Notebookcheck

Hands-on Creative SXFI THEATER: materiali premium, audio molto buono, autonomia decente e software basilare

Creative SXFI THEATER cuffie over-ear wireless a bassa latenza auricolari a bassa latenza si adattano anche ai più giovani (Fonte: Own)
Creative SXFI THEATER si adattano anche ai giovani (Fonte: Own)
Progettate principalmente come cuffie wireless con la tecnologia proprietaria Creative di elaborazione del suono sotto il cofano, le SXFI THEATER possono essere cablate sia con sorgenti digitali che analogiche. Oggi daremo un'occhiata più da vicino agli alti e bassi delle Creative SXFI THEATER e cercheremo di arrivare a una conclusione.
Codrut Nistor (traduzione a cura di G. De Luca), 🇺🇸 🇪🇸 ...

Quando si tratta di cuffie che includono l'elaborazione hardware Super X-Fi, Creative ha esattamente cinque articoli disponibili al momento: SXFI AIR (già recensite da Alex Alderson) e AIR C, le SXFI THEATER di oggi, così come le SXFI GAMER e le SXFI TRIO che recensiremo tra qualche settimana. Prima di andare avanti, ringraziamo Edwin Ong della Creative per averci inviato le cuffie. Come sempre, siate sicuri che le opinioni in questo articolo sono personali e che ho passato molte ore ad usare questo prodotto prima di decidere di dire che qualcosa è positivo o non è così positivo.

La descrizione ufficiale fa così: "2.4 GHz Low-latency Wireless USB Headphones con Super X-Fi Audio Holography per Film" e penso che anche Creative dovrebbe aggiungere "wired" al mix perché le SXFI THEATER sono riuscite a impressionarmi quando sono state usate come auricolari cablate collegate ad alcuni dispositivi che menzionerò più avanti. Al prezzo attuale di 199,99 dollari USA (o un importo più o meno equivalente, a seconda del mercato), le Creative SXFI THEATER funzionano con PC Windows, Mac, console PlayStation 4 e Nintendo Switch, così come praticamente qualsiasi cosa che abbia un jack di uscita audio da 3,5 mm.

Confezione ed aspetto

Come tutti gli altri prodotti SXFI attualmente sul mercato, la confezione delle SXFI THEATER ha un ottimo aspetto e fornisce tutte le informazioni essenziali di cui l'utente ha bisogno per iniziare subito senza dover controllare la documentazione che viene fornita all'interno della scatola.

IL contenuto della confezione è piuttosto generoso, anche se un set di cuscinetti auricolari di ricambio sarebbe gradito. Qualcuno potrebbe dire che sarebbe bello avere anche una custodia per il trasporto, ma penso che questo non sia così importante per gli auricolari di grandi dimensioni come lo è per gli in-ears. La confezione contiene le cuffie accanto al dongle USB, un cavo di 3,5 mm line-in (potrebbe essere molto utile in pochi anni se la batteria muore per allora e la sostituzione non è un'opzione, ma anche ora il cavo permette l'uso in movimento con lettori multimediali o telefoni cellulari con un 3. 5 mm di uscita audio), un microfono da gioco staccabile - e molto flessibile -, un cavo USB-C per la ricarica, così come una prolunga USB separata che può essere molto utile indipendentemente se si ha intenzione di usarlo per posizionare il dongle sulla scrivania - molto utile se si tiene il computer sul pavimento - e migliorare la sua copertura wireless o semplicemente per avere una porta USB vicino a voi.

Gli accessori citati potrebbero essere un po' difficili da individuare a prima vista, perché si trovano all'interno di una piccola scatola bianca che Creative ha messo sul retro dello stampo di plastica che tiene le cuffie in posizione in modo da non farle oscillare all'interno della confezione di vendita. Quando si tolgono le cuffie, la scatola bianca non cade perché è tenuta in posizione da due "orecchie" di plastica - questo non è qualcosa che riguarda le cuffie in sé, dopo tutto, ma mostra quanta attenzione Creative abbia prestato ai dettagli.

Quando si parla dei materiali utilizzati e della qualità costruttiva, le SXFI THEATER sono molto simili alle SXFI AIR. Anche se qui non ci sono controlli al tatto, i cuscinetti auricolari in "morbida pelle proteica" sono altrettanto buoni - sembrano fatti per durare per anni. Il cuscinetto auricolare sinistro ha tutti i controlli e le porte - pulsante di accensione, pulsante di accensione/spegnimento del microfono, jack per microfono da 3,5 mm, interruttore ad effetto SXFI, porta USB-C per la ricarica, jack da 3,5 mm line-in, così come una manopola del volume.

Con un peso di 339 grammi (circa 0,75 libbre), il Creative SXFI THEATER può essere considerato abbastanza pesante da alcuni utenti. Per me, il peso dell'auricolare non è mai stato un problema. Tuttavia, la forma della mia testa e delle mie orecchie a volte trasformano una piacevole esperienza in un incubo. Quando uso le Koss Porta Pro, a volte posso andare avanti per ore senza problemi, ma se divento sfortunato, il lobo dell'orecchio sinistro inizia a farmi male dopo pochi minuti. Anche se non ho problemi alle orecchie quando indosso le SXFI THEATER, a volte sento dolore nella zona in cui l'archetto tocca la parte superiore del cranio. Nella maggior parte dei casi, regolare la posizione dell'auricolare e dell'archetto stesso aiuta. In caso contrario, potrebbe essere semplicemente il momento di fare una pausa.

Un piccolo dettaglio di design che devo sottolineare è il motivo sul lato delle cuffie - niente di speciale, solo qualche striscia. Tuttavia, Creative è stata abbastanza attenta ad applicare lo stesso motivo sul dongle USB, che è un bel tocco. Ci sono anche due anelli luminosi a LED RGB che rendono le SXFI THEATER più belle (e più facile da trovare) al buio - ma possono anche essere utili per ottenere un rapido feedback sul livello della batteria o sullo stato della connettività senza dover controllare alcuna app.

Prima di andare avanti, dovrei aggiungere che il microfono rimovibile funzionabenissimo - il coperchio metallico gli permette di essere molto flessibile e anche di rimanere saldamente in posizione dopo essere stato regolato. A prima vista, tutto ciò che riguarda il Creative SXFI THEATER ha un aspetto e una sensazione fantastica, forse un po' al di sopra di quanto ci si può aspettare per il prezzo richiesto di 199,99 dollari.

Specifiche e funzioni

Senza ulteriori indugi, ecco le specifiche essenziali dei due elementi chiave coinvolti quando si parla delle Creative SXFI THEATER: il trasmettitore wireless e la cuffia stessa - inclusi gli altoparlanti e i dettagli del microfono, naturalmente.

• Highlights del trasmettitore wireless SXFI TX: fino a 10 metri (33 piedi) di portata in spazio aperto (un singolo muro di cemento può facilmente dimezzarlo), connessione wireless proprietaria a bassa latenza a 2,4 GHz e Bluetooth Low Energy, ingresso 5 V e 0,5 A, massima uscita RF 2 dBm (tipico) o 4 dBm (BLE). 

• I punti salienti delle SXFI THEATER: Batteria da 3,7 V 1300 mAh con 3 ore di carica, fino a 30 ore di autonomia con LED spento, guide al neodimio da 50 mm, risposta in frequenza 20 Hz - 20 kHz, impedenza 32 O, 114 dB / mW @ 1 kHz di sensibilità, microfono unidirezionale a riduzione del rumore con risposta in frequenza 100 Hz - 8 kHz, impedenza inferiore a 2,2 kO, e un livello di sensibilità di -42 dBV / Pa @ 94 dB SPL. 

Sebbene le Creative SXFI THEATER puntino agli appassionati di cinema e videogiochi grazie alla connessione wireless a bassa latenza e al supporto audio olografico, ho anche scoperto che queste cuffie over-ear potrebbero essere pubblicizzate come un'eccellente soluzione cablata per godersi la musica. Tuttavia, il risultato dipende molto da alcune variabili, come la sorgente audio e il tipo di musica, per non parlare del tipo di firma audio di cui l'ascoltatore gode maggiormente.

Le luci LED RGB sono sincronizzate, quindi entrambe le parti hanno sempre lo stesso colore. A seconda del pulsante premuto, vengono messi in moto diversi schemi di illuminazione. Per esempio, tenendo premuto brevemente il pulsante di accensione viene visualizzato il livello della batteria - verde o giallo quando è carica, due rossi lampeggiano quando il livello della batteria è basso. I messaggi vocali vengono utilizzati anche per le notifiche di batteria scarica e per far sapere all'utente quando il microfono è acceso o spento. Le spie a LED RGB mostrano anche lo stato di accoppiamento wireless.

Utilizzo nella vita reale: ergonomicità, suono, autonomia della batteria

Queste cuffie sono solide e a volte posso usarle per ore senza sentire nulla di strano, ma per fare in modo che il meccanismo di regolazione dell'archetto non fallisca nel tempo è necessario maneggiarle sempre con entrambe le mani. So che alcune persone usano semplicemente una mano per rimuovere le cuffie e spostarle e le Creative SXFI THEATER non sembrano fragili. Tuttavia, io uso sempre entrambe le mani per regolare, rimuovere o indossare cuffie.

Dopo alcuni mesi di utilizzo, i cuscinetti auricolari sembrano ancora nuovi di zecca e non credo che questo cambierà molto presto. Devo anche aggiungere che ho usato le cuffie con gli occhiali per la maggior parte del tempo, e l'esperienza è stata incredibilmente confortevole. Questi cuscinetti forniscono anche un discreto isolamento acustico, anche se sentirete se qualcuno vi sta maledicendo da qualche metro di distanza e state ascoltando musica a livelli di volume ragionevoli.

I cuscinetti auricolari non sono fissati in posizione, e il loro limitato raggio di movimento è appena sufficiente per le mie esigenze. Dopo una lunga lotta, ho concluso che la mancanza di maggiore ammortizzazione dell'archetto può essere semplicemente compensata regolando attentamente i cuscinetti in modo che l'archetto entri in contatto con la parte superiore del cranio in modo da non aumentare la pressione in quell'area. Ovviamente, si può anche allentare l'archetto - non importa quanto sia stata brutta la regolazione dell'archetto e il dolore che a volte ho sentito sulla sommità della testa, la zona delle orecchie mi è sempre sembrata il paradiso.

Passando alla parte del suono, comincerò dicendo che la tecnologia del suono olografico, conosciuta semplicemente come SXFI, comporta un po' di prove ed errori per ogni utente. Parlando per me, dirò solo che la mia scansione iniziale testa/orecchie (c'è un'applicazione mobile per questo scopo) ha fornito un modello di elaborazione del suono che ha distrutto la gamma media della maggior parte delle canzoni. C'è qualcosa che riguarda le chitarre distorte? Impossibile da ascoltare! La soluzione? Una nuova scansione, e questa volta ho usato la testa/orecchie di mia moglie. Il risultato è sorprendente. Come punto di riferimento ho usato questa cover di Kickstart My Heart dei Mötley Crüe direttamente da YouTube - finché le chitarre non sono completamente distorte e le voci non sono state spinte via da qualche parte nella parte posteriore, probabilmente la scansione è stata fatta bene. Mentre i driver al neodimio da 50 mm sembrano più piccoli in scenari d'uso non-SXFI, il suono olografico di Creative può farli brillare e tutto può sembrare completamente diverso. Prima di andare avanti, ecco un altro consiglio: prima di scansionare la testa e le orecchie per un nuovo profilo, assicuratevi di impostare un EQ piatto o di regolarlo come ritenete opportuno, perché l'effetto SXFI viene applicato sull'audio equalizzato, non sulla sorgente audio grezza.

Quando sono utilizzate come cuffie wireless, il suono emesso dalle Creative SXFI THEATER è perfetto, abbastanza potente, senza ritardi, ma anche piuttosto freddo. Come ho già detto, penso che il risultato dipenda molto dalla sorgente. Non c'è molta personalizzazione da fare nell'applicazione Windows (ne parleremo più avanti), quindi l'utente deve fare affidamento sulla tecnologia SXFI o sulle impostazioni EQ/pre-amp del software utilizzato per fornire il suono alle cuffie. La portata wireless è in linea con altre soluzioni Bluetooth pure o personalizzate - 15 piedi di distanza e un muro di cemento tra il dongle e l'utente va bene, ma se aggiungiamo altri 10 piedi e un altro muro, la connessione muore. In una grande stanza senza pareti, la portata wireless di questo auricolare dovrebbe superare i 30 piedi.

Il microfono funziona come previsto ed è molto facile da inserire in posizione e regolare secondo necessità. Non sono un cantante, quindi i test del microfono che eseguo di solito riguardano la comunicazione online e il riconoscimento vocale, niente di più. Purtroppo non ci sono impostazioni per questo nell'app SXFI Control e tutte le regolazioni del software devono essere effettuate nell'area corrispondente del sistema operativo.

Il vantaggio principale delle cuffie wireless che si collegano a vari dispositivi tramite un dongle USB è che la qualità del suono e la qualitàfornita è più o meno la stessa ogni volta. Dopotutto, l'elaborazione viene effettuata dall'hardware nel dongle e l'impatto del software è piuttosto limitato nella maggior parte dei casi. Il dongle SXFI TX e le cuffie SXFI THEATER funzionano bene insieme, ma - lo ripeto ancora una volta, dipende molto dalla sorgente - quando ho usato le cuffie collegate ad un'uscita audio da 3,5 mm di alcuni dei miei dispositivi audio sono rimasto semplicemente sbalordito.

Non insisterò sull'acustica di ogni esperienza, ma vi dirò che ho testato un'ampia gamma di generi musicali (sia le codifiche lossless che quelle lossy, inclusa la radio online), giochi, film, e persino la radio FM e un nastro audio della vecchia scuola (Covenant “Nexus Polaris”) sul mio walkman Sony WM-FX290 (con MEGA BASS sia acceso che spento, un'incredibile delizia audio da godere nel 2020). Non posso dire che questa cuffia sia migliore per un certo genere, anche se chi cerca esperienze di bassi estremi potrebbe sentire l'urgenza di cercare qualcosa di più vicino ai 5 Hz...

Una grande sorpresa è arrivata quando ho accoppiato le SXFI THEATER con l'EPOS | Sennheiser GSX 1200 PRO USB DAC (la sua recensione dovrebbe arrivare alla fine del mese), che si suppone sia stato concepito per i gamers. In questo scenario, mi sono imbattuto in un'incredibile esperienza virtuale 7.1 che ha fatto sentire la musica scandente di YouTube e persino la radio online a 128k come qualcosa di completamente nuovo. La parte migliore di questa combinazione hardware è che la virtualizzazione di Sennheiser suona in modo completamente diverso da quella delle Creative SXFI e mi ha fatto capire ancora una volta che l'auricolare potrebbe sembrare un suono piatto, ma la verità è diversa - ha solo bisogno di una buona fonte o di un po' di tweaking (gli utenti di Windows dovrebbero leggerlo come "scansiona la testa e le orecchie fino a quando le cose non vanno bene").

Oltre a quanto sopra, ho anche utilizzato le cuffie SXFI THEATER cablate con il mio SanDisk Sansa e250 (caricato con Rockbox, naturalmente) e i lettori multimediali portatili Fiio X3 II. In entrambi i casi, i risultati sono stati molto buoni. Nel caso ve lo steste chiedendo, sarei felice di portare questa cuffia con me in viaggio, a patto di avere uno di questi due lettori per accompagnarla - o la Fiio M3 Pro che è appena arrivata e che dovrebbe ricevere la sua recensione alla fine di questo mese. Parleremo del suono che fornisce alle SXFI THEATER via cavo in quell'hands-on, quindi restate sintonizzati.

Prima di passare al componente software, devo dire qualche parola sulla durata della batteria di queste cuffie. Come previsto, l'autonomia pubblicizzata di 30 ore diminuisce a seconda del livello del volume e dello stato delle luci a LED RGB. Per l'utente medio che metterà in funzione lo SXFI THEATER per un film e qualche gioco veloce ogni sera, dovrebbe essere sufficiente una ricarica settimanale. Alzando il volume e mantenendo le luci a LED RGB accese dovrebbero comunque dare circa 20 ore di autonomia. Non è poi così male, ma quando la concorrenza offre più di tre volte tanto, potrebbe diventare un problema.

Tallone d'Achille: il software

L'ambiente software di Creative è piuttosto confuso perché ci sono un mucchio di applicazioni, ognuna con il supporto per una gamma limitata di dispositivi hardware. Nel caso delle SXFI THEATER, stiamo parlando di tre pezzi di codice: l'app SXFI Control, disponibile per Windows e macOS, e le app SXFI AIR Control e SXFI App, che possono essere installate su telefoni Android e iOS.

La prima app citata è abbastanza semplice e permette ai suoi utenti di caricare e selezionare un certo profilo SXFI da caricare sulle cuffie, regolare le impostazioni dell'EQ, accendere e spegnere l'illuminazione a LED RGB e personalizzare il colore, passare dall'audio stereo/5.1/7.1 all'audio e regolare il volume delle cuffie e del microfono (niente di nuovo rispetto alle impostazioni standard disponibili in Windows), e aggiornare il firmware del dispositivo. C'è anche la possibilità di ripristinare le impostazioni predefinite di fabbrica e a volte può essere un vero e proprio salvavita (basti dire che tutti i pulsanti - tranne l'interruttore di accensione - hanno smesso di funzionare e un ripristino di fabbrica ha prontamente risolto il mio problema).

Le app mobili, invece, dovrebbero essere combinate in un'unica applicazione, perché al momento sono piuttosto confuse. Ad esempio, entrambe presentano impostazioni di equalizzazione, ma solo l'app SXFI può connettersi al Sound Blaster X3. D'altra parte, l'illuminazione a LED RGB delle SXFI THEATER può essere regolata solo con l'app SXFI AIR Control. Non si tratta di una cosa estremamente complicata, ma un principiante audio medio potrebbe trovare piuttosto difficile l'intera esperienza mobile.

Aspetti positivi, negativi e realtà.

Le Creative SXFI THEATER si rivolgono ai gamers e agli appassionati di cinema, ma riescono a catturare l'attenzione anche degli amanti della musica. Nel complesso, queste cuffie hanno un design di qualità superiore, una costruzione solida con materiali durevoli, oltre a una piacevole esperienza audio out-of-the-box che può trasformarsi in oro puro con un po' di pazienza (e più di poche scansioni e regolazioni della testa). Nonostante il suo peso, queste cuffie sono molto facili da usare per le orecchie di chi le indossa e possono essere usate per lunghe sessioni di gioco o per guardare tutti i film de Il Signore degli Anelli in un unico posto a sedere - purché la regolazione iniziale dell'archetto sia giusta (e un po' fortunata, devo aggiungere). L'esperienza audio cablata - anche se inserita come una caratteristica "che potrebbe essere utile" - è sicuramente una caratteristica forte che dovrebbe essere presa in considerazione quando si giudicano queste cuffie.

La parte negativa che può essere risolta senza modifiche hardware è, ovviamente, l'ambiente software. Aggiungendo alcune impostazioni di elaborazione vocale (magari anche effetti in tempo reale) per l'applicazione Windows/macOS e un'applicazione mobile unificata sarebbe fantastico. Dal punto di vista hardware, un archetto leggermente diverso con più schiuma memory espansa per proteggere meglio la parte superiore della testa sarebbe bello. Un set di cuscinetti sostitutivi? Nient'altro che oro puro. Gli altoparlanti potrebbero aver bisogno di alcune regolazioni per offrire un suono più caldo al primo utilizzo e una migliore risposta alle basse frequenze senza elaborazione SXFI. Infine - ma non meno importante - aumentare la durata della batteria ad almeno 50 ore migliorerebbe sicuramente il valore dell'intero pacchetto.

Chi è alla ricerca di un'esperienza audio wireless impressionante deve prendere le SXFI THEATER per un giro di prova e lasciar passare più di qualche minuto per "decidere", perché la prima impressione potrebbe essere ingannevole. Alla fine, la verità è che si ottiene più valore di quello che si paga, e questo è ciò che conta davvero.

Fonte(i)

Creative Labs (United States) (pagina officale prodotto)

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > Recensioni e prove > Recensioni e prove > Hands-on Creative SXFI THEATER: materiali premium, audio molto buono, autonomia decente e software basilare
Codrut Nistor, 2020-09- 6 (Update: 2020-09- 6)
Codrut Nistor
Editor of the original article: Codrut Nistor - News Editor