Notebookcheck

Guida all'acquisto di un Portatile

Il primo passo nell'acquisto di un portatile ideale sta nel definire le vostre esigenze specifiche ed il tipo di utilizzo. Questo articolo si focalizza sulle caratteristiche di un portatile, in pratica tutti gli aspetti da considerare nell'acquisto di un portatile, ma non sulle selezione del tipo di dispositivo o sulle dotazioni hardware.

Troverete aiuto nella ricerca del portatile per voi, ed in seguito per le migliori varianti di equipaggiamento nella nostra guida hardware notebook.

 

Case ed Equipaggiamento

importante: case rigido senza flessioni...
...robusto gancio di blocco...
...e sicuro sistema di chiusura.

Lo chassis di un notebook è come la carrozzeria di un'auto. Oltre all'impressione ottica ed al design, aspetti come i materiali, la fattura e la durata del dispositivo sono ugualmente importanti. In particolare la resistenza l'utilizzo dovrebbe rappresentare un buon motivo per l'acquisti, in quanto l'usura dei portatili non è coperta da alcuna garanzia. Di conseguenza questo tipo di danni sono a carico dell'utente.

Se avere l'opportunità di paragonare vai portatili su un mercato specializzato, confrontateli per quanto riguarda la torsione sotto pressione, osservate con attenzione le dimensioni delle intercapedini e gli scricchiolii. Sollevando il portatile con una mano dall'area di appoggio dei polsi non dovrebbero verificarsi flessioni o altri problemi. Vedrete che le differenze tra i vari modelli sono notevoli. Attenzioni: una marca conosciuta non è garanzia di buona qualità.

Punto debole di alcuni portatili è il display, specialmente il meccanismo di chiusura, che unisce il display all'unità base. Questa parte, che è messa a dura prova per un lungo periodo, dovrebbe essere solida. Inoltre, dovrebbe evitare che il display possa sbattere per scongiurare danni.
Se avete intenzione di usare il vostro portatile prevalentemente in giro, questo dovrebbe essere dotato di un gancio di chiusura preciso e sicuro. In tal modo i display costosi ma fragili possono esser chiusi bene e protetti. Una matita che si infili tra il display e la tastiera può causare seri danni.

Connessioni e porte

Un altro aspetto importante è il numero ed il tipo di connessioni offerte ed il loro posizionamento. Questo aspetto dipende dalla destinazione d'uso del portatile. Cosa pensate di collegarci? Quale porte volete avere di riserva? Dove pensate di utilizzare il vostro portatile, più all'esterno o prevalentemente da posto fisso?

Le seguenti connessioni dovrebbero essere considerate come dotazione minima:

USB

2x Porte USB 2.0: Come indica il nome (Universal Serial Bus, 2.0 è l'attuale standard, che consente velocità di trasferimento nettamente più elevate rispetto alle vecchie porte 1.0) queste connessioni sono necessarie per un portatile.

Stampante, scanner, hard disks esterni, schede TV esterne, Bluetooth Dongle, mouse, tastiera, gamepad, volante, penne USB, videocamere digitali, telefonini e lettori MP3 ed ancora molti dispositivi. Nella maggior parte dei casi una porta è usata dal mouse, pertanto ne occorrono almeno 2, meglio 3 o 4. Con il passare del tempo vedrete che occorreranno sempre più porte.

Audio

Collegamenti Audio (microfono e cuffie): Ideale per l'ascolto di musica all'aperto o in ufficio. Chi vuole usare il portatile anche come telefono, può collegare delle cuffie con microfono per una migliore qualità della voce rispetto al microfono integrato.

Altrettanto interessante: uscita Audio ottica Line-Out. Così potrete combinare il vostro portatile con un sistema hifi (in caso sia supportato il trasferimento ottico) e godere della vostra collezione di mp3 direttamente dal vostro impianto hifi, senza disturbi o perdita di dati.

RJ-11 modem, RJ-45 LAN

Connessioni di rete e modem: Con una LAN o una connessione di rete (porta RJ45) potete collegare il vostro portatile ad una rete o anche ad un modem a banda larga (magari tramite USB). La connessione modem è oramai datata, per la navigazione internet e per il download di software. Anche l'accesso ad internet offerto dai providers oggi si focalizza prevalentemente sulle connessioni a banda larga.
Una connessione modem potrebbe essere interessante per chi viaggia molto, e necessita di un accesso alla rete ad esempio da una stanza di albergo. Tuttavia, nella maggioranza degli hotels di classe superiore è presente una connessione internet tramite WLAN.

VGA, DVI, S-Video
HDMI

Uscite video: Sia un monitor esterno, che un videoproiettore, un TV-set, si collegano tutti al portatile con le diverse uscite video:

Uscita VGA: collegamento di un monitor esterno addizionale (analogica)

Uscita S-Video: collegamento di un TV-set al portatile (analogica)

DVI (Digital Visual Interface): trasferimento digitale di immagini dal portatile ad un monitor o TV-set, in rgado di gestire informazioni digitali. Esistono tre tipi diversi di DVI:
DVI-I: possibile il trasferimento analogico e digitale di dati (i.e. adattatore DVI-VGA),
DVI-D: solo dati digitali,
DVI-A: solo dati analogici; questa variante è utilizzata raramente.

HDMI: trasferimento dati video ed audio full digital in particolare per il settore dell'home-entertainment. Una copy protection, supportata dall'hardware (HDCP), cripta/decripta il segnale alle interfacce. In questo modo si impediscono copie illecite.

Firewire

Firewire: consente uno scambio veloce di dati tra il computer e vari dispositivi come le videocamere, hard disks, masterizzatori DVD, ...
Ulteriori denominazioni per la porta Firewire Port sono i.e. Porta IEEE 1394 (nome di altri standard) o anche i.LINK (Sony).

PCCard / Express Card Slot

PC Card (PCMCIA) ed Express Card: Consentono di integrare il vostro portatile con schede di rete ed adattatori WLAN. Tuttavia non tutte le schede sono compatibili. Ciò significa che avrete bisogno di una Express Card per uno slot Express Card. Attualmente sono pubblicizzate PC Cards per collegamenti internet a banda larga.

Porta Parallela

Connessioni seriali / parallele: Forse ricorderete i grandi plugs delle vecchie stampanti, queste erano le porte parallele. I vecchi modem ancora hanno una connessione seriale.
Oggi entrambe le connessioni sono obsolete e sono da considerare come non necessarie. Gli attuali dispositivi sono concepiti con standard Legacy Free - e offrono solo collegamenti USB invece delle porte seriali, parallele o PS/2.

Entrambe le interfacce sono datate e non necessarie nella maggior parte dei casi. Gli attuali portatili sono concepiti con standard „Legacy Free“. Questi anno solo interfacce USB al posto di porte seriali, parallele e PS/2.

In aggiunta a queste connessioni tramite cavo, i portatili hanno una varietà di collegamenti wireless. Le tipologie più importanti sono Wireless LAN, Bluetooth ed infrarossi.

Wireless LAN o WLAN: E' una rete locale ad onde radio per il collegamento senza cavi. Il campo di azione è di circa 30-100m (in ambienti chiusi o aree aperte). Al momento sono disponibili 3 varianti di WLAN: 802.11a/b/g. Differiscono per il campo di frequenza e le emissioni consentite ed i valori di trasferimento. Nel segmento consumer gli standards 802.11 b/g (11Mbps e 54Mbps) sono i più comuni.

Bluetooth: E' una connessione wireless ad onde radio per distanze brevi (fino ad un massimo di 100m). Al momento sono disponibili le seguenti versioni: 1.0, 1.1, 1.2, 2.0; differiscono per il loro valore massimo di trasferimento dati. Le possibili aree di applicazione sono le connessioni senza cavo di dispositivi audio, cellulari, PDAs e dispositivi di input per il portatile.

Infrarossi: Consentono un trasferimento ottico di dati fino a 100 cm. Come possibili applicazioni: scambio dati con cellulare. Tuttavia sempre più porte infrarossi sono sostituite dal Bluetooth. Attenzione diversi portatili offrono collegamento ottico tramite porta infrarossi, ma si tratta solo di un collegamento in ricezione da un telecomando e non trasmette dati.

Non necessario: groviglio di cavi dovuto ad una distribuzione sfavorevole

Il posizionamento ottimale delle connessioni è un misto di preferenze soggettive ed applicazioni pratiche. Di conseguenza è importante stabilire se l'utente è destro o mancino. Se alcune connessioni sono situate a destra dove si usa mouse, potranno verificarsi spesso problemi con i vari cavi.
Decisivo per queste considerazioni è stabilire, quali connessioni sono usate, con che frequenza e per quanto tempo e di conseguenza dove non sono fastidiose.

Il discorso vale anche per la presa d'aria della ventola. L'aria calda può essere piacevole in inverno, ma nei mesi caldi può dare fastidio alle mani.

Dispositivi di Input

Ugualmente importante è la qualità e la facilità di utilizzo di tutti i dispositivi di input. Oltre alla classica tastiera influisce la presenza di un tastierino numerico (num-pad), tasti addizionali e shortkeys, ad esempio per media player.

Inoltre il touchpad con tasti addizionali e talvolta il trackpoint sono parte integrante di queste valutazioni. Switches meccanici e tasti di controllo come uno switch on/off per la WLAN o un controllo volume hanno altrettanta importanza.

Tastiera
num block

Tastiera

Anche se non ci avete fatto mai caso il layout della tastiera può essere completamente diverso. In particolare il cambio di marca potrebbe essere seccante, se si ci ritrova con le posizioni dei tasti FN, Alt, Back e dei cursori. Di solito gli utenti si adeguano ad una tastiera diversa nel giro di poche settimane.

Spesso alcuni tasti sono piuttosto piccoli. Ciò riguarda soprattutto la barra spaziatrice, Strg, AltGr, Shift, ed il tasto Enter key ed anche i tasti cursore. Non parliamo solo dei piccoli subnotebooks, ma anche dei grandi portatili desktop replacement (che partono con display da 17 pollici).

Infine ma non per ultimo la sensazione alla pressione mentre si digita differisce da marca a marca ed in relazione ai singoli modelli. La pressione può essere profonda, facile o dura. Anche la forma dei tasti può rivelarsi importante. Specialmente i tasti cesellati, piatti, con un aspetto attraente possono talvolta rivelarsi poco user-friendly e non ergonomici.

Oltre a tutti questi aspetto bisogna guardare eventuali pecche nella costruzione della tastiera. Spesso sono criticate le tastiere che non sono piatte ed emettono fastidiosi rumori mentre si digita. Alcune volte possono verificarsi problemi per tasti che reagiscono male o si muovono.

Touchpad / Trackpoint

Touchpad/Trackpoint

Questi dispositivi di input, che sono utilizzati in sostituzione del mouse, controllano il puntatore sullo schermo. Anche se magari si utilizzano solo quando si è in giro, la loro funzionalità ed usabilità sono importanti. Rilevanti sono la risposta, la precisione di controllo, l'intuitività nell'utilizzo, il posizionamento e le proprietà della superficie.

Tasti addizionali e switches

Sempre più portatili offrono in aggiunta alla tastiera ed al touchpad alcuni tasti che controllano una varietà di funzioni software. Anche gli switches per la disattivazione di WLAN e Bluetooth ed alcuni tipi di controllo volume possono essere offerti. Sebbene questi tasti siano utili e spesso utilizzati, si tratta in definitiva di gusti personali.

Display

Uno degli aspetti di maggiore importanza nell'acquisto è - o dovrebbe essere - il display. Specialmente i portatili per ufficio, che sono usati per 8-10 ore al giorno, dovrebbero avere un display eccellente.

Di base, i displays si dividono in schermi con  superficie riflettente (glare type) e displays con superficie opaca non riflettente (non glare type). L'anti-mirroring è ottenuto con un particolare trattamento della superficie del display, che riduce i fastidiosi riflessi. Alcuni produttori (Sony) applicano uno strato speciale sullo schermo per eliminare i riflessi.

matt display outdoor
reflecting display

Oltre alle singole preferenze dovrebbero considerarsi anche le seguenti esperienze quando si decide tra uno schermo riflettente od opaco:

  • i displays riflettenti risultano migliori per la rappresentazione dei colori
  • i displays opachi richiedono una luminosità di almeno 150cd/m² per fornire una buona immagine ed essere adatti all'utilizzo in ambienti aperti
  • i displays riflettenti difficilmente possono essere utilizzati all'aperto. I riflessi in ambienti luminosi impediscono il lavoro con questo tipo di schermi.
  • fastidiosi riflessi possono verificarsi anche in ambienti chiusi (i.e. se una sorgente luminosa si trova alle spalle dell'utente)
  • i displays con superficie riflettente comportano stanchezza agli occhi di più rispetto ai displays con superficie opaca

Da un lato, il formato e la risoluzione del display sono legati alla dimensione del portatile, dall'altro dipendono dal tipo di utilizzo che l'utente intende fare del portatile e dei modelli disponibili.
Esistono displays widescreen e displays standard. Le abbreviazioni (VGA, XGA, WXGA,...) indicano il formato del display e la risoluzione. Attualmente i formati e le risoluzioni più comuni possono essere trovate nel nostro DPI-article.

Di solito, il tempo di reazione del display è indicato dal produttore. Questo varia fino a 60ms (millisecondi) per i displays con alta stabilità degli angoli di visuale. Questo valore va bene per i portatili da ufficio e non disturba.
Un tempo di reazione troppo lungo può essere problematico con le applicazioni multimedia ed con i giochi (sparatutto), in quanto possono visualizzarsi delle righe. Questo fenomeno può essere osservato mentre si muove il mouse o si effettua lo scroll. Una linea guida per i portatili per il gaming è: più è basso il tempo di reazione, meglio è.

Una stabilità degli angoli di visuale è particolarmente importante per i portatili mobile, in quanto non è possibile mantenere una posizione ottimale. Pertanto un ampio angolo di visuale in verticale ed in orizzontale è un vantaggio che garantisce la massima mobilità in combinazione con la migliore qualità di immagine.
Deviazioni eccessive dal possibile cono di visione possono creare problemi di rappresentazione, inscurimento o eccessiva luminosità, falsificazione deo colori o riflessi.

Un aspetto importante molto discusso riguardo i displays TFT è quello degli errori pixel. Esistono diversi tipi di errori, che differiscono per colore. Un errore permanente bianco o nero al centro del display può essere davvero fastidioso.
Quasi tutti i display TFT fanno parte della classe di errori pixel 2. Ciò significa che c'è un tolleranza predefinita per gli errori pixel. Alcuni produttori offrono una garanzia zero-pixel-error, mentre altri inseriscono una tolleranza di errori nelle condizioni di garanzia. Se volete essere sicuri che il vostro portatile non abbia errori dovreste esaminare il vostro display sul posto o avvalervi del diritto di recesso previsto per legge. Una ulteriore possibilità è di stabilire un accordo con il rivenditore.
Tuttavia è possibile che gli errori si verifichino a distanza di giorni, mesi o anni.

Prestazioni

Le prestazioni possono essere il fattore più importante per un decisione definitiva. I componenti principali, responsabili delle prestazioni sono il processore o CPU e la scheda grafica (GPU). Potete vedere quale combinazione sia utile per le applicazioni utilizzate, sulla nostra guida hardware notebook.

Informazioni sulle schede grafiche per portatili possono essere reperite nel nostro confronto di schede grafiche mobile. Informazioni sulle prestazioni ordinate e paragonabili possono essere trovate nella nostra benchmark list di schede grafiche.

Informazioni dettagliate sui processori mobile possono essere trovate nel nostro confronto di processori mobile e nella benchmark list per CPUs mobile.

Emissioni

Spesso trascurate, ma essenziali sono le emissioni di un portatile. Parliamo delle alte temperature di superficie sul case e dei rumori, generati dalla ventola.

Primo elemento delle emissioni: ventola CPU/GPU
spesso troppo rumoroso: drive ottico
emissioni positive: altoparlanti di buona qualità

Volume

Non è molto importante se siete impegnati a giocare, ma può rivelarsi un problema serio se svolgete un lavoro in un ambiente silenzioso. Di conseguenza specialmente i portatili da ufficio ed anche i subnotebooks dovrebbero essere piuttosto silenziosi in assenza di un notevole carico (internet, office,...)

Oltre alla rumorosità misurata, ci sono altri fattori che influenzano i gusti personali. Ci riferiamo al controllo della ventola, in quanto è importante, sapere se la ventola cambia velocità in base a steps progressivi o in maniera del tutto autonoma.

Inoltre è possibile, che la rumorosità della ventola sia più fastidiosa con un livello di alte frequenze.

Una ulteriore fonte di rumore può essere il drive ottico (CD, DVD, HD-DVD, Blu-Ray), che potrebbe essere più rumoroso della ventola. In genere il rumore è correlato al numero di giri del drive ed esistono dei software per rallentare il drive. In questo modo si riduce il fastidio.

Temperatura

Oltre alla rumorosità le temperature di superficie sono il secondo problema relativo alle emissioni. Intanto è da dire che i processori desktop, che causano temperature elevate, sono stati sostituiti da CPUs mobile, ma ci sono ancora spesso dei portatili con hotspots.
Si tratta di zone del case dove la temperatura è più elevata. Le alte temperature oltre a essere fastidiose possono ridurre la durata di alcuni componenti e rendere il sistema instabile.

Altoparlanti

In genere la maggior parte dei portatili ha degli altoparlanti integrati, che si comportano in modo diverso. Se volete sfruttare il portatile per ascoltare musica, o DVD e non volete collegare casse esterne, dovete testare la qualità del suono delle casse integrate.

Autonomia della batteria

Un portatile con un batteria troppo piccola, è come una macchina che riesca a caricare solo 10 litri di benzina. Con la differenza che non serve un distributore ma una presa di alimentazione.

sorgente di mobilità: una batteria dalle ottime prestazioni

Questo specifico aspetto dipende la tipo di uso che si farà del portatile. Nella maggioranza dei casi i portatili sono usati da postazione fissa con alimentazione di rete. Se volete usare il portatile all'esterno, una autonomia buona è indispensabile. Un alternativa possibile potrebbe essere una batteria secondaria, che vi consenta di incrementare l'autonomia. Inoltre alcuni produttori offrono delle soluzioni ultra- o multibays, che vi consentono di inserire una batteria addizionale al posto del drive ottico.

Una autonomia considerevole è di circa 2h sotto carico e 4h senza carico.

Inoltre dovete considerare che le specifiche fornite dal produttore sono teoriche e possono differire anche di molto in pratica.

Potete leggere informazioni su come incrementare l'autonomia del portatile qui.

Garanzia

La garanzia è importante,perché spesso le riparazioni possono essere fatte solo dalla casa madre e possono essere costose. La ragione sta nella compattezza del dispositivo e nel rimontaggio perfetto delle parti all'interno del case.

Per ovviare a questi problemi una garanzia può rappresentare una soluzione. La maggior parte dei produttori garantiscono per 2 anni, mentre i portatili professionali hanno una garanzia di 3 anni. Naturalmente anche questo incide sul prezzo finale. Oggigiorno ci sono aziende terze ce offrono una copertura assicurativa contro i furti.

Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove de portatili e telefoni cellulari > Guida agli acquisti > Guida all'acquisto di un Portatile
J. Simon Leitner, 2009-11- 5 (Update: 2014-09-19)