Notebookcheck Logo

After China's crypto ban, the US has taken the lead in cryptomining as it provides 35% of the global Bitcoin hashrate

Da quando la Cina si è ufficialmente ritirata dal mercato delle criptovalute, gli Stati Uniti d'America sono diventati il leader mondiale della criptovaluta (Immagine: Bermix Studio)
Da quando la Cina si è ufficialmente ritirata dal mercato delle criptovalute, gli Stati Uniti d'America sono diventati il leader mondiale della criptovaluta (Immagine: Bermix Studio)
Dopo il brusco e severo ritiro della Cina dal mercato delle criptovalute, la più grande economia del mondo ha ora preso la prima posizione nel cryptomining, dato che fornisce circa un terzo del Bitcoin hashrate globale.
Enrico Frahn, 🇺🇸 🇩🇪 ...

È stato uno shock per molti investitori di criptovalute quando nel corso del 2021, il governo totalitario cinese ha annunciato che avrebbe regolato rigorosamente le criptovalute. Dopo il divieto iniziale di cryptomining e un ulteriore divieto di tutte le transazioni finanziarie che coinvolgono le criptovalutela Repubblica Popolare ha ufficialmente abbandonato il mercato delle criptovalute con la sola eccezione del proprio yuan digitale (e-CNY)

Secondo un rapporto di Tom's hardwaregli Stati Uniti hanno ora preso la prima posizione nel cryptomining, che prima era indiscutibilmente occupata dalla Cina, quando il paese ha fornito un sorprendente 75% del Bitcoin hashrate mondiale. Dal momento che molte crypto farm commerciali, alcune delle quali sono state pensate per utilizzare le console PlayStation 4 (da US$429 su Amazon), hanno lasciato il paese est-asiatico per il Nord America e l'Europa, gli Stati Uniti ora forniscono un terzo del Bitcoin hashrate globale, mentre il Kazakistan e la Russia contribuiscono rispettivamente al 18% e 11%

Si stima che 900 Bitcoin vengono estratti ogni giorno, il che è diventato recentemente più redditizio dopo l'aumento del prezzo del Bitcoin. Tuttavia, il cryptomining rimane molto controverso perché l'alto consumo di energia che ne deriva è spesso coperto da combustibili fossili, che sono economici ma certamente non ecologici. Tuttavia, recenti dichiarazioni della banca centrale hanno confermato che non ci sarà un divieto di cripto negli Stati Uniti.

Fonte(i)

Enrico Frahn
Editor of the original article: Enrico Frahn - Tech Writer - 932 articles published on Notebookcheck since 2021
contact me via: LinkedIn
Ninh Duy
Translator: Ninh Duy - Editorial Assistant - 233204 articles published on Notebookcheck since 2008
contact me via: Facebook
Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2021 10 > Dopo il divieto di cripto della Cina, gli Stati Uniti hanno preso il comando nel cryptomining in quanto fornisce il 35% del Bitcoin hashrate globale
Enrico Frahn, 2021-10-15 (Update: 2021-10-15)