Notebookcheck Logo

Invece di un divieto, l'India ora vuole tassare le criptovalute al 30% e renderle moneta legale

Gli hacker di Twitter del premier indiano potrebbero aver scoperto qualcosa (immagine: PM Modi/Twitter)
Gli hacker di Twitter del premier indiano potrebbero aver scoperto qualcosa (immagine: PM Modi/Twitter)
L'India è passata da un'intenzione di vietare tutte le transazioni di beni digitali nel paese a una proposta di tassare le criptovalute con un taglio governativo del 30% sui profitti e l'emissione di una rupia digitale. Secondo gli analisti questo significa probabilmente che i funzionari indiani stanno esplorando la possibilità che le criptovalute diventino valuta legale.

Gli hacker che hanno twittato che l'India ha accettato Bitcoin come moneta ufficiale dall'account del primo ministro Narendra Modi potrebbero aver fatto qualcosa, dopo tutto. L'India è passata dal proporre un vero e proprio divieto sulle transazioni di criptovalute all'intrattenere ora il pensiero di tassare il reddito dei beni digitali con un taglio del 30% ed emettere la propria rupia digitale. La proposta del ministro delle finanze Nirmala Sitharaman ha lasciato gli analisti a chiedersi se questo è un precursore per rendere le criptovalute valuta legale nel paese.

L'introduzione di una valuta digitale della banca centrale darà una grande spinta all'economia digitale. La valuta digitale porterà anche a un sistema di gestione della valuta più efficiente e meno costoso

La moneta digitale della banca centrale (CBDC) è in fase di test dalla scorsa estate e ora il Ministero delle Finanze informa che la rupia virtuale sarà lanciata già dal prossimo anno fiscale del governo. Questo, naturalmente, legittimerà le transazioni digitali a causa della portata della regolamentazione e delle valutazioni d'impatto necessarie per lanciare una moneta cripto nazionale e accettarla come moneta legale

Per quanto riguarda la tassazione delle criptovalute, il prelievo proposto del 30% sembra in alto e il governo ha anche creato un sistema di incentivi per la segnalazione delle transazioni, come consentire la deduzione fiscale alla fonte.

Nessuna deduzione rispetto a qualsiasi spesa o indennità è consentita durante il calcolo di tale reddito, tranne il costo di acquisizione. Inoltre, la perdita dal trasferimento del bene digitale non può essere compensata con qualsiasi altro reddito. Il dono di un bene digitale virtuale è anche proposto per essere tassato a mano del destinatario ... La grandezza e la frequenza di queste transazioni hanno reso imperativo prevedere un regime fiscale specifico.

Il ministro delle finanze, tuttavia, ha chiarito che stanno "raccogliendo input per la regolamentazione... ma non posso aspettare che arrivi la regolamentazione per tassare le persone che stanno facendo profitti". Una tassa del 30% su crypto e NFT molto probabilmente costringerà molte transazioni ad essere eseguite su piattaforme peer-to-peer, pensano gli analisti, invece di ritirare crypto dalle banche del governo.

Ottieni l'AntMiner L3+ 500MH/s Litecoin Miner su Amazon

Please share our article, every link counts!
.170
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2022 02 > Invece di un divieto, l'India ora vuole tassare le criptovalute al 30% e renderle moneta legale
Daniel Zlatev, 2022-02- 3 (Update: 2022-02- 3)