevole realizzato dal colosso coreano.

Nelle scorse ore, la società ha pubblicato tre video riguardanti delle funzionalità nascoste inserite all'interno del proprio dispositivo. Tali funzioni potrebbero migliorare notevolmente l'esperienza di utilizzo e permettere di sfruttare al massimo il particolare form factor adottato dall'azienda.

Il primo video ci mostra come utilizzare al meglio la funzione "Night Hyperlapse" che generalmente richiede di un supporto fisico stabile, come un cavalleto, per catturare contenuti di buona qualità. Sebbene su molti dispositivi (tra cui S20 Ultra 5G) sia necessario un cavalletto, Galaxy Z Flip ha una sorta di supporto integrato che renderà le riprese molto più stabili. Discorso analogo per la funzione "Flex Mode" che permette di scattare selfie senza l'utilizzo di mani.

L'ultima clip riguarda il piccolo display secondario posizionato sulla parte anteriore del telefono. Non è una funzionalità inerente al fattore di forma, ma con la giusta configurazione potrebbe rivelarsi un ottimo alleato. Ad esempio con un doppio tocco potresti vedere velocemente le notifiche, controllare le canzoni su Spotify o semplicemente rifiutare una chiamata in arrivo, eliminando la necessità di aprire il telefono. 

Di seguito, oltre ai tre video rilasciati da Samsung, potete trovare anche la recensione pubblicata recentemente sulle nostre pagine.

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 03 > Consigli su come migliorare l'esperienza di utilizzo del Galaxy Z Flip? Ecco tre video da Samsung
Luca Rocchi, 2020-03-25 (Update: 2020-03-25)
Luca Rocchi
Luca Rocchi - News Editor
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.