Notebookcheck Logo

Lo youtuber esplora il modo in cui l'avvio di Linux da Google Drive potrebbe dare il via a un cambiamento nella proprietà dei PC

Teaser
Un recente video di Mental Outlaw esplora cosa significa essere in grado di eseguire il boot da Google Drive, come è possibile e come questo proof of concept potrebbe avere un impatto sul futuro hardware del PC.

È effettivamente possibile avviare un sistema operativo nel cloud utilizzando Google Drive. La prova del concetto proviene da un post pubblicato di recente su "Ersei 'n Stuff" che illustra il viaggio e il processo di avvio di Arch Linux, a versione leggera versione leggera di Linux, direttamente da Google Drive. Tuttavia, Mental Outlaw fa notare che questo processo si discosta da una sequenza di avvio tradizionale più di quanto non faccia l'avvio da Google Drive. Spiega che il computer portatile utilizzato nel processo di avvio utilizza initramfs del kernel Linux memorizzato localmente per eseguire FUSE. FUSE viene utilizzato per montare il file system Linux trovato su Google Drive per completare il processo di "avvio".

Con il processo descritto, Mental Outlaw sostiene che questo è "un piccolo passo nella direzione dei computer cloud thin client" per il settore tecnologico in generale. I dispositivi thin client sono dispositivi come Google Chromebook o qualsiasi altro dispositivo simile che si affida al cloud computing per la maggior parte dei suoi processi. Mental Outlaw ha poi affermato che l'avvio del sistema operativo dal cloud apre opportunità "sia positive che negative". Un vantaggio è che il suo OS avrà lo stesso livello di protezione dei dati archiviati nel cloud. Inoltre, se il sistema operativo smette di funzionare o è compromesso, il sistema operativo potrebbe avviarsi da un'istantanea precedentemente funzionante. Mental Outlaw afferma che la funzione snapshot può mitigare gli attacchi ransomware e che questi sistemi sarebbero in grado di sfruttare gli aggiornamenti antivirus di origine cloud, simili a quelli presenti in Microsoft Defender.

Per Mental Outlaw, il primo aspetto negativo del cloud computing è che "non si può davvero chiamare computer o storage", perché l'hardware di storage effettivo è di proprietà di aziende come Google, Microsoft o altri fornitori di sistemi cloud. Con il sistema operativo incluso come servizio cloud, Mental Outlaw teme che i dati degli utenti, la privacy e persino la possibilità di avviare il computer siano controllati dai giganti tecnologici. Come per la maggior parte dei nuovi servizi negli ultimi anni, Mental Outlaw avverte che la "promessa di maggiore sicurezza e convenienza" del cloud computing va a scapito della libertà dell'utente. Per guardare il video completo o per maggiori informazioni, consulti le risorse qui sotto.

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > News > Newsarchive 2024 07 > Lo youtuber esplora il modo in cui l'avvio di Linux da Google Drive potrebbe dare il via a un cambiamento nella proprietà dei PC
Stephen Pereyra, 2024-07-10 (Update: 2024-07-10)