Notebookcheck

Coronavirus: disinfettare lo smartphone serve? Parola all'esperto

Teaser
Il coronavirus (COVID-19) è senza dubbio uno degli argomenti maggiormente trattati nel corso delle ultime settimane. Nell'ultimo periodo sono state cancellate numerose fiere del settore ed altrettante sono ancora incerte. Intorno al tema aleggia ancora tanta, troppa, disinformazione è anche per i nostri dispositivi è necessario far chiarezza.
Luca Rocchi,
, , , , , ,
relazione di ricerca.
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
 

Tra le misure più seguite nell'ultimo periodo vi è quella di disinfettare in maniera quasi compulsiva qualsiasi oggetto sia entrato in contatto con le nostre mani. Precisiamo: una pulizia degli oggetti che utilizziamo tutti i giorni all'esterno sarebbe una procedura da seguire normalmente anche in assenza di virus particolarmente contagiosi come il coronavirus.

Negli ultimi giorni abbiamo assistito all'arrivo sul mercato di detergenti e disinfettanti progettati per essere utilizzati su vari oggetti tra cui i nostri smartphone. Serve davvero disinferrarli? Siamo a rischio contagio? 

Secondo l'infettivologo Massimo Andreoni – ordinario di malattie infettive dell'università di Tor Vergata (a Roma) e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e parassitarie (Simit) – disinfettare lo smartphone per contrastare la trasmissione del Coronavirus è una procedura praticamente priva di fondamento. Pulire i propri dispositivi da germi e batteria è una sana abitudine che andrebbe seguita sempre, tuttavia disinfettare uno smartphone per il Coronavirus potrebbe rivelarsi quasi inutile. Secondo l'infettivologo, un virus avrebbe bisogno di cellule viventi per replicare, assenti sulla cover o sul display di uno smartphone.

Di seguito trovate le parole pubblicate direttamente su Ansa.it:

Lo smartphone può essere un veicolo di trasmissione di germi resistenti, diversa cosa è un virus che ha bisogno di cellule viventi per replicare. Starei attento in questo momento a correlarlo al problema coronavirus – ribadisce – ha invece un senso nelle infezioni correlate all’assistenza. Così come i medici sono abituati a disinfettare il fonendoscopio e gli apparecchi per la pressione certamente se si curano pazienti con germi multi-resistenti ci sono diverse precauzioni da prendere come usare i guanti, igienizzare le mani e non usare il telefono se si sono igienizzate le mani, affinché il dispositivo possa non essere contaminato. In questo momento non tutto può essere ricondotto al coronavirus, altrimenti lo smartphone diventa come la maniglia della porta, toccandola ci si infetta.

Source(s)

, , , , , ,
relazione di ricerca.
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
 
Luca Rocchi
Luca Rocchi - Tech Writer - 2014 articles published on Notebookcheck since 2020
Cresciuto a pane e tecnologia, si avvicina fin da piccolo al mondo dei computer con un Toshiba T-1000 trovato in casa: da quel momento è amore vero per tutto ciò che contiene un microprocessore. Al termine del percorso di studio inizia la carriera da redattore per un editoriale online svizzero scrivendo articoli e recensioni riguardanti il settore dell'informatica. Successivamente inizia a lavorare per Notebookcheck dedicandosi alla creazione di contenuti. Le sue aree di interesse includono i componenti informatici, i sistemi smart, i notebook e la fotografia. Quando non è al lavoro su Notebookcheck probabilmente puoi trovarlo su qualche sentiero in montagna o a fotografare supercar.
Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2020 02 > Coronavirus: disinfettare lo smartphone serve? Parola all'esperto
Luca Rocchi, 2020-02-27 (Update: 2020-02-26)