Notebookcheck

Confronto di tre cuffie True Wireless: più costoso non significa necessariamente migliore

Daniel Schmidt, 👁 Daniel Schmidt (traduzione a cura di G. De Luca), 02/03/2020

Battaglia tra buds! Tre cuffie TWS a confronto. Mentre i FreeBuds 3 di Huawei e i Galaxy Buds di Samsung sono due popolari concorrenti della fascia di prezzo media, gli AirDots di Redmi sono notevolmente più economici. Questi ultimi si sono rivelati una gradita sorpresa.

I FreeBuds 3 di Huawei e i Galaxy Buds (SM-R170) di Samsung sono due concorrenti molto simili. In confronto, gli auricolari Mi True Wireless Earbuds di Xiaomi, venduti al di fuori della Cina come Redmi AirDots, sono notevolmente più economici rispetto ai due concorrenti True Wireless (TWS). Tuttavia, abbiamo deciso di includerli in questo articolo, poiché saranno più che sufficienti per molti utenti, e offrono un rapporto prezzo-prestazioni molto interessante.

Leggete la tabella sottostante per un confronto. Considerate che i prezzi elencati di seguito sono quelli ufficiali al pubblico ma le cuffie si possono già trovare a prezzi inferiori.

Huawei FreeBuds 3 Samsung Galaxy Buds Xiaomi Redmi AirDots
Design open fit in-ear in-ear
Bluetooth 5.1 5.0 5.0
Batteria (cuffie) 30 mAh 58 mAh 43 mAh
Batteria (case ricarica) 410 mAh 252 mAh 300 mAh
Connessioni USB-C USB-C Micro-USB
Ricarica Wireless si yes no
Pesp (per auricolare) 4.5 g 6 g 4 g
Peso (case di ricarica vuoto) 48 g 40 g 26 g
Prezzo (MSRP) 179,- EUR 149,- EUR 30,- EUR

Case ed ergonomia

I Galaxy Buds Samsung sono disponibili in un case di ricarica compatto e opaco che non accumula impronte digitali ed è piacevole da tenere in mano. Quest'ultimo vale anche per i FreeBuds di Huawei, ma la finitura lucida del loro case è una vera calamita per lo sporco. Entrambi i prodotti sembrano molto ben fatti, ed entrambe le cerniere dovrebbero durare a lungo. Ci sono piaciuti anche i magneti che tengono i buds in posizione una volta inseriti. La custodia degli AirDots, invece, sembra molto più economica. La finitura in plastica opaca non è completamente priva di impronte digitali, e abbiamo trovato i bordi troppo affilati e il materiale troppo sottile e nel complesso troppo debole. Anche la cerniera non sembrava particolarmente rigida e resistente, ma ha comunque svolto il suo compito di tenere il coperchio in posizione. Nonostante i magneti all'interno della custodia, gli AirDots hanno vibrato notevolmente quando abbiamo agitato leggermente la custodia.
Lo stesso vale per le cuffie. I due concorrenti più costosi appaiono molto più premium e attraenti rispetto agli AirDots di Xiaomi dall'aspetto piuttosto goffo. Ciononostante, la qualità costruttiva era decente.

La grande differenza tra i FreeBuds da un lato e i Galaxy Buds e gli AirDots dall'altro è il loro design in-ear. Mentre questi ultimi sono veri auricolari in-ear, il tentativo di Huawei è più aperto. I definitiva è una questione gusti personali. Se non vi dispiacciono auricolari inseriti in profondità nel canale uditivo avrete il vantaggio aggiuntivo di un certo grado di cancellazione del rumore ambientale passivo. Samsung e Xiaomi hanno tre attacchi di dimensioni diverse per i loro auricolari, e l'attacco più piccolo di Xiaomi sembrava un po' più grande di quello di Samsung. Entrambi sono molto stretti e saldi nell'orecchio interno. I FreeBuds sono diversi in quanto si agganciano nella zona bassa dell'orecchio. A seconda dell'anatomia dell'orecchio individuale, questo potrebbe funzionare alla grande e tenerli saldamente in posizione, o potrebbe rivelarsi un po' traballante. Può anche differire tra l'orecchio sinistro e quello destro.

Galaxy Buds
AirDots
FreeBuds

Funzioni

Tutti e tre i modelli sono dotati di una piccola custodia di ricarica per riporli, e su tutti e tre la batteria della custodia era abbastanza grande da contenere due cariche per auricolari. Mentre Xiaomi e Samsung supportano il Bluetooth 5.0, il FreeBuds 3 di Huawei supporta già l'ultimo standard Bluetooth 5.1. A differenza del Samsung e del Xiaomi, il FreeBuds 3 supporta la cancellazione passiva del rumore chiudendo il canale uditivo, il FreeBuds 3 supporta la cancellazione attiva del rumore (ANC).
La custodia degli AirDots si ricarica tramite micro USB, le altre due tramite USB-C o, in alternativa, posizionandole su qualsiasi tappetino di ricarica compatibile con Qi o su qualsiasi smartphone che supporti la ricarica senza fili inversa. La funzione di ricarica wireless ha funzionato molto bene nei nostri test.

Set-up

La configurazione per la prima volta è molto più semplice con gli auricolari di Samsung e Huawei, soprattutto perché passano istantaneamente alla modalità di accoppiamento non appena si aprono le rispettive custodie per la prima volta. Se accoppiate i FreeBuds con uno smartphone Huawei con EMUI 10 i vostri auricolari si connetteranno istantaneamente. Tutti gli altri smartphones Android richiederanno l'app AI Life da scaricare dall'app store di Google per poter accedere a tutte le funzionalità di FreeBuds.
Gli auricolari Samsung si comportano in modo molto simile se l'app Galaxy Wearable è già installata sul vostro smartphone, nel qual caso l'app vi guiderà comodamente attraverso il processo di configurazione. I Redmi AirDots non hanno alcun tipo di funzionalità di setup di comfort. Per poterli accoppiare con il proprio smartphone è necessario premere e tenere premuto il tasto destro fino a quando non si passa alla modalità di accoppiamento, e poi accoppiarli con qualsiasi smartphone si desideri, compresi gli iPhone.
L'accoppiamento dei due concorrenti degli AirDots con un iPhone viene eseguito in modo simile, poiché entrambe le aziende non offrono applicazioni iOS. Per i Galaxy Buds bisogna premere e tenere premuto uno dei sensori tattili mentre i FreeBuds sono dotati di un pulsante di accoppiamento sulla custodia di ricarica.

Utilizzo

Gli AirDots sono gli unici concorrenti del nostro gruppo di prova a cui manca il supporto per le app. Di conseguenza, non ci sono impostazioni o funzioni speciali in attesa di essere configurate, non ci sono impostazioni dell'equalizzatore da mettere a punto e non ci sono aggiornamenti del firmware da scaricare e installare. Sono controllati tramite pulsanti integrati che permettono di rispondere, terminare o rifiutare le telefonate, mettere in pausa o riprendere la riproduzione audio e lanciare l'assistente vocale. Mentre questi in genere hanno funzionato bene durante i nostri test, purtroppo abbiamo notato che l'accoppiamento stereo non funzionava correttamente occasionalmente. La soluzione più semplice che ha funzionato la maggior parte delle volte è stato un semplice riavvio; tuttavia, a volte è stato necessario un reset completo. Inoltre, abbiamo trovato i pulsanti troppo sdrucciolevoli e avremmo voluto un feedback tattile più pronunciato e preciso.

I Galaxy Buds di Samsung sono configurati e aggiornati tramite l'app Galaxy Wearable. Tra le altre cose l'app permette di impostare le notifiche o di regolare l'equalizzatore. Gli auricolari stessi sono controllati tramite sensori tattili montati in superficie, che hanno funzionato molto bene durante i nostri test. Solo il triplo tocco ha richiesto un po' di tempo per abituarsi, dato che i tre colpetti devono essere eseguiti molto rapidamente. Questi sensori tattili possono essere bloccati tramite l'app e la funzione di tenuta può essere configurata di conseguenza. Gli assistenti vocali vengono attivati utilizzando la voce. Questo ha funzionato con tutti gli assistenti vocali disponibili su Android e non su un iPhone.

I FreeBuds 3 di Huawei sono configurati tramite l'app AI Life. Non è così estesa come l'app Samsung Galaxy Wearable ed è in parte esternalizzata alle impostazioni standard Bluetooth. Gli auricolari sono controllati tramite doppio tocco sui tasti, che ha funzionato abbastanza bene. Le funzioni sono accessibili su uno dei due auricolari, ma nel complesso i Galaxy Buds si sono rivelati più flessibili e regolabili. Proprio come sul Galaxy Buds di Samsung, l'attivazione di Siri non ha funzionato affatto.

FreeBuds 3: App
FreeBuds 3: App
Galaxy Buds: App
Galaxy Buds: App

Portata

Per questo test abbiamo accoppiato ogni set di buds wireless con uno smartphone dello stesso produttore. I Redmi AirDots sono stati accoppiati con uno Xiaomi Mi 9 (BT 5.0), i Galaxy Buds con un Galaxy Note 10+ (BT 5.0), e i FreeBuds 3 con un Huawei Mate 30 Pro (BT 5.1).

Nel complesso, tutti e tre i concorrenti si sono comportati molto bene. Non abbiamo avuto problemi di connettività un piano sopra e abbiamo iniziato a notare solo problemi di riproduzione cercando di salire un altro piano. Gli auricolari Huawei avevano la gamma più alta, seguiti da vicino dagli AirDots in leggero ritardo di due piedi. I Galaxy Buds di Samsung hanno offerto il raggio d'azione più corto e sono rimasti un altro piede dietro gli AirDots.

Qualità vocale e cancellazione del rumore

La qualità vocale era molto diversa tra le tre cuffie TWS. L'ultimo posto è chiaramente occupato dagli AirDots di Xiaomi. Echeggiavano pesantemente anche in ambienti tranquilli e sembrava come se fossimo seduti dentro una lattina vuota. In altre parole: Eravamo a malapena comprensibili. Con l'aggiunta del suono ambientale le cose sono diventate molto più brutte rapidamente, dato che gli AirDots sembrano non avere alcun tipo di filtro per il rumore ambientale. Certo, la cancellazione passiva del rumore era evidente, ma non è affatto un'alternativa adeguata alla cancellazione attiva del rumore.
I Galaxy Buds hanno fatto molto meglio in questo test e hanno anche offerto un'impostazione che permette di bypassare la cancellazione passiva del rumore attraverso i microfoni del dispositivo, per esempio per evitare di bloccare il rumore del traffico se necessario. Anche la qualità della voce è stata molto migliore, anche se anche i Galaxy Buds non sono stati completamente privi di echi minori. Il rumore ambientale è per lo più filtrato molto bene, il che significa che la nostra voce è rimasta ben comprensibile, anche se anche la percettibilità ha sofferto un po'.
Gli Huawei FreeBuds 3 sono stati gli unici auricolari del nostro gruppo di prova con cancellazione attiva del rumore. Sfortunatamente, ci ha completamente delusi durante i nostri test e non ha funzionato affatto. Anche se è possibile regolare il segnale sonoro invertito nell'app, non fa nulla per ridurre il rumore di fondo, ma lo cambia solo leggermente. Questo è stato particolarmente fastidioso, considerando che la qualità complessiva della voce si è rivelata comunque abbastanza buona. In ambienti tranquilli i FreeBuds 3 sono stati i migliori dei tre concorrenti. Anche alti livelli di rumore ambientale non hanno avuto alcun effetto negativo sulla percettibilità rispetto agli auricolari Samsung, ma purtroppo il rumore di fondo è rimasto sempre udibile e percepibile.
Una caratteristica che accomuna tutti e tre gli auricolari è l'elevata sensibilità al vento del loro microfono.

Qualità Audio

Prima le cose importanti: Nessuno dei tre contendenti è stato un completo fallimento per quanto riguarda la qualità audio. Il suono AKG del Galaxy Bud con il suo equalizzatore finemente accordato era il più flessibile, e i Buds offrivano un panorama sonoro relativamente equilibrato. I FreeBuds 3 si sono comportati altrettanto bene nel complesso, anche se i bassi erano un po' meno pronunciati rispetto ai Galaxy Bud. In cambio, gli alti erano molto più chiari e ampi. In definitiva il tutto si riduce ancora una volta a preferenze personali.
Gli AirDots hanno offerto bassi molto dominanti e alti ben rappresentati a scapito dei toni medi, che sono peggiorati solo con l'aumento del volume. Tutte e tre le cuffie hanno distorto notevolmente al massimo volume, anche se la soglia di distorsione dei due contendenti più costosi era più alta di quella degli AirDots. Quest'ultimo ha distorto molto prima e molto peggio degli altri due. A livelli di volume più bassi, però, si sono comportati molto bene.
La latenza audio durante la visione dei video non è stata un problema con tutti e tre gli auricolari. Solo a un'ispezione molto ravvicinata e dettagliata si possono rilevare anche piccoli ritardi.

Autonomia della batteria

La durata della batteria è stata testata nelle stesse circostanze descritte sopra mentre si riproduceva la musica a volume massimo.
Dato che i Galaxy Buds avevano la batteria più grande ci aspettavamo che durassero più a lungo, e non ci hanno deluso. In cambio, i FreeBuds si sono rivelati molto più efficienti dei Galaxy Buds, che durano ben il 25% in più per mAh. Gli AirDots sono ultimi in questo test. Non sono né particolarmente efficienti né durano molto a lungo.

Autonomia minuti/mAh
Galaxy Buds (58 mAh) 5 h 50 min 6.03
FreeBuds 3 (30 mAh) 3 h 47 min 7.57
AirDots (43 mAh) 2 h 17 min 3.19

Giudizio Complessivo

Sia i Galaxy Buds di Samsung che i FreeBuds 3 di Huawei offrono una buona esperienza complessiva. Gli auricolari Samsung offrono una buona qualità audio, una grande varietà di impostazioni e una lunga durata della batteria. Se non siete troppo appassionati di cuffie intrauricolari, i FreeBuds sono una buona alternativa con una qualità audio altrettanto buona. Sfortunatamente, i nostri test hanno rivelato che la funzione ANC è un completo fallimento.
La differenza di prezzo tra i due concorrenti più costosi e i Redmi AirDots (aka Xiaomi Mi True Wireless Earbuds) è diventata evidente durante i nostri test. Mentre gli AirDots offrivano una qualità audio sorprendentemente buona all'inizio, all'inizio è scesa rapidamente quando abbiamo alzato il volume. La qualità della voce era mediocre, la durata della batteria relativamente scarsa e degna solo dell'ultimo posto, e i problemi di accoppiamento dei Bluetooth menzionati sopra possono essere un vero e proprio inconveniente. In considerazione del loro prezzo molto basso, tuttavia, meritano una raccomandazione limitata per tutti coloro che vorrebbero semplicemente provare le cuffie TWS senza spendere troppi soldi, o che intendono usarle per lo più in un ambiente tranquillo.

Le cuffie TWS non devono necessariamente essere costose. La maggior parte degli utenti beneficerà però delle opzioni più costose.

Purtroppo, nessuna di queste cuffie offre un supporto iOS ben fatto. A questo proposito, i Galaxy Buds della Samsung hanno dato i migliori risultati. Hanno offerto un pacchetto complessivo ben bilanciato e un'esperienza ben bilanciata e forniscono ciò che affermano di avere. Alla fine la decisione si riduce a una preferenza personale per il design e la qualità audio.

Recensione Xiaomi Redmi AirDots, Samsung Galaxy Buds, e Huawei FreeBuds 3. Dispositivi forniti da Xiaomi Austria e Huawei Germany
Recensione Xiaomi Redmi AirDots, Samsung Galaxy Buds, e Huawei FreeBuds 3. Dispositivi forniti da Xiaomi Austria e Huawei Germany
Please share our article, every link counts!
> Recensioni e prove di notebook, tablets e smartphones > Recensioni e prove > Recensioni e prove > Confronto di tre cuffie True Wireless: più costoso non significa necessariamente migliore
Daniel Schmidt, 2020-02- 3 (Update: 2020-02- 3)