Notebookcheck Logo

Recensione: Gli ostacoli dell'hotel e della WLAN del TV Apple con HomePod Mini in viaggio

Dramma in cinque atti. Con gli ultimi aggiornamenti, Apple ha finalmente reso sia il suo lettore multimediale Apple TV che l'HomePod Mini adatti ai viaggi. Tuttavia, Notebookcheck.com ha dovuto visitare diversi hotel prima che l'interazione tra Apple e la WLAN con Captive Portal funzionasse. Apple non è sempre stata la colpa.
Non tutti gli adattatori di alimentazione USB sono adatti all'HomePod Mini. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Non tutti gli adattatori di alimentazione USB sono adatti all'HomePod Mini. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)

Il televisore Apple e l'HomePod Mini sono praticamente facili da portare in viaggio. Il lettore multimediale è abbastanza piccolo e robusto da poter essere trasportato facilmente nel bagaglio a mano. Un sacchetto di iuta è sufficiente per proteggere la superficie morbida dell'HomePod Mini. È comunque robusta, perché l'altoparlante è rotolato via da qualche parte durante i nostri viaggi a causa della sua forma.

Ciò che mancava ai due dispositivi, tuttavia, era una sorta di supporto da viaggio per le funzioni di rete. Soprattutto chi soggiorna in hotel deve fare i conti con le difficoltà. Di solito, la WLAN è protetta dall'accesso non autorizzato con i cosiddetti portali vincolati. Si tratta di una sorta di portale preliminare in cui devono essere inseriti i dati di accesso.

Inoltre, esiste la cosiddetta separazione dei client, ovvero i dispositivi della stessa rete non possono vedersi a vicenda grazie a un'impostazione del controller WLAN. Queste impostazioni sono più adatte agli hotel rispetto all'utilizzo di password generiche o addirittura personalizzate.

Una password generica comporta il rischio di essere trasmessa a persone non autorizzate, e quest'ultima ha bisogno di personale che sappia come muoversi in caso di malfunzionamento. Questo non è scontato negli hotel. Uno sguardo alle istruzioni 802.1X di Apple per i login a raggio di Homepod e Apple TV mostra rapidamente che non si tratta di un'operazione adatta a chi non ha un background tecnico.

Chiunque abbia familiarità con le reti sa che questi portali predefiniti possono essere impostati rapidamente su molti controller WLAN e rappresentano un buon compromesso dal punto di vista amministrativo. Gli ospiti con smartphone, tablet o notebook possono di solito superare questo ostacolo.

Per gli ospiti dell'hotel che dispongono di un hardware speciale, tuttavia, non è sempre così. Infatti, per utilizzare la WLAN è necessario un browser. Apple il televisore Apple non ha nulla del genere. Gli altoparlanti non sono certo dotati di browser. Tuttavia, dalla versione TVOS 15.4 e dal software HomePod 15.4, è possibile. Il prerequisito è uno smartphone o un tablet di Apple. Come per la configurazione di base dei dispositivi, l'iPhone si occupa dell'integrazione nella WLAN dell'hotel. Si apre un browser e si inseriscono brevemente le voci. Tutto qui.

L'unica restrizione è la separazione dei client. Nella pratica, tuttavia, questo aspetto non è stato rilevante. I dispositivi funzionano comunque, idealmente.

Tuttavia, l'implementazione è stata tutt'altro che semplice. Abbiamo effettuato il test con un Apple TV 4K (A1842) con l'ultimo TVOS 15.4.1 e un HomePod Mini (anch'esso 15.4.1).

Diciamo in anticipo: È stato necessario visitare tre hotel prima che tutto funzionasse come dovrebbe per la prima volta. A volte il problema erano gli hotel, altre volte l'HomePod Mini è entrato in un loop di aggiornamento e, almeno una volta, ci sono stati problemi con la qualità quando il tentativo è andato a buon fine. A volte si sono verificati anche problemi con il captive portal di un hotel. In questo caso, riavviare il dispositivo può essere utile se il portale non viene riconosciuto. Ma andiamo per ordine.

Il primo tentativo: dove si trova la presa HDMI?

Al primo tentativo, in un Moxy di Stettino, abbiamo provato uno scenario senza aggiornamenti. L'HomePod Mini non veniva utilizzato da tempo. La domanda era se il dispositivo potesse ancora funzionare. Non dimenticate che mancava ancora l'aggiornamento alla versione 15.4. Solo il televisore Apple era aggiornato, perché era stato tolto dal salotto di casa.

Tuttavia, non funzionava già con la connessione di base: Il Moxy Hotel disponeva di un televisore con un ingresso HDMI aggiuntivo e il telecomando ci permetteva di selezionarlo. Ma l'hotel ha integrato il televisore in una parete. Non c'era possibilità di collegare il televisore Apple. Senza il televisore, almeno il box poteva essere integrato nella rete. Come dovrebbe essere.

Naturalmente, l'HomePod non poteva essere utilizzato con il Apple TV. Tuttavia, l'altoparlante non era inutile. Per un po' di tempo è stato possibile utilizzare il box con un iPad. A causa della mancanza di un software adatto, l'integrazione nella WLAN non è stata possibile. Tuttavia, è possibile spostare il dispositivo su un'altra rete con un iPhone o un iPad tramite la configurazione.

Poco dopo, tuttavia, l'altoparlante non ha più funzionato. L'app Home indicava che l'HomePod Mini si stava aggiornando. Ma il dispositivo è rimasto in questo stato anche durante la notte. Il dispositivo era inutilizzabile, proprio così. A casa, tuttavia, è rimasto nel loop di aggiornamento. Era quindi necessario un ripristino. Lo abbiamo fatto con un MacBook.

Si tratta di un bug segnalato da alcuni proprietari di HomePod Mini in vari forum. Sul nostro dispositivo, anche il ripristino standard non è andato a buon fine. A quanto pare, il server non era raggiungibile. Apple rende le cose particolarmente difficili. È stato quindi necessario scaricare manualmente l'immagine dell'HomePod, cosa possibile su ispw.me. In questo modo è stato possibile ripristinare e aggiornare l'HomePod. Apple il sito non prevede questa possibilità e offre poca assistenza, con messaggi di errore poco comprensibili.

Secondo tentativo: problema simile, hotel diverso

Nuovo weekend, migliore fortuna? Con l'HomePod Mini ora aggiornato e il televisore Apple, siamo andati in un altro hotel: Courtyard Szczecin. È proprio accanto al Moxy. Di solito, questo marchio di hotel è un po' più attrezzato. Cosa non ci aspettavamo: Il Courtyard non solo utilizza lo stesso televisore del Moxy, ma anche la stessa tecnologia di montaggio. Anche in questo caso, l'HDMI 2 era selezionabile tramite il telecomando, ma non fisicamente accessibile.

Per quanto riguarda il test, abbiamo provato a chiedere aiuto al personale, ma non è servito. Almeno, questa volta il televisore Apple (in modalità cieca) e HomePod Mini hanno funzionato senza problemi. Quindi, per la prima volta, siamo riusciti a integrare l'HomePod nella WLAN di un hotel con Captive Portal. Tuttavia, non abbiamo potuto fare altre prove a causa della mancanza di un televisore.

Cortile di Stettino: Tutto è pronto, ma l'ingresso HDMI non è accessibile. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Cortile di Stettino: Tutto è pronto, ma l'ingresso HDMI non è accessibile. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)

Hotel numero tre - Quando il televisore 4K si ridimensiona più volte

Per il prossimo tentativo, abbiamo attraversato l'oceano. La destinazione era lo Springhill Suites di Boston. All'inizio la delusione è stata grande: L'hotel utilizza un telecomando speciale che non ha un pulsante di selezione per l'ingresso HDMI. Allo stesso tempo, non è stato possibile rilevare alcun ingresso HDMI sul televisore, che era ancora una volta montato a parete.

Tuttavia, uno sguardo più attento ha rivelato che il televisore LG era appeso in modo flessibile. Si poteva ruotare in direzione del letto o del divano. È stata quindi individuata anche la porta HDMI-2, che però non era utilizzabile a causa del telecomando.

Tuttavia, al televisore è stato collegato un classico box per hotel di LG, prodotto in Corea, che porta il menu dell'hotel sul televisore. Si tratta di un sistema più o meno paragonabile ai box per la segnaletica digitale. Il menu dell'hotel offriva anche una modalità diretta HDMI.

Non abbiamo potuto utilizzare il primo ingresso HDMI del box, ma il secondo sì. La configurazione del televisore Apple ha funzionato subito. Tuttavia, siamo rimasti confusi dalla qualità dell'immagine: Il televisore Apple inviava 2160p e HDR al box, ma la qualità dell'immagine era estremamente scarsa. Anche il passaggio a 1080p e a SDR o HDR non è servito a molto. Un test a 720p ha mostrato persino ombre estreme.

Dopo alcuni esperimenti, è stato chiaro: Springhill Suites lascia che i suoi box per hotel si colleghino ai televisori con una risoluzione troppo bassa. Sembrava una risoluzione di 720p. Negli hotel visitati in precedenza in Polonia, invece, la qualità dell'immagine del software dell'hotel era impeccabile.

Questo è stato particolarmente sorprendente perché sia il televisore che il box dell'hotel sono in grado di raggiungere i 2160p. Quindi il ridimensionamento avviene. Il tecnico dell'hotel avrebbe voluto dare un'occhiata a questo problema il mattino successivo tramite la manutenzione remota, ma non se ne è fatto nulla.


Il box LG per hotel è configurato per la modalità HDMI Direct. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Il box LG per hotel è configurato per la modalità HDMI Direct. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Entriamo nella WLAN dell'hotel. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Entriamo nella WLAN dell'hotel. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Tutto funziona per la prima volta, compresa la trasmissione del suono all'HomePod Mini. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Tutto funziona per la prima volta, compresa la trasmissione del suono all'HomePod Mini. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)

Il problema successivo è stato l'HomePod Mini. Non riproduceva alcun suono, né dal televisore Apple che lo vedeva, né dall'iPhone o dall'iPad. Il messaggio di errore diceva: Il dispositivo deve trovarsi sulla stessa rete. Ma questo era già il caso.

La soluzione ha richiesto un po' di sperimentazione. Alla fine si è scoperto che sia l'HomePod Mini che il televisore Apple devono trovarsi nella stessa stanza virtuale. L'HomePod si trovava nella "Stanza dei giochi" e il televisore Apple nel "Soggiorno". Normalmente, almeno la musica dall'iPhone all'HomePod Mini dovrebbe essere possibile. Ma questo era possibile solo quando entrambi i dispositivi erano assegnati a una stanza.

Questo non è necessariamente logico. Dopotutto, nulla vieta di trasmettere musica in streaming dal televisore Apple in cucina, ad esempio. Dopo aver assegnato entrambi i dispositivi a una stanza, è stato possibile utilizzare tutto come previsto. Solo la qualità dell'immagine lasciava a desiderare. Tuttavia, va notato che Apple lo spiega nelle pagine di aiuto.

Finalmente tutto funziona. Tuttavia, Youtube non funziona con la migliore qualità. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Finalmente tutto funziona. Tuttavia, Youtube non funziona con la migliore qualità. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Tuttavia, la WLAN è abbastanza veloce. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Tuttavia, la WLAN è abbastanza veloce. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)

Nell'Hotel 4, tutti i dispositivi vedono l'HomePod tranne il TV Apple

Al Marriot San Jose, abbiamo nuovamente incontrato difficoltà che non dovrebbero esistere. Tutti i dispositivi erano stati configurati correttamente e si trovavano sulla stessa WLAN. Anche il captive portal di Marriott è stato nuovamente superato e il televisore era liberamente accessibile, anche se questa volta solo come dispositivo 2K. Inoltre, siamo stati in grado di utilizzare una query di localizzazione per garantire che l'HomePod Mini si accorgesse di essere stato spostato. Ha fornito l'indirizzo dell'hotel.

Ma l'HomePod Mini e il televisore Apple non volevano lavorare insieme. Dal punto di vista del televisore Apple, l'HomePod Mini era configurato, ma non si verificava alcuna connessione. L'aspetto irritante, tuttavia, è che l'HomePod Mini era indirizzabile da tutti gli altri dispositivi: MacBook, iPhone o iPad, tutto funzionava.

Solo quando è stata creata una nuova stanza virtuale e sono stati riposizionati prima il televisore Apple e poi l'HomePod Mini, ci sono state almeno le prime speranze. L'applicazione Smarthome di iOS ha poi suggerito di utilizzare l'HomePod Mini come altoparlante per il Apple TV. Tuttavia, il televisore Apple mostrava sullo schermo solo "Hotel -> (null)" nell'elenco di selezione. Non è stato possibile trovare una soluzione. È stato inoltre notato che di tanto in tanto si verificavano interruzioni nella trasmissione del segnale all'HomePod Mini da parte di altri dispositivi e il passaggio da un dispositivo di riproduzione all'altro richiedeva diversi secondi in ogni caso.

Nell'ultimo hotel si sono verificati problemi con la WLAN e la casella dell'hotel

L'ultimo hotel di questo test è stato il Fairfield Inn & Suites di Seattle. Qui si è avverato un timore che avevamo già avuto nel quarto hotel: il TV Apple si è apparentemente annodato al suo interno. Il problema con l'HomePod Mini è rimasto per il momento.

Ma almeno il televisore era accessibile. Anche in questo caso, si trattava della combinazione già nota di TV LG e scatola dell'hotel LG. Tuttavia, le chiusure erano interessanti. Il fatto che l'HDMI 2 sia bloccato direttamente sul televisore era prevedibile. Il telecomando offriva un pulsante corrispondente, ma era disattivato.

Anche il box LG era bloccato, anche se solo per metà. Il segnale del televisore Apple poteva essere alimentato tramite HDMI 2. Tuttavia, il risultato era che il video di sottofondo del menu Marriott veniva ripreso dal televisore Apple. Il menu frontale della catena alberghiera rimaneva inalterato. Il menu frontale della catena alberghiera è rimasto.

In questo modo è stato possibile guardare gli spettacoli, ma sempre con il menu Marriott semitrasparente in primo piano. Tuttavia, quando si seleziona il menu delle impostazioni di Marriott, almeno la maggior parte delle scritte pubblicitarie è scomparsa. Durante queste ultime attività, la connessione con l'HomePod Mini è improvvisamente riuscita, senza alcun intervento da parte mia.

Tuttavia, la situazione si è interrotta bruscamente dopo l'installazione della versione 15.5 del sistema operativo. A quanto pare, Apple ha risolto alcuni bug e integrato un messaggio di errore, perché ora il televisore Apple si è lamentato di un HomePod Mini irraggiungibile. Tuttavia, i dispositivi hanno continuato a funzionare da soli senza alcuna difficoltà. Non è stato possibile risolvere il problema nell'hotel successivo. La situazione si è stabilizzata solo nella WLAN di casa. Tuttavia, non è chiaro se la responsabilità sia da attribuire all'aggiornamento dell'HomePod alla versione 15.5.1 o al ritorno a una WLAN domestica senza separazione dei client.

L'HDMI 2 sul box LG è abilitato. Tuttavia, manca la voce di menu per la modalità diretta. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
L'HDMI 2 sul box LG è abilitato. Tuttavia, manca la voce di menu per la modalità diretta. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
In questo hotel bisogna quindi convivere con il menu. Per quanto riguarda le impostazioni, è accettabile a metà. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
In questo hotel bisogna quindi convivere con il menu. Per quanto riguarda le impostazioni, è accettabile a metà. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)

Quando mancano le condizioni ideali

Gli esempi sopra riportati non coprono ancora tutti i potenziali problemi. L'aspetto interessante è che anche all'interno di una catena alberghiera (tutte le proprietà appartengono a Marriott) non esiste un vero e proprio standard. A volte l'HDMI non è fisicamente accessibile, ma il telecomando lo offre. A volte è il contrario, altre volte è il box dell'hotel il colpevole.

Ma i problemi possono andare oltre, come hanno dimostrato ulteriori esperimenti in viaggio. La preparazione è altrettanto importante quando si combinano Apple TV e HomePod Mini quanto un hotel che non metta strani lucchetti intorno al televisore.

Il problema dell'elettricità - o: Quando Apple e l'hotel vi infastidiscono

La seccatura più grande è l'alimentazione dei dispositivi con l'elettricità. Non è così facile come si potrebbe pensare. In alcuni casi ciò è dovuto a Apple, mentre in altri dipende dagli hotel. La situazione si fa particolarmente grave quando le due cose non vogliono collaborare.

Ma veniamo ai requisiti: Il televisore Apple, nel nostro caso un modello 4K di quinta generazione, è dotato di una spina Euro sostituibile. Il cavo viene collegato al televisore Apple tramite un accoppiamento di dispositivi C7/C8. Niente di speciale. Il televisore Apple ha un ingresso ad ampio raggio da 100 a 240 volt. Nulla vieta di utilizzarlo in tutto il mondo.

Si tratta di un'informazione piuttosto importante, per cui è incomprensibile che Apple la stampi in basso con caratteri neri su sfondo nero. Soprattutto perché è in una dimensione che rende necessario per molti fotografarla con il proprio smartphone. Tuttavia, chiunque porti accidentalmente il televisore Apple in Giappone o negli Stati Uniti può utilizzarlo con l'apposito cavo di alimentazione senza rischiare il dispositivo.

Il consumo di energia è indicato da Apple con 15 watt. Non è molto. Sarebbe auspicabile che potesse essere alimentato anche tramite USB Type-C. 15 watt sono sufficienti per la corrente USB Type-C ([email protected]). Non è necessario Power Delivery per questo. Perché USB Type-C? Perché l'HomePod Mini funziona. Un alimentatore doppio USB-C sarebbe quindi l'ideale. Una soluzione simile esiste anche per il TVApple con l'USB Power Box. Tuttavia, lo scenario prevede una connessione tramite USB-A in combinazione con una batteria tampone. È almeno un primo passo, ma può essere acquistato solo negli Stati Uniti per 25 dollari (netti).

5 volt, 9 volt: L'HomePod Mini è fastidioso con le sue richieste speciali

Purtroppo le cose si complicano con l'HomePod Mini: L'altoparlante è molto esigente. Sebbene l'HomePod Mini abbia un cavo USB-C fisso per l'alimentazione, chi crede che possa funzionare universalmente con qualsiasi alimentatore si sbaglia. L'HomePod ha due modalità di funzionamento a seconda della tensione.

Se la tensione è di 5 volt, l'HomePod può fare ben poco. È possibile resettarlo su un Mac o installare un nuovo firmware. Come descritto sopra, abbiamo dovuto fare anche questo.

Almeno, va detto, l'HomePod Mini supporta 5 volt. I notebook importanti per il ripristino di solito forniscono solo questa tensione senza il protocollo di alimentazione (massimo 15 watt). Apple era quindi ben consapevole di quanto sia problematica la tensione operativa effettiva di 9 volt.

Appena leggibile: l'adattatore da 29 watt di Apple non gestisce i 9 volt. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Appena leggibile: l'adattatore da 29 watt di Apple non gestisce i 9 volt. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Un carattere nero su sfondo nero necessita di un forte ingrandimento. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Un carattere nero su sfondo nero necessita di un forte ingrandimento. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)

Anche un alimentatore USB-C Apple è incompatibile con l'HomePod Mini

Nei nostri esperimenti, non si può fare affidamento su tutti gli adattatori di alimentazione. L'alimentatore originale funziona sempre, ovviamente. All'estero, potrebbe essere necessario collegare un adattatore a monte. Tuttavia, i viaggiatori amano risparmiare peso e quindi possono portare con sé altri adattatori di corrente che offrono connessioni multiple o che provengono, ad esempio, da un notebook.

Nel nostro campione, due adattatori di corrente su quattro si sono guastati. Uno è di Apple. È il vecchio alimentatore da 29 watt del MacBook Retina (2015). Può gestire solo 5 o 14,5 volt. Questo si legge anche sull'alimentatore con una scritta grigia su sfondo bianco, o meglio, è difficilmente decifrabile senza una lente di ingrandimento. Tuttavia, chi non ha familiarità con la materia difficilmente troverà il problema. A proposito, l'alimentatore da 30 watt di Apple funziona perché può gestire anche 9 volt.

L'alimentatore Geardon fornisce la tensione giusta, ma l'HomePod Mini non funziona ancora. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
L'alimentatore Geardon fornisce la tensione giusta, ma l'HomePod Mini non funziona ancora. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Il vecchio alimentatore PD2 di Anker funziona senza problemi. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Il vecchio alimentatore PD2 di Anker funziona senza problemi. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)

Il secondo alimentatore che si guasta è di Geardon. Supporta effettivamente i 9 volt. Non siamo riusciti a scoprire il motivo esatto. Tuttavia, va notato che l'alimentatore spesso causa problemi, soprattutto quando un dispositivo ha bisogno di poca energia. Questo è talvolta il caso dell'HomePod. Il suo consumo energetico inattivo non può essere misurato da tutti i dispositivi.

L'HomePod è molto parsimonioso quando non c'è nulla da fare. Anche quando si ascolta musica a volume ambiente, il consumo energetico supera a malapena i due watt. Valori più elevati sono possibili solo durante il funzionamento e l'utilizzo di bassi elevati. In questo caso, vengono richiesti più di due ampere di corrente per un breve periodo e quindi più di 15 watt. Questo spiega anche la necessità dei 9 volt.

Il Powerport PD2 di Anker invece funziona, anche se l'alimentatore non è proprio nuovo. Tuttavia, questi sono tutti alimentatori con una porta USB-C PD. La situazione si fa interessante con gli alimentatori da viaggio dotati di più porte. In questo caso, non entra in gioco solo il budget di potenza, ma anche una riduzione della tensione durante il carico a causa di altri dispositivi collegati. È quindi consigliabile verificare in anticipo l'idoneità dell'alimentatore a casa.

Applel'alimentatore da 29 watt non ha i 9 volt. Con 5 volt, l'HomePod Mini segnala visivamente un errore. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Applel'alimentatore da 29 watt non ha i 9 volt. Con 5 volt, l'HomePod Mini segnala visivamente un errore. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Applel'alimentatore da 30 watt, simile e confuso, funziona invece senza problemi. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)
Applel'alimentatore da 30 watt, simile e confuso, funziona invece senza problemi. (Foto: Andreas Sebayang/Notebookcheck.com)

Prezzo e disponibilità

Apple TV e HomePod Mini sono già disponibili sul mercato. Quest'ultimo è stato recentemente reso disponibile in numerosi colori e costa circa 100 Euro (~$104,50) presso Notebooksbilliger.de. Il Apple TV 4K è disponibile su Amazon a partire da 200 Euro(~$209).

Conclusione:

La valutazione finale della combinazione Apple TV e HomePod Mini in viaggio è estremamente difficile. In teoria, tutto sembra una buona soluzione. In pratica, si corre il rischio di imbattersi in sessioni di configurazione molto fastidiose.

Il fatto che gli hotel non siano in parte preparati a questo scenario non può essere imputato a Apple. Anche all'interno di una catena, non è possibile prevedere se un hotel è adatto all'apparecchiatura. Nelle descrizioni degli hotel mancano i dettagli corrispondenti. Inoltre, il personale dell'hotel spesso non ha una formazione adeguata.

Tuttavia, la mancanza di preparazione degli hotel è un punto importante che gioca a sfavore del sistema TV Apple e di HomePod Mini. Apple può essere preparato per gli hotel, ma gli hotel non lo sono. Un buon televisore in hotel non significa che lo si possa usare in quel modo. In un caso, l'hotel stesso ha ridimensionato un TV 4K HDR a un TV 720p. Non è necessario, considerando che l'hardware LG, compresi i box speciali, è stato preparato per TV di alta qualità appositamente per gli hotel. Purtroppo, anche il personale tecnico non sa come gestirlo e non è disponibile per gli ospiti esperti di tecnologia.

L'intero sforzo può comunque valere la pena per chi viaggia spesso. Se si visita spesso un hotel e si sa cosa funziona, si ottiene un'eccellente combinazione con un po' di comprensione tecnica. Anche un HomePod Mini supera la maggior parte dei televisori per quanto riguarda la qualità del suono. E con il televisore Apple si ha una maggiore flessibilità rispetto al software alberghiero del televisore. È un peccato, tuttavia, che non sia possibile scaricare le serie su Apple TV e portarle con sé in viaggio. La memoria flash da 32 o 64 GB del dispositivo sarebbe l'ideale, soprattutto perché le app Apple TV, derivate da iOS e iPadOS, sono in grado di farlo.

Questo è particolarmente fastidioso quando servizi come Amazon Prime limitano i contenuti in streaming all'estero. Questo può accadere anche con Disney+. Tuttavia, Disney+ offre altri contenuti sconosciuti all'estero

Tuttavia, troppe cose possono andare storte da parte di Apple. Dovete essere preparati alla frustrazione. Abbiamo trovato molti problemi nell'universo di Apple nei forum. Nessuno dei problemi presentati qui è già apparso da qualche parte. Apple la qualità del software di per quanto riguarda il Bluetooth non è purtroppo così alta come dovrebbe essere per offrire un sistema privo di problemi durante i viaggi

Tutto sommato, però, se avete questi dispositivi a casa e avete in programma un lungo soggiorno in hotel, potete sicuramente portarli con voi. Soprattutto quando ci sono più spettatori, ha senso utilizzare un televisore Apple invece di un tablet o di un notebook. Tuttavia, è consigliabile contattare prima l'hotel per sapere se la connessione HDMI è bloccata, ed è meglio preconfigurare alcune cose a casa. In ogni caso, non si dovrebbe acquistare l'hardware nello stato in cui si trova, soprattutto per l'uso in hotel.

Please share our article, every link counts!
.170
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > Recensioni e prove > Recensioni e prove > Recensione: Gli ostacoli dell'hotel e della WLAN del TV Apple con HomePod Mini in viaggio
Andreas Sebayang, 2022-06-16 (Update: 2022-06-16)